Il piano di Russia e Francia ​per annientare il Califfato

Putin e Hollande avviano una maggior collaborazione per contrastare i terroristi in Siria, salvaguardando le postazioni dei ribelli moderati

Putin e Hollande durante l'incontro al Cremlino
Putin e Hollande durante l'incontro al Cremlino

L'abbattimento del Sukhoi russo al confine tra Siria e Turchia avrebbe potuto generare un'escalation di violenza in Medio Oriente. Così, però, non è stato: Putin ha mantenuto la calma davanti a quella che è parsa subito una provocazione di Ankara e ha deciso di tendere la mano ad Hollande per combattere assieme il terrorismo.

Secondo quanto ha reso noto il ministro degli Esteri francese, Laurent Fabius, il presidente russo ha chiesto alla Francia di disegnare una mappa delle aree siriane dove operano i gruppi che stanno combattendo l’Isis in modo da non bombardarli.

Durante l'incontro al Cremlino, Putin e Hollande hanno inoltre concordato di avviare operazioni scambio di intelligence sull’Isis e gli altri gruppi ribelli, Al Nusra in primis, in modo da migliorare l’efficacia dei loro bombardamenti.

"Ci ha chiesto -ha spiegato Fabius- di definire una mappa delle forze che non sono terroristi e che stanno combattendo il Daesh (acronimo arabo per Isis). Si è impegnato a non bombardare quelle zone una volta che gliele avremo indicate".

Il ministro degli esteri francesi ha aggiunto che l’obiettivo immediato per Francia e Russia nelle prossime settimane sarà di liberare Raqqa, la roccaforte dell’Isis in Siria ("Il centro neurologico del Daesh, dove gli attentati, soprattutto quelli in Francia, sono partiti") e colpire le infrastrutture petrolifere controllate dal gruppo.

Fonti francesi hanno illustrato la possibilità di schierare forze speciali, una misura che è stata discussa martedì anche con il presidente americano, Barack Obama. Questo il quadro delle relazioni tra Francia e Russia fino ad oggi.

Ma Putin punta anche a creare un vasto fronte anti-Isis che preveda la collaborazione russa con la coalizione internazionale a guida degli Stati Uniti.

Commenti