Regno Unito, le distillerie ora producono gel igienizzanti

Nel Regno Unito le distillerie di gin hanno deciso di indirizzare la produzione verso i gel igienizzanti, venendo incontro alla carenza di prodotti dall'aumento di casi di coronavirus nella nazione

Il Regno Unito, come tutta l'Europa e il resto del Mondo, è sempre più nel pieno sconvolgimento causato dal crescente aumento dei casi positivi al coronavirus dall'inizio del mese; di conseguenza, inizia a scarseggiare in particolare il gel igienizzante, sempre più richiesto dalla popolazione. Per venire incontro a questo bisogno, tutte le distillerie del Paese hanno cambiato la loro produzione, indirizzandosi verso il disinfettante per le mani. Il consiglio diffuso alla popolazione inglese è quello di lavarsi regolarmente le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi o di usare un disinfettante per le mani che contenga almeno il 60% di alcol per prevenire la diffuzione del virus.

In tutto il Regno Unito, i casi positivi al coronavirus confermati sono 2.716, mentre sono 138 i morti. Martedì scorso una distilleria, Lincoln Gin, ha annunciato di voler mettere a frutto talenti e risorse per la creazione di gel per le mani per poter prestare il proprio aiuto. Il proprietario, Matt Felgate, intervistato alla BBC ha dichiarato: "Stiamo cercando di utilizzare le risorse che abbiamo - vale a dire l'alcol ad alta resistenza - per mettere insieme un disinfettante funzionale per le mani. Non voglio un centesimo da questo. Sono qui per aiutare e fare la cosa giusta." Un'altra ditta, la Psychopomp di Kingsdown (Bristol), fornirà 100 ml di gel a testa in cambio di una donazione all'ente benefico del Bristol Children's Hospital, The Grand Appeal. Un portavoce della distilleria ha riferito al MailOnline che la società finora ha raccolto circa 800 sterline per l'ospedale.

A Dundee, invece, la distilleria Verdant Spirits è stata contattata dal Sistema Sanitario Nazionale e ha stretto alcune partnership con la speranza di produrre 400 litri di gel igienizzante a partire da questa settimana. Il proprietario, Andrew Mackenzie, ha chiesto alla gente di donare per la produzione del gel attraverso una campagna Go Fund Me che da qul momento è riuscita a raccogliere 2.463 sterline e l'obiettivo è quello di raggiungere le 2.500 sterline.

Oltre al gel, c'è chi produrrà atomizzatori manuali tra circa tre settimane, come la 58 Gin, a Londra. Gel igienizzante prodotto anche nella distilleria Brewdog, in Scozia, per poter aiutare le persone a proteggersi da questa pandemia; in questo caso, il disinfettante prende il nome dalla loro birra artigianale Punk IPA di BrewDog. Infine, si rende noto come oltre alle distillerie l'impegno di produrre gel igienizzante sia stato preso anche da marchi prestigiosi di profumi come per esempio Dior, Givenchy e Absolut.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di bandog

bandog

Sab, 21/03/2020 - 15:54

perché il Gin non è sufficientemente igienizzante???XD