Trump: "Putin va col diavolo" E ora lo Zar boccia il tycoon

Vladimir Putin non usa giri di parole e attacca la nuova amministrazione Usa: "I rapporti tra Russia e Usa sono peggiorati"

Trump: "Putin va col diavolo" E ora lo Zar boccia il tycoon

Vladimir Putin non usa giri di parole: "I rapporti tra Russia e Usa sono peggiorati". Le parole del presidente russo arrivano in un giorno "caldo", ovvero durante l'incontro tra il segretario di Stato Usa Rex Tillerson e il suo omologo Sergey Lavrov. "Possiamo dire che il livello di fiducia, sopratutto sul piano militare, non è migliorato e anzi con ogni probabilità è peggiorato", ha spiegato Putin. Al centro dell'incontro tra i due ministr degli Esteri c'è ovviamente la crisi siriana. Lavrov ha puntato il dito contro Washington: "Le azioni americane e l'attacco illegale alla Siria sono molto preoccupanti. Mosca - ha aggiunto Lavrov - ritiene vitale che in futuro non ci siano altri attacchi americani in Siria".

E a far salire la tensione tra Russia e Usa c'è anche il dossier di Washington che accusa Mosca di "aver nascosto le prove dell'attacco al gas di Assad in Siria". Ma lo scontro non finisce qui. Trump in un'intervista a Fox News ha affermato: "Putin sta sostenendo una persona che rappresenta il male. E secondo me questo è molto grave per la Russia; lo è per l'umanità", ha detto il presidente, specificando anche che gli Stati Uniti, dopo l'attacco volto a colpire il regime di Assad, non manderanno truppe di terra in Siria. "Se la Russia non fosse entrata e non avesse sostenuto questo animale", "questa persona veramente malvagia" che è il presidente siriano Bashar Assad, "non avremmo questo problema ora", ha concluso Trump.

Commenti