Ufo, la Cia svela migliaia di dossier governativi

Migliaia di file della Cia che documentano avvistamenti di Ufo, gli oggetti volanti non identificati, sono stati pubblicati questa settimana sul sito Black Vault

Ufo, la Cia svela migliaia di dossier governativi

Migliaia di documenti declassificati della Cia sui cosiddetti Ufo - oggetti volanti non identificati - sono stati resi pubblici questa settimana e pubblicati nell'archivo online Black Vault, entrato in possesso del cd-rom degli 007 americani. Secondo la Cia, conterrebbe tutti i report di avvistamenti nel mondo dagli anni '50 fino agli anni duemila. Spulciando nei dossier governativi pubblicati su Black Vault, archivio online fondato da John Greenewald Jr, scrive il Guardian, si leggono di misteriose esplosioni in una città russa e reportage di prima mano di uno strano avvistamento di un oggetto volante vicino a Baku, la capitale dell'Azerbaigian, oltre ad avvistamenti di "dischi volanti" in Sudamerica negli anni '60 e in Corea del Sud. Greenewald ha spiegato a Motherboard che l'agenzia di intelligence ha messo insieme i documenti in un formato "obsoleto" che rende difficile analizzare la raccolta.

La pubblicazione dei documenti declassificati arriva proprio quando gli Ufo sembrano aver catturato l'attenzione dei legislatori del Congresso. Come ricorda l'Agi, a Washington sembrano aver preso molto sul serio la questione Ufo negli ultimi tempi, visto che a fine dicembre nel decreto "stimulus" è stato inserito anche un capitolo con cui la commissione Intelligence del Senato ha chiesto a Pentagono e dipartimento della Difesa di stilare un rapporto sugli avvistamenti di Ufo. Il documento andrà redatto entro sei mesi. Nell'agosto dello scorso anno, il dipartimento della difesa ha creato una task force sugli oggetti volanti misteriosi per "rilevare, analizzare e catalogare gli Uap - fenomeni aerei non identificati - che potrebbero potenzialmente rappresentare una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti" dopo che i legislatori hanno fatto pressioni sul dipartimento per fare indagini più serie sugli avvistamenti.

Avevano destato scalpore, infatti, i video pubblicati dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti nell'aprile dello scorso anno che mostravano alcuni oggetti non identificati nello spazio aereo americano: immagini catturate durante i voli di addestramento dei piloti. L'ex senatore degli Stati Uniti Harry Reid, che indagava come deputato sugli Ufo e sugli Uap, ha ritwittato il video scrivendo: “Gli Stati Uniti devono dare uno sguardo serio e scientifico a questo e alle potenziali implicazioni per la sicurezza nazionale. Il popolo americano merita di essere informato". Sempre in tema Ufo, lo scorso dicembre, in un'intervista al quotidiano Yediot Aharonot, il generale in pensione Haim Eshed, capo del programma di sicurezza spaziale dello Stato ebraico dal 1981 al 2010, ha rivelato che il suo Paese sarebbe in contatto con gli alieni. Il professore, 87 anni, ha spiegato che "gli oggetti volanti non identificati hanno chiesto di non pubblicare che sono qui, l'umanità non è ancora pronta". L'ex funzionario ha anche affermato che gli alieni esistono, e Trump ne sarebbe a conoscenza.

Commenti

Commenta anche tu
Grazie per il tuo commento