Le tre richieste di Filippo prima di morire

Nell’ultimo anno il principe Filippo e il principe Carlo, nonostante i caratteri opposti, si sono riavvicinati e il duca avrebbe lasciato preziosi consigli al figlio su come governare il regno

Le tre richieste di Filippo prima di morire

All’uscita dalla Royal Chaper of All Saints a Windsor, lo scorso 11 aprile, per la funzione in suffragio al principe Filippo, Sophie di Wessex ha raccontato gli ultimi momenti di vita del duca, ricordandoli con visibile commozione: “È stato come se qualcuno lo prendesse per mano e andasse via”. Un addio “gentile”, ha detto la contessa, “in pace e questo è ciò che tutti voi volete per qualcuno, non è vero?”. La contessa ha lodato anche il coraggio della sovrana, dicendo: “La Regina si preoccupa degli altri, prima che di se stessa”.

Come giustamente mette in risalto il Messaggero in edicola oggi, la morte del duca di Edimburgo ha portato al centro della scena i figli di Filippo ed Elisabetta, con i loro ricordi, i loro aneddoti sul marito della sovrana. In disparte, finora, si sono tenuti i nipoti William e Harry. Il protagonista di queste ore è di certo il principe Carlo. Secondo l’esperto Robert Jobson, che ha scritto un libro dedicato al principe Filippo, dal titolo “Prince Philip’s Century. The Extraordinary Life Of The Duke Of Edinburgh”, nell’ultimo anno ci sarebbe stato un riavvicinamento tra padre e figlio. I due, distanti per carattere, ambizioni e stile di vita, avrebbero trovato un compromesso per il bene della Corona.

Filippo, definito dal principe di Galles “duro e autoritario”, non avrebbe mai davvero capito l’indole sensibile e introversa del figlio. Si racconta che, per insegnare a quest’ultimo a nuotare, il duca avesse un metodo infallibile, sebbene alquanto discutibile: lanciarlo direttamente nella piscina di Buckingham Palace. Il principe Filippo, ci dice l’esperto, è sempre stato più interessato ad argomenti come l’ingegneria e la tecnologia, al contrario dell’erede al trono, appassionato di natura e ambiente. Pare che i due abbiano litigato più volte su questioni ambientaliste come gli OGM, per esempio.

Lady Diana, poi, sarebbe stata al centro di diverse discussioni. Filippo non gradiva i tentennamenti di Carlo, che non si decideva a farle la proposta di matrimonio. Pare che un giorno il duca si sia talmente spazientito da dire al figlio, senza tante cerimonie:“O la sposi, o la lasci”. Il resto è Storia. Gli ultimi mesi, però, avrebbero segnato un cambiamento di passo nel loro rapporto. Gli scandali degli ultimi tempi, dalla vicenda Epstein alla Megxit fino all’intervista di Harry e Meghan con Oprah, avrebbero spinto i due a unire le forze in nome della Corona.

Per questo, in punto di morte, il principe Filippo ha fatto convocare il principe Carlo. Doveva dirgli tre cose importantissime. La prima riguardava l’inevitabilità del momento. “Voglio morire a casa, non nella stanza di una clinica” avrebbe detto l’anziano duca. La seconda era un pensiero dedicato all’amata moglie. Filippo avrebbe chiesto a Carlo di prendersi cura della regina Elisabetta. La terza segna una specie di passaggio di testimone, perché il principe ormai a un passo dalla fine avrebbe dato dei consigli e delle istruzioni al figlio su come governare il regno.

Non aspettatevi un’abdicazione. Sua Maestà continuerà a regnare, fedele alla promessa fatta al popolo inglese nel giorno della sua incoronazione. Tuttavia Carlo potrebbe ottenere, oltre al titolo di duca di Edimburgo, anche un maggiore potere all’interno della royal family. L’ultima conversazione tra l’erede e suo padre sembra quasi un’investitura ufficiosa. Chissà se i due hanno parlato anche del principe Harry. Dalle ultime indiscrezioni sembra che il principe Filippo sia stato informato della portata dell’intervista concessa dai Sussex alla Winfrey. L’esperta Katie Nicholl, poche giorni dopo la scandalosa chiacchierata, affermò: “La famiglia tiene molto al fatto che non sia a conoscenza dell’intera portata dell’intervista”.

Invece, forse, Filippo sapeva tutto. È possibile che la sua indole decisa, temprata dalla vita militare, non abbia accettato di essere messa da parte in una faccenda tanto grave. A questo proposito c’è stata una bomba mediatica, lanciata da Brian Kilmeade, conduttore del programma della Fox “Fox and Friends”, il quale ha dichiarato: Dicono che Filippo fosse andato su tutte le furie” dopo aver saputo dell’intervista e ha aggiunto: “Stava cercando di riprendersi dai suoi ultimi problemi di salute e gli è arrivata in testa questa tegola”. Forse imputare ai Sussex la colpa di questa morte è esagerato.

Però non possiamo far finta di niente: Gli occhi del mondo sono puntati su Harry, che sarà presente al funerale del nonno, il prossimo 17 aprile, senza Meghan Markle. La duchessa, su ordine dei medici, dovrà rimanere negli Stati Uniti. Toccherà al duca di Sussex tentare di ricucire lo strappo. Secondo gli esperti sia Carlo che Elisabetta sarebbero felicissimi di vedere di nuovo la famiglia riunita e, con l’aiuto dell’ex spia dell’MI5, Andrew Parker, ora nominato Lord Ciambellano, stanno organizzando il funerale del principe Filippo.

Commenti