La Moratti promuove a New York finanza ed economia milanesi

Dopo la cultura e i nuovi musei, il sindaco prosegue il tour nella Grande Mela illustrando a finanziari, banchieri e imprenditori, i punti di forza e le opportunità di investimento "della prima area economica italiana, la seconda dell'Europa"

La Moratti promuove a New York finanza ed economia milanesi

"Milano è già il cuore pulsante di una grande area metropolitana e costituisce uno dei principali nodi dell’economia mondiale, in termini di mercato, di servizi all’impresa, di eccellenze tecnologiche, scientifiche e del design. È una città in continua trasformazione. L’Expo 2015 e il nuovo Piano di governo del territorio rappresentano le forze innovative più importanti che cambieranno il futuro della città, per renderla sempre più attrattiva a livello internazionale. Un futuro all’insegna del verde e dell’ecosostenibilità". Con queste parole il sindaco Letizia Moratti è intervenuta ieri, all’ANdAZ Wall Street Hotel, al convegno "Impresa Milano: Innovation and Passion", dove ha presentato l’universo imprenditoriale milanese, davanti a un parterre di circa 300 persone: finanzieri, banchieri ma anche imprenditori dei diversi settori merceologici.

Il sindaco ha illustrato "lo straordinario patrimonio di risorse economiche, finanziarie e culturali della città per attirare investimenti". Con una popolazione di circa 3.4 milioni di abitanti, fra i quali 256mila stranieri, attualmente la metropoli lombarda genera un Pil di 162 miliardi di dollari, il 10% del Pil nazionale, un reddito pro-capite di 44 mila dollari e ha un tasso di disoccupazione del 3,8%.

"A Milano - ha spiegato Letizia Moratti - nelle oltre 280 mila imprese del territorio, il 28% delle quali opera nel terziario, lavorano ogni giorno più di 600mila persone residenti, cui si aggiungono altre 500mila provenienti dai Comuni limitrofi. Siamo una grande città collocata al centro dei più importanti corridoi di comunicazione da Est a Ovest e da Nord a Sud dell’Europa" con grandi potenzialità di crescita nei confronti di un bacino d'utenza allargato, oltre all'Europa, al Nord Africa e al Medio Oriente.

"Milano - ha commentato Letizia Moratti - è una città strategica per gli investitori che decidono di localizzarsi in Europa. Con il 25% delle banche italiane, più di 9 mila compagnie finanziarie e 17 Camere di Commercio straniere, è la prima area economica in Italia e la seconda in Europa per R&D, investimenti e progetti immobiliari. Il 50% del Pil della città si concentra, insieme con la moda, nel design. Milano è sede del Salone Internazionale del Mobile primo salone al mondo e punto di riferimento internazionale del settore, da oltre quarant’anni".

"Delle 120mila imprese innovative italiane, oltre 16 mila hanno sede a Milano e provincia e rappresentano l’8.5% di tutta Italia. I settori trainanti sono l’ICT, la farmaceutica e le biotecnologie. Milano è la capitale dell’editoria e la Borsa milanese è la quinta in Europa e nona nel mondo. Con 106 consolati - ha proseguito il sindaco - la città vanta il più alto numero di sedi diplomatiche dopo New York".

Infine il sindaco ha raccontato come Milano ha conquistato la candidatura all’Expo del 2015, per la quale sono previsti 20 milioni di visitatori, 70mila posti di lavoro e 7mila eventi. L’internazionalità del brand Milano ha portato a collaborazioni con più di 90 Paesi e a 485 progetti di cooperazione avviati in tutto il mondo. "Non ci siamo mai arresi durante la battaglia per l’Expo - ha sottolineato con orgoglio Letizia Moratti - Abbiamo costruito un progetto aperto al mondo che mette a disposizione di tutti il patrimonio di risorse, intelligenza e creatività offerto da Milano e dall’Italia. L’organizzazione di Expo sarà realizzata secondo criteri di compatibilità ambientale e di sostenibilità. L’Esposizione Universale sarà uno strumento straordinario per aprire nuovi canali di collaborazione economica e culturale con il mondo e per aiutare concretamente i Paesi in via di sviluppo. Sarà un’occasione preziosa per la città. Dobbiamo continuare a costruirla con entusiasmo come abbiamo fatto fino ad ora - ha concluso il Sindaco Moratti - per dare impulso all’innovazione nel campo della Green economy, alle nuove tecnologie nei settori dell’agroindustria e coinvolgere i giovani di tutto il mondo, attraverso programmi di scambio formativi e culturali".

Commenti