La Moratti: "Stop al patteggiamento per gli spacciatori di droga"

Il sindaco di Milano di concerto con il prefetto e gli altri enti locali sottoporranno al Viminale una richiesta di revisione sulle normative di contrasto

La Moratti: "Stop al patteggiamento 
per gli spacciatori di droga"

Il sindaco di Milano Letizia Moratti, di concerto con il prefetto Gian Valerio Lombardi e gli altri enti locali sottoporranno al Viminale una richiesta di revisione sulle normative di contrasto alla tossicodipendenza, con l’abolizione della possibilità di patteggiamento per gli spacciatori e il superamento della distinzione discrezionale tra consumo e vendita affidato all’arbitrio dei giudici. «Proporremo al ministro dell’Interno due punti di revisione sulla normativa nazionale contro la droga - ha spiegato Letizia Moratti al termine della prima riunione del Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza dopo la pausa estiva - che escluda la possibilità del patteggiamento per i reati di spaccio e preveda il superamento della distinzione fatta ex post tra il consumo e lo spaccio stesso in modo che oltre una certa quantità sia considerato comunque spaccio». Nello specifico la proposta elaborata dal sindaco e dal prefetto prevede che, sulla scorta del tabellario delle singole sostanze stupefacenti allegata alla normativa contro le droghe, non ci sia più spazio per la discrezionalità del giudice. «Chiediamo che ci sia un ancoraggio rigoroso alle tabelle - ha concluso Letizia Moratti - di modo che sopra una certa soglia ci sia lo spaccio e al di sotto invece il consumo. Oggi il testo di legge lascia una certa discrezionalità ai giudici, e questo, in alcuni casi, ha perfino comportato delle discriminazioni di carattere sociale tra i soggetti».

Commenti

Grazie per il tuo commento