Giovanni Allevi, l'annuncio ai fan: "Sto uscendo dall'inferno..."

Il musicista e compositore Giovanni Allevi torna sui social a parlare della sua malattia con cui combatte da due anni

Giovanni Allevi, l'annuncio ai fan: "Sto uscendo dall'inferno..."
00:00 00:00

Dopo due mesi d'assenza, torna sui social Giovanni Allevi, il grande pianista e compositore colpito da un mieloma. Il suo è un messaggio di speranza per tutti, che non nega però la sua grande sofferenza che da oltre due anni ha cambiato la sua vita. "Adesso sono come un reduce, tormentato dalle ferite e dagli incubi, ma un passo alla volta, eroicamente, sto uscendo dall'inferno". Insieme al messaggio ha poi postato anche una foto in una struttura riabilitativa mentre esegue alcuni esercizi in piedi: "La mia condizione mi conferma che esiste un mondo, fatto di umanità, gentilezza, autenticità e coraggio" ha poi aggiunto.

L'annuncio della malattia

Fu proprio Allevi nel giugno del 2022 a comunicare di essere in cura per un mieloma da oltre un anno, un annuncio che aveva creato grande preoccupazione vista la gravità della malattia. "Non ci girerò intorno: ho scoperto di avere una neoplasia dal suono dolce: mieloma, ma non per questo meno insidiosa. La mia angoscia più grande è il pensiero di recare un dolore ai miei familiari e a tutte le persone che mi seguono con affetto. Ho sempre combattuto i miei draghi interiori in concerto insieme a voi, grazie alla Musica. Questa volta perdonatemi, dovrò farlo lontano dal palco".

Nonostante la sofferenza però, il musicista ha sempre comunicato messaggi di speranza e positività. Solo lo scorso aprile aveva scitto: "Vado alla grande". Era il periodo pasquale e nel suo post parlava di rinascita: "Si avvicina Pasqua, il giorno della rinascita, e forse non è un caso che coincida col mio compleanno (9 aprile). Ho passato un anno durissimo ma voglio gioire con voi della bella notizia che secondo gli ultimi esami di oggi sto andando alla grande!"

Miglioramenti a piccoli passi

A luglio, dopo un periodo di silenzio, si era poi fatto immortalare sdraiato su un letto con in braccio un gattino: "Per superare il dolore, dedico del tempo ogni giorno alla meditazione. Inizio con pensieri di riconoscenza nei confronti del Creato. Poi mi concentro sul respiro, finché il mio Ego si dissolve ed io divento Nulla. Grazie al gattino, divinità adorata dagli antichi Egizi, mantengo il contatto col Dio Tutto della Natura, indiviso, eterno, sempre beato, che permea col suo Logos ogni cosa".

Noi lunghi mesi sono mancati i momenti bui in cui scriveva parole piene d'angoscia: "Il mieloma mi ha lasciato fratture ossee in diverse parti del corpo. E allora mi chiedo cosa significhi combattere", ma per fortuna la bella notizia al momento è arrivata, anche se la strada sarà ancora molto lunga.

La malattia di Allevi

Il musicista soffre di un mieloma multiplo, un tumore che colpisce alcune cellule del midollo osseo chiamate plasmacellule, le quali hanno il compito di produrre gli anticorpi contro le infezioni. Questa malattia, secondo i dati di AIRC la fondazione creata da Umberto Veronesi, rappresenta l’1,6% di tutti i tumori diagnosticati negli uomini in Italia e l’1,5% nelle donne.

Questo tipo di tumore rende incontrollabile la moltiplicazione di particolari cellule, creando un accumulo importante all’interno del midollo osseo e in altre parti dell’organismo. Le conseguenze sono importanti visto che l'accumulo danneggia organi e tessuti. Tra i sintomi più noti di questa condizione c’è il dolore alle ossa, soprattutto a quelle della schiena, dell’anca e del costato, così come la fragilità delle stesse, che si possono rompere. Inoltre i pazienti con mieloma multiplo possono presentare alti livelli di calcio nel sangue, la cui concentrazione così elevate può causare anche problemi di confusione e poca forza.

Ad oggi non è

ancora chiaro da cosa sia scatenato, ma la ricerca sta facendo molti passi avanti. Si è scoperto recentemente che colpisce prevalentemente le persone in età avanzata e solo in minima parte quelle al di sotto dei 40 anni.

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica