Coronavir, De Luca chiede a Conte l'esercito in strada

La lettera del governatore della Campania al presidente del Consiglio. In Campania i contagi arrivano a 222. Tra questi, il deputato Fdi Edmondo Cirielli

Vincenzo De Luca ora scrive al premier Giuseppe Conte chiedendo l’intervento dell’esercito per pattugliare le strade. Secondo il governatore della Campania, le forze armate potrebbero dare una mano per ottenere il pieno rispetto delle ordinanze e dei decreti anti-coronavirus che impongono ai cittadini di non poter abbandonare le proprie abitazioni se non per gravi motivi, rigidamente previsti dalla legislazione d’emergenza.

De Luca, dal suo profilo istituzionale sui social, ha dato notizia – ieri pomeriggio – d’aver inviato una missiva al presidente del Consiglio chiedendo un ulteriore giro di vite, più fermezza e maggiori controlli per evitare il diffondersi del contagio. Il presidente della Regione ha scritto: “Nonostante i numerosi provvedimenti adottati per finalità di prevenzione e contenimento del rischio di contagio da Covid-19, in diverse parti del territorio regionale continuano a registrarsi ancora assembramenti dei cittadini e trasgressioni alle prescrizioni che sono state imposte in sede nazionale e regionale. Le misure adottate, a tutta evidenza, non possono rivelarsi efficaci se non vengono garantiti capillari controlli e se non si irrogano le necessarie sanzioni nei confronti di comportamenti gravemente irresponsabili”. Una premessa che porta De Luca a una conclusione: “Si chiede, per tali ragioni, un impegno straordinario delle forze dell'ordine e la presenza dell’Esercito, quali misure ormai indispensabili in funzione della dissuasione degli assembramenti, della mobilità ingiustificata, di forme illegittime di ambulantato sul territorio”.

Intanto, anche quella di ieri è stata una giornata intensa. Il governatore, difatti, ha provveduto a dimezzare le corse dei trasporti pubblici campani e a chiudere i parchi urbani. Infine non ha lesinato sforzi per “smascherare” una fake news secondo cui si sarebbero registrati disservizi e ritardi all’ospedale Cotugno di Napoli i cui medici, in realtà, sono da settimane in prima linea per contrastare il virus con risultati importanti, quali la scoperta dell’efficacia sui pazienti affetti dal covid-19 di un farmaco antiartritico.

Nel frattempo, i numeri dei casi aumenta. Dall’ultimo monitoraggio, pubblicato ieri, i contagi risultano 222. Tra questi c’è anche il deputato di Fratelli d’Italia, questore alla Camera dei Deputati, Edmondo Cirielli che ieri mattina è risultato positivo al coronavirus e che nel pomeriggio, in un lungo post affidato ai social network, ha confermato la notizia. Cirielli adesso segue le terapie e le procedure previste dai protocolli medici e sanitari mentre molti dirigenti locali, regionali e salernitani, del partito vicino a Giorgia Meloni hanno, immediatamente, avvisato l’Asl e si sono messi spontaneamente in isolamento domiciliare.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.