La follia del maliano: tenta di strangolare il portiere dell'hotel

La violenza all’ingresso dell’hotel Romeo in via Cristoforo Colombo a Napoli. Il maliano di 28 anni con due coltelli ha ferito ad un spalla un addetto alla sicurezza. Un agente ha riportato una frattura

Un maliano di 28 anni è stato arrestato due notti fa a Napoli per duplice tentato omicidio. Lo straniero ha prima aggredito il portiere dell'hotel Romeo e, successivamente, con due coltelli si è scagliato contro alcuni addetti alla vigilanza e due poliziotti che erano intervenuti per riportare l’ordine.

Gli uomini delle forze dell’ordine, dopo una accesa colluttazione, sono riusciti a fermare l’extracomunitario con lo spray al peperoncino e le fasce di contenimento in veltro. La violenza è divampata all'improvviso davanti all’albergo situato in via Cristoforo Colombo, non lontano dal porto. Il ragazzo, senza motivo, si è avvicinato all’addetto all'accoglienza e gli ha stretto le mani al collo, nel folle tentativo di strangolare il malcapitato. Fortunatamente per la vittima, alcuni addetti alla sicurezza si sono accorti di quanto stava accadendo e sono corsi in aiuto del portiere.

Alla vista dei vigilanti, il maliano è scappato. Ma gli uomini della sicurezza lo hanno inseguito fino in via De Gasperi. Qui, allertata da una segnalazione, è arrivata anche una pattuglia dell'Ufficio prevenzione generale della Questura di Napoli. Gli agenti sono subito intervenuto per bloccare l’immigrato.

Quest’ultimo, però, invece di calmarsi ha continuato nella sua condotta violenta. Improvvisamente ha estratto due coltelli e, con l’intento di trovare una via di fuga, si è lanciato contro uno degli addetti alla vigilanza e lo ha ferito a una spalla. A quel punto, lo straniero è riuscito a scappare ma il suo tentativo è stato vanificato dai poliziotti che lo hanno inseguito fino al muro perimetrale della facoltà di Giurisprudenza di via Nuova Marina dove lo hanno bloccato.

L’extracomunitario, per sottrarsi al fermo, si è scagliato anche contro gli agenti che hanno faticato non poco per renderlo inoffensivo. Per fermare il maliano, i poliziotti sono stati costretti ad usare lo spray al peperoncino e le fasce di contenimento in velcro.

Il ragazzo è stato arrestato con le accuse di duplice tentato omicidio, lesioni, resistenza a Pubblico ufficiale, minacce aggravate, porto abusivo di coltelli e soggiorno illegale nel territorio dello Stato. Il Questore di Napoli, Alessandro Giuliano, si è complimentato con la pattuglia che è riuscita a risolvere una intricata situazione:"Gli operatori dell'Ufficio Prevenzione Generale come in tante altre occasioni, hanno dato prova di coraggio, professionalità ed equilibrio". Uno dei poliziotti è rimasto ferito nello scontro. Condotto in ospedale, gli è stata diagnosticata una frattura.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

ulio1974

Mer, 05/02/2020 - 15:32

chissà come avrebbe trattato la polizia maliana un caso del genere?

Divoll

Mer, 05/02/2020 - 18:05

All'inizio avevo letto "maialino"...

paco51

Mer, 05/02/2020 - 18:42

scusate non è la città dell'accoglienza tanto conclamata? vogliono andare a prenderli con le barche quando arrivano. io non so neanche dove sia il mali e non lo voglio sapere , ma che ci fa da noi il soggetto? rifugiato? perchè?

Giorgio5819

Mer, 05/02/2020 - 19:12

Tutte bestie d'importazione clandestina favorita dai COMUNISTI. Che grande schifo questo progetto della sinistra atto a creare degrado sociale sognando futuri bacini elettorali .... quanto sono sporchi !!

Ritratto di pascariello

pascariello

Mer, 05/02/2020 - 21:01

Purtroppo fino a che gli agenti o gli aggrediti non potranno difendersi in maniera adeguata al tentativo di OMICIDIO PREMEDITATO come accadrebbe in un PAESE NORMALE, come Francia o Regno Unito, ove solo nei giorni scorsi i selvaggi che hanno attentato con coltelli alla vita altrui sono stati giustamente ABBATTUTI SUL POSTO, queste cose continueranno e saranno sempre più frequenti: non si tratta di follia ma semplicemente della espressione della cieca violenza con cui questi uomini primitivi abituati ad una sola legge, quella della giungla e della forza ragionano ...

corto lirazza

Mer, 05/02/2020 - 22:48

non era meglio uno spray al piombo?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 06/02/2020 - 07:46

Basta con i termini strappalacrime come, salvataggio, esiliato, profugo, emigrato. Sono solo persone sbandate il più delle volte violente, veri delinquenti, che non hanno voglia di lavorare, ma solo smerciare e rubare. Possibile che ancora oggi devo vedere che i nostri governanti fanno finta di cascarci alle menzonie di questa gente e da parte delle ong? Per favore, smettetela di prenderci in giro.