Napoli, ambulante tenta di accoltellare vigili urbani: arrestato

La violenza in piazza Prinicpe Umberto a Napoli. L’uomo per evitare un controllo ha estratto un grosso coltello e si è scagliato contro gli agenti

Napoli, ambulante tenta di accoltellare vigili urbani: arrestato

Folle aggressione in piazza Principe Umberto a Napoli. Un uomo armato di coltello, per sottrarsi ad un controllo dei vigili urbani, si è scagliato come una furia contro diversi agenti municipali provando a colpirli con fendenti, per fortuna andati a vuoto.

Il grave atto di violenza è accaduto nel corso il servizio disposto per la prevenzione della vendita ambulante abusiva tra le strade della città partenopea. Un uomo, del quale non sono ancora state diffuse le generalità, si è avvicinato a tre agenti della polizia municipale dell’Unità operativa San Lorenzo e li ha minacciati di morte. Il soggetto, particolarmente nervoso, dopo questo primo scontro verbale ha messo da parte le parole ed è passato all’azione.

L’ambulante, infatti, ha improvvisamente estratto dalla tasca un grosso coltello e si è avventato contro una agente cercando di colpirla al volto ed allo stomaco. La poliziotta in qualche modo è riuscita a schivare i fendenti anche grazie all’intervento dei colleghi della pattuglia che hanno provato a fermare l’aggressore.

Quest’ultimo, però, di arrendersi non ne voleva sapere e per evitare l’arresto ha provato ad accoltellare anche gli altri agenti. Solo con l'ausilio di ulteriore personale, il soggetto è stato disarmato e reo inoffensivo. L’esagitato è stato quindi condotto presso gli uffici per verbalizzare l'arresto. Dopo le formalità di rito, l'uomo è stato portato nelle camere di sicurezza della Questura. Giudicato per direttissima, è stato condannato a otto mesi e mezzo di reclusione con pena sospesa.

Il “lavoro” dei venditori ambulanti abusivi non si svolge solo tra le strade. Nei giorni scorsi ha suscitato grande clamore quanto accaduto all’ospedale Cardarelli di Napoli, il maggiore della Campania. Un uomo è stato fotografato nei corridoi del nosocomio mentre era intento a vendere della merce a un paziente in barella. ''È una situazione allucinante. I pazienti già sofferenti per la loro condizione – ha affermato il consigliere della II Municipalità Salvatore Iodice – devono subire continuamente le insistenze di questi venditori, che non si fermano neanche davanti alle lamentele di persone sofferenti adagiate su delle barelle nei corridoi. Non capisco come facciano ad entrare ad ogni ora, evidentemente avranno il benestare della vigilanza all’ingresso''.

In merito alla vicenda è intervenuto anche il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli che ha annunciato un’interrogazione consiliare per capire di chi è la responsabilità di quanto accaduto. ''Occorre verificare questa faccenda e porne fine. È un’indecenza – ha dichiarato l’esponente politico – che degli abusivi si infiltrino all’interno di una struttura ospedaliera. Non dovrà più essere permesso loro di entrare. Saranno presi provvedimenti seri''.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?

Commenti

Grazie per il tuo commento