Paletti e catene in strada, nei guai parcheggiatore

La scoperta degli agenti alla Duchesca, scattano sanzioni e denunce. Prosegue il tour de force contro gli abusivi della sosta

Paletti e catenacci per “riservare” i posti del parcheggio, è finito così nei guai un uomo a Napoli. A scoprire l’escamotage sono stati gli agenti in servizio presso il commissariato della polizia di Stato di Vicaria-Mercato. I poliziotti, durante uno dei consueti controlli e monitoraggi sul territorio di competenza, hanno notato, nell’area della Duchesca, la presenza dell’uomo, intento ad “armeggiare” in strada con una catena di ferro e alcuni paletti metallici.

La singolare attività del cittadino ha ovviamente calamitato l’attenzione degli agenti che hanno voluto saperne di più e, quindi, immediatamente si sono portati sul posto per chiedergli conto e ragione delle sue azioni. L’uomo, infatti, stava istallando i tre paletti, alla distanza di circa cinque metri l’uno dall’altro. Per evitare che qualcuno potesse parcheggiare lo stesso, magari tra le aste, ha collegato il tutto con una lunga catena. A cui, per essere ancora più sicuro, aveva collegato dei lucchetti di cui lui solo aveva in custodia le chiavi. Per gli agenti, però, l’uomo non aveva alcun titolo a “transennare” la zona. Così lo hanno sanzionato per la presunta violazione delle norme del Codice della strada che impedisce l’attività di parcheggiatore abusivo e, in più, lo hanno denunciato con le accuse di danneggiamento e occupazione abusiva di suolo pubblico.

Per la rimozione dei paletti è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco. I caschi rossi hanno “liberato” il vicolo non solo dalle tre aste installate dall’uomo ma anche da altri sette pali che erano stati piazzati sulla stessa strada.

Proseguono senza sosta, dunque, i controlli a contrasto del fenomeno dei parcheggiatori abusivi. Solo pochi giorni fa, nell’area dello stadio San Paolo, trenta persone erano finite nei guai proprio perché sorprese a chiedere l’obolo ai tifosi giunti in macchina all’impianto sportivo di Fuorigrotta per assistere all’incontro di calcio tra gli azzurri di Gattuso e il Lecce di Liverani. Poche settimane prima, identico servizio era stato svolto da vigili urbani, poliziotti e finanzieri che, sempre nell’area del San Paolo, avevano scoperto e sanzionato una trentina di persone scoperte a svolgere l’attività di parcheggiatore abusivo. In quel caso, a margine del big match di campionato tra Napoli e Juventus, erano state sequestrate monete per un valore complessivo pari a circa 210 euro, ritenuto provento dell'attività esercitata nelle strade adiacenti allo stadio. In quell'occasione, inoltre, erano state sanzionate anche altre tre persone, accusate di aver proposto in vendita ai tifosi materiale sportivo, sciarpe e merchandising fasullo.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?