"Non è Angela Celentano". Il test del Dna spegne le speranze

Il test genetico tra la modella sudamericana e i genitori di Angela Celentano ha dato esito negativo. Il papà: "Continueremo nelle nostre ricerche e qualunque altra segnalazione meritevole di approfondimento verrà percorsa"

"Non è Angela Celentano". Il test del Dna spegne le speranze

Non è Angela Celentano. Il test di comparazione genetica tra il Dna della ragazza sudamericana e i genitori di della bimba scomparsa dal Monte Faito 27 anni anni fa ha dato esito negativo. Lo comunica l'avvocato Luigi Ferrandino, legale della famiglia Celentano con una nota stampa: "L’avvocato Luigi Ferrandino, legale della famiglia di Angela Celentano, assieme al team di consulenti che coordina: l’avvocato Enrica Visconti, il Generale Luciano Garofano e il social team della “Manisco World”, presieduto da Virginia Adamo, comunicano che da poche ore hanno appreso che dalla comparazione tra il DNA dei signori Celentano e quello della giovane donna attenzionata purtroppo non vi è corrispondenza genetica", si legge nella nota diffusa pochi minuti fa.

"Non è Angela"

Sfuma la pista della modella venezuelana alla quale, nelle scorse settimane, era stato prelevato il Dna. Il test di laboratorio ha confermato che "non vi è corrispondenza genetica" tra la giovane sudamericana e i genitori della piccola Angela (oggi ha 30 anni). "Continueremo nelle nostre ricerche e qualunque altra segnalazione meritevole di approfondimento verrà percorsa", fa sapere Catello Celentano tramite l'avvocato Ferrandino. "Sollecitiamo tutto il popolo del web nella condivisione della foto Age Progression. Ringraziamo quanti hanno contribuito nelle segnalazioni e non smettiamo di sperare di poter riabbracciare la nostra amata figlia. Per il momento riteniamo di rimanere in silenzio e chiediamo rispetto", dichiarano a margine della nota stampa i coniugi Celentano assieme alle figlie Rossana e Naomi.

La pista sudamericana

A riaccendere le speranze dei genitori di Angela era stata una segnalazione giunta dal Sud America, tramite l'associazione "Manisco World" (per la ricerca di persone scomparse), dopo che era stata diffusa una age progression (immagine in progressione ndr) della bimba scomparsa dal Monte Faito (Vico Equense) il 10 agosto 1996. Sicché i coniugi Celentano avevano ricevuto la foto della ragazza venezuelana che sembrava avesse "forti somiglianze" con la loro figlioletta. Nella fattispecie era stato un dettaglio - "una voglia sulla schiena", aveva raccontato papà Catello in un'intervista a ilGiornale.it, a dare ulteriore concretezza alla nuova pista.

Successivamente un collaboratore dell'avvocato Luigi Ferrandino aveva incontrato la "modella venezuelana" in un Paese del Nord Europa per procedere con gli accertamenti. Nei giorni scorsi un campione di "materiale genetico" prelevato alla giovane donna sudamericana è stato confrontato con il Dna dei coniugi Celentano. Oggi l'esito del test: "Non è Angela".

Commenti
Disclaimer
I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
ilGiornale.it Logo Ricarica