Costiera Amalfitana, perché visitarla in autunno

La Costiera Amalfitana è il luogo perfetto per un viaggio in autunno, soprattutto per gli over60: ecco cosa offre il territorio e tutti i vantaggi di una vacanza fuori stagione

Costiera Amalfitana, perché visitarla in autunno

La Costiera Amalfitana non è solo un luogo, ma uno stato d’animo che ti si tatua nella memoria”. Queste parole dello scrittore Fabrizio Caramagna riassumono bene la bellezza naturale di questo territorio e il suo rapporto con la storia umana.

Si tratta di una zona in provincia di Salerno suggestiva in tutte le stagioni, ma che in autunno esprime il meglio di sé, grazie all’assenza di ressa, un clima invidiabile e naturalmente una grande tradizione enogastronomica da provare. Per gli over 60 il tour autunnale della Costiera Amalfitana può rappresentare non solo un modo per rilassarsi e conoscere luoghi ameni, ma anche per incontrare storia e natura.

I luoghi della Costiera Amalfitana

La Costiera Amalfitana, riconosciuta come patrimonio dell’Unesco, è un territorio formato da diversi comuni: Amalfi (che fu una delle quattro antiche Repubbliche Marinare), Atrani, Cetara, Conca dei Marini, Furore, Maiori, Minori, Positano, Praiano, Ravello, Scala, Tramonti e Vietri sul Mare. La zona è un connubio tra litorale e paesaggio collinare, con l’aggiunta di suggestive costruzioni umane che formano un tutto armonico.

Oltre a gite al mare ed escursioni in collina, tra le attività da svolgere in qualità di visitatori in questi luoghi, ci sono naturalmente bontà enogastronomiche da conoscere, oltre che un fiorente artigianato (tra cui spicca la lavorazione dei coralli) e beni culturali e paesaggistici tra i più vari: dal Duomo di Amalfi - situato in cima a una meravigliosa scalinata e in cui si recò in pellegrinaggio san Francesco d’Assisi - al Fiordo di Furore, passando per la boutique artigiane di Positano e il Museo del Corallo di Ravello.

Questi luoghi hanno affascinato artisti e scrittori di tutti i tempi, come Giovanni Boccaccio, Alberto Moravia, Salvatore Quasimodo, John Steinbeck. Forse perché, come si legge su un muro di Furore, “qui, in questo luogo del mondo che non è di questo mondo, dove ogni sguardo è già emozione e ogni pensiero è già sogno, qui puoi”.

Vantaggi di un tour autunnale della Costiera Amalfitana

Perché quindi visitare la Costiera Amalfitana proprio in autunno? Le ragioni principali sono 5:

  • la calma: in autunno si sfugge alla ressa tipica del turismo di massa che impera in estate. Questo significa dedicarsi a un turismo più lento, a misura d’uomo, in cui potersi concedere una riflessione tra una bellezza e l’altra dopo averle visitate;
  • il clima: in autunno in Costiera Amalfitana fa ancora caldo, ma non c'è neppure un clima afoso. Questo si traduce nella possibilità di fare ancora dei bagni al mare, ma anche poter pranzare o cenare all’aperto, e godere di lunghe passeggiate;
  • il tramonto: in autunno lo spettacolo del tramonto diventa ancora più intenso. Quindi significa che a cena, magari in un bel ristorantino sul mare, si potrà ammirare il sole mentre si tuffa nel Mar Tirreno;
  • i frutti di mare: l’autunno è il periodo perfetto per assaggiare le vongole veraci, ma anche tanti piatti di mare a base di ricciola, cefalo, calamaro e così via. Questo accade perché l’autunno segue la stagione della riproduzione della fauna marina, ovvero l’estate;
  • il risparmio: in autunno non si è più in alta stagione, quindi le strutture ricettive offrono servizi monto convenienti ed economici in rapporto alla loro qualità.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti