Denti sani anche a 70 anni: controlli e cure odontoiatriche indispensabili

Tutelare la salute dei denti è una priorità a tutte le età: ecco come preservarla a 70 anni per sfoggiare un sorriso sano e luminoso in ogni occasione.

Denti sani anche a 70 anni: controlli e cure odontoiatriche indispensabili

Un bel sorriso è il miglior biglietto da visita a tutte le età, un’arma vincente per sentirsi a proprio agio in qualsiasi situazione. Poterlo sfoggiare anche a 70 anni è un obiettivo tutt’altro che irraggiungibile, a patto che la salute dei denti non venga mai trascurata.

Il dentista deve sempre rappresentare una figura di riferimento, un professionista di fiducia in grado di consigliare le cure odontoiatriche più efficaci sia come forma di prevenzione sia per risolvere eventuali problemi a carico dei denti o delle gengive.

Salute orale: disturbi e patologie più comuni

L’età che avanza ha un impatto notevole anche sulla salute orale, aumentando il rischio di sviluppare patologie che riguardano le arcate dentali e il cavo orale in generale. A 70 anni, infatti, eventuali problematiche di natura cardiovascolare, o la semplice assunzione di medicinali, può minare la salute dentale. Le problematiche più comuni possono essere sintetizzate in questo modo:

  • carie radicolare: si manifesta con il fisiologico ritiro delle gengive che scopre e rende più vulnerabili le radici, esponendole maggiormente alla carie;
  • ingiallimento dello smalto: è un processo di naturale invecchiamento che può essere accelerato da alcuni fattori di rischio, come il consumo di alcune bevande, di farmaci ma anche il fumo e una scarsa cura dell’igiene orale;
  • aumento della sensibilità dentale: anche in questo caso il fattore età incide notevolmente, generando un progressivo ritiro delle gengive che lascia scoperte alcune zone particolarmente sensibili e delicate;
  • xerostomia: è il nome scientifico della secchezza delle fauci, disturbo fastidioso e provocato spesso dall’assunzione di medicinali.

Parodontite: come prevenire la caduta dei denti

La parodontite, detta anche piorrea, è senza dubbio la patologia dentale più temuta soprattutto con l’avanzare dell’età. È una malattia infiammatoria che può sfociare nella perdita dei denti, a seguito della progressiva degenerazione delle loro strutture portanti, vale a dire gengive, legamenti e osso.

Si tratta di una malattia spesso asintomatica che, tuttavia, può essere prevenuta prestando attenzione ad alcuni segnali specifici, come il sanguinamento gengivale. L’arma più efficace per evitare la caduta dei denti, in ogni caso, è sempre una corretta igiene orale accompagnata da controlli periodici presso uno studio dentistico.

L’importanza dei controlli periodici



Recarsi periodicamente dal proprio dentista di fiducia è sempre la scelta più efficace per tutelare la salute dei denti. Anche in assenza di fastidi, infatti, è opportuno programmare due visite di controllo all’anno che comprendano anche la seduta di igiene semestrale.

La pulizia e l'ablazione del tartaro effettuate da un igienista specializzato è determinante per prevenire molti disturbi e patologie più serie, compresa la parodontite. Sarà lo stesso dentista, durante questi incontri, a consigliare cure odontoiatriche aggiuntive in presenza di problematiche particolari.

Come mantenere un sorriso sano e luminoso anche a 70 anni? Seguire uno stile di vita sano aiuta notevolmente, così come non trascurare l’igiene della bocca e della lingua. Può essere utile utilizzare regolarmente il filo interdentale e gli scovolini dentali (anche in presenza di protesi o impianti), avendo cura di cambiare lo spazzolino ogni tre mesi.

Anche il calcio svolge un ruolo importante, minerale fondamentale per la salute dei tessuti ossei: assumerlo con l’alimentazione quotidiana è sempre preferibile, eventualmente integrandolo con prodotti ad hoc su consiglio del proprio medico.

Commenti