Occhiaie: come nasconderle con il trucco a 60 anni

Il correttore è il principale alleato per nascondere le occhiaie, ma solo se applicato nel modo giusto: ecco tutte le strategie per sfoggiare un viso più giovane

Occhiaie: come nasconderle con il trucco a 60 anni

Le occhiaie rappresentano un inestetismo molto comune e condiviso dalle donne di tutte le età, tuttavia con il passare degli anni è proprio la zona intorno agli occhi a mostrare i segni del tempo con maggiore evidenza.

Solitamente la comparsa di occhiaie può essere dovuta alla mancanza di sonno, alla presenza di allergie, allo stress e alla scarsa idratazione. Superati i 50 e i 60 anni, inoltre, il sottile strato di pelle che circonda l’occhio è destinato a perdere progressivamente elasticità e tono, sia a causa di un fisiologico processo di invecchiamento sia in seguito all’esposizione ai raggi solari.

La zona circostante alle palpebre inferiori può apparire più scura e scavata, spesso maggiormente segnata dalle rughe e dalla presenza di piccoli capillari in evidenza. Se è innegabile che il trucco rappresenta un prezioso alleato per camuffare le imperfezioni, è altrettanto vero che il make-up deve essere applicato nel modo corretto affinché risulti realmente efficace.

Nascondere le occhiaie con il correttore

Il correttore è senza dubbio una delle armi più utilizzate per nascondere o rendere meno evidenti le occhiaie. A 60 anni, tuttavia, è preferibile scegliere con cura sia la tipologia di correttore sia la colorazione di base, per non rischiare di mettere ancora più in risalto questa parte del viso.

Le regole da seguire sono poche ma fondamentali:

  • preferire il correttore liquido a quello stick, caratterizzato da una consistenza più pastosa e difficile da stendere. Mentre il primo si applica facilmente, il secondo rischia di depositarsi sulle pieghe della pelle. In commercio esistono numerosi correttori liquidi facilissimi da stendere pensati proprio per questa zona del viso, dotati di una pratica spugnetta incorporata;
  • applicare il correttore picchiettando con le mani o, in alternativa, usando una spugnetta per il make-up, evitando di stenderlo e lavorarlo eccessivamente. Il movimento più corretto è quello che parte dall’angolo interno dell’occhio e procede verso la tempia, formando una sorta di arco;
  • la tonalità del correttore deve essere scelta tenendo in considerazione il colore delle occhiaie. Se virano verso il viola o il blu, ad esempio, una gradazione basata sul giallo è la più adatta, mentre in presenza di ombre che tendono al verde è preferibile un prodotto a base aranciata;
  • eventuali rossori presenti nel resto del viso, invece, possono essere sempre nascosti usando un correttore verde.

Altri consigli per ringiovanire il contorno occhi

L’uso del correttore non è l’unica strategia efficace per celare le occhiaie. Se l’obiettivo è rendere più giovane il contorno occhi, infatti, è importante adottare piccoli accorgimenti durante la fase di make-up, ad esempio scegliendo un fondotinta dalla texture abbastanza leggera e mediamente coprente.

Per quanto riguarda il trucco da applicare sugli occhi, meglio evitare gli ombretti eccessivamente brillanti e ricchi di glitter, preferendo le tonalità opache e neutre. Un consiglio utile riguarda l’uso del blush, che contribuisce a conferire al viso un aspetto sempre fresco e sano, distogliendo l’attenzione da eventuali ombre sotto gli occhi.

Nella skincare femminile, soprattutto dopo gli “anta”, non dovrebbe mai mancare l’applicazione di un buon prodotto per l’idratazione e il nutrimento del contorno occhi: un piccolo gesto quotidiano che fa la differenza.

Commenti