Vene varicose: i rimedi naturali per le donne senior

Le vene varicose sono un disturbo molto frequente, soprattutto fra le donne senior: quali sono le cause e, soprattutto, i rimedi naturali che possono donare sollievo?

Vene varicose: i rimedi naturali per le donne senior

Le vene varicose non sono soltanto un problema estetico, ma anche un segnale di possibili problematiche più profonde. Il disturbo colpisce soprattutto la categoria senior, con una maggiore incidenza fra le donne. L'Oms le definisce anche varici, specificando che sono "dilatazioni abnormi e sacculari delle vene, soprattutto degli arti inferiori, che spesso assumono un andamento tortuoso". Gli esperti concordano nel definirle anche come una dilatazione evidente oltre che permanente, conseguenza diretta di problematiche legate alla circolazione. Ma come prevenirle e trattarle?

Vene varicose, di cosa si tratta

Le vene varicose - o varici - colpiscono almeno un terzo della popolazione mondiale, con un'incidenza maggiore per quanto riguarda la sfera femminile. Le cause sono le più svariate e, in particolare, diventano più evidenti in età adulta. Si possono gestire in vari modi, primo tra tutti il riposo, ma in casi gravi è necessario il ricovero con relativo intervento chirurgico.

Si parla di vene varicose quando si è in presenza di una dilatazione della vena che risulta evidente anche a occhio nudo, con alterazione delle pareti e delle valvole interne alla struttura. Queste normalmente si aprono al passaggio del sangue, richiudendosi così da impedire il reflusso, evenienza che invece accade in presenza delle varici, che faticano a trasportare il sangue verso il cuore. Le vene appaiono quindi fortemente evidenti, con dolore, e possono segnalare problematiche per la salute, in particolare di tipo circolatorio.

Vene varicose, cause e sintomi principali

Le cause che possono favorire questa patologia sono diverse, tra le più frequenti si evidenziano:

  • predisposizione familiare e genetica;
  • invecchiamento;
  • peso eccessivo oppure obesità;
  • mancanza di movimento;
  • lavorare tutto il giorno in piedi o in un ambiente eccessivamente caldo;
  • problematiche strutturali della pompa muscolare;
  • stitichezza;
  • menopausa con i relativi cambiamenti ormonali.

Una pressione venosa eccessiva è favorita da una prolungata postura eretta, in particolare a fronte di un aumento eccessivo di peso, tanto da agevolare anche la formazioni di edemi, ovvero gonfiori con ristagno di acqua. Anche la menopausa incide sulla muscolatura della parete venosa, che risulta meno tonica.

L'area maggiormente colpita è quella degli arti inferiori, con una serie di sintomi quali vene in evidenza o sporgenti, con una colorazione che vira dal blu al viola. Seguita da crampi notturni, indolenzimento e senso di pesantezza e gonfiore. Si può percepire anche una sensazione di bruciore, dolore e prurito delle stesse varici.

Prevenzione e cura

Il modo migliore per contrastare le varici è quello di prevenirle, attuando una serie di soluzioni utili per il benessere della circolazione e del cuore. Migliorando al contempo il tono muscolare e la salute della gambe, in particolare se si rientra nella fascia senior. Ecco i consigli più utili:

  • movimento e fitness per migliorare la stessa circolazione;
  • evitare di rimanere a lungo in piedi o seduti, accavallando o incrociando le gambe stesse;
  • indossare abiti comodi poco fascianti, utilizzare scarpe adeguate e non troppo alte che potrebbero incidere sul benessere dei polpacci stessi;
  • dimagrire se si è in sovrappeso;
  • scegliere una dieta sana, bilanciata, povera di sodio ma ricca di fibre e di alimenti in grado di migliorare la circolazione, come frutta e verdura, cibi ricchi di vitamina C e dal colore viola/blu scuro, come ad esempio i mirtilli;
  • evitare bagni troppo caldi o ambienti con temperature elevate;
  • ridurre o eliminare il fumo;
  • indossare calze elastiche o graduate così da ridurre il ristagno;
  • rialzare la parte del letto corrispondente ai piedi per migliorare la circolazione.

Rimedi naturali per il benessere delle gambe

Per ridurre fastidi e problematiche estetiche, si può ricorrere a creme e lozioni, ma anche a impacchi con prodotti naturali. Come sempre è meglio chiedere prima consiglio al medico di fiducia, che così potrà suggerire il trattamento migliore e più adatto alla singola condizione. Ma quali rimedi naturali possono fornire dell'immediato sollievo?

  • Vite rossa: è un valido antinfiamatorio con foglie ricche di flavonoidi, mentre i semi e la buccia degli acini garantiscono un apporto di antocianidine e vitamina P, utili per le vene. Riduce l'infiammazione e migliora la qualità dei vasi linfatici. Rinforza inoltre il sistema circolatorio, con un'azione vasoprotettrice e tonificante;
  • Mirtillo: agevola la produzione di collagene e migliora la circolazione, sfiammando e proteggendo i tessuti e la loro elasticità;
  • Olio essenziale al cipresso: perfetto per le gambe, basta mescolarne 5 gocce all'olio di sesamo, utilizzandolo sulla cute, massaggiando dai piedi e muovendo le mani verso le ginocchia. Offre un effetto rilassante, rinfrescante e di pura leggerezza;
  • Centella asiatica: è utile per drenare i ristagni di cellulite ma principalmente per rendere più elastiche le pareti dei vasi e tessuti, sollecitando la produzione di collagene;
  • Lentisco: utilizzato come olio essenziale, agevola la circolazione di ritorno dalle gambe verso il cuore, viene utilizzato sia per sfiammare, sgonfiare che per rilassare le gambe attraverso un massaggio;
  • Aceto di mele: gli impacchi sulle varici donano un inegabile sollievo;
  • Pungitopo: noto anche come Rusco o Ruscus aculeatus, è un compendio di tannini, flavonoidi, saponine utili per sfiammare le vene. È di grande supporto per arginare le problematiche venose date dalle lunghe ore passate i piedi;
  • Ippocastano: è un prodotto naturale ricco di tannini, escina e flavonoidi, necessari per migliorare la tonicità venosa, rafforzando al contempo le pareti dei vasi sanguigni e la circolazione. Nonostante queste proprietà, è bene consultare il medico prima di assumerlo, perché non è indicato per chi soffre di insufficienza renale, insufficienza cardiaca e ulcera;
  • Pepe di Cayenna: si può aggiungere all'acqua calda del bagno o del pediluvio, migliora il dolore dato dalla presenza delle vene varicose, favorendo la circolazione.

Commenti