Politica economica

Pnrr e terzo settore, come cogliere tutte le opportunità

Il Forum nazionale, insieme a Openpolis, ha realizzato un Osservatorio per garantire uno strumento utile agli operatori nella scelta dei bandi

Pnrr e terzo settore, come cogliere tutte le opportunità

Sono ben 37 miliardi e 610 milioni di euro i finanziamenti del Pnrr che potrebbero interessare il terzo settore ma, fino a questo momento, nessuno è in grado di sapere quanti soldi concretamente sono stati distribuiti agli operatori che ne hanno fatto richiesta. “Sul Piano nazionale di ripresa e resilienza – ha dichiarato al Corriere della Sera Vanessa Pallucchi, portavoce del Forum – sta mancando la trasparenza. Il problema resta l’accessibilità dei dati”. L’attività dei rappresentanti del terzo settore va proprio in questa direzione, quella del chiarimento, fungendo anche da stimolo per le istituzioni. Il Pnrr è un ginepraio in cui è difficile districarsi, con oltre trecento misure previste e migliaia di scadenze da onorare entro il 2026. Un labirinto impervio da attraversare senza alcun aiuto, un salto nel vuoto che preoccupa le organizzazioni che potrebbero partecipare alle misure del Piano.

L'Iniziativa del Forum del terzo settore

Il Forum nazionale del terzo settore, in sinergia con Openpolis, la fondazione indipendente e senza scopo di lucro che promuove progetti per l'accesso alle informazioni pubbliche, la trasparenza e la partecipazione democratica, intanto, ha realizzato un Osservatorio sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), a cui si può accedere attraverso il sito del Forum. L’obiettivo dichiarato è quello di garantire alle organizzazioni del terzo settore uno strumento utile a muoversi con circospezione nelle fitte maglie burocratiche del Piano, in modo da permettere di operare le scelte più giuste sui tanti bandi e finanziamenti disponibili.

L’utilità dell’Osservatorio

“Sapere in modo strutturato quali sono i progetti finanziati, i destinatari delle risorse e il loro ammontare – ha detto al quotidiano di via Solferino Pallucchi – è spesso ancora quasi impossibile. Questo vuol dire che non si può conoscere l’impatto del Pnrr sui territori. A nostro avviso si tratta di una lacuna grave, considerando che parliamo del più grande piano di investimenti pubblici dal secondo dopoguerra ad oggi”. L’Osservatorio messo in piedi dal Forum e da Openpolis è già riuscito a sintetizzare alcuni dati importanti. Le misure che potrebbero interessare il terzo settore sono 59, divise per temi. I settori che riceveranno maggiori finanziamenti sono quelli riguardanti la rigenerazione urbana, che ha a disposizione fondi per 9 miliardi di euro, l’istruzione e la salute, con 6 miliardi di euro a testa e le politiche del lavoro, con 4 miliardi di euro disponibili.

Commenti