Adesso Di Maio si rende conto dei migranti tunisini: "Non possono stare qui"

Il ministro degli Esteri in visita in Sicilia per la campagna elettorale ha promesso al prefetto di Agrigento di occuparsi adesso dei tunisini. Ma nel frattempo, tra annunci e promesse, in questo 2020 ne sono entrati in Italia 9.792

Meglio tardi che mai, si potrebbe dire. In questo caso però l'esserci arrivati in ritardo ha voluto significare quasi diecimila migranti tunisini entrati nel nostro Paese nell'estate della pandemia. Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio infatti, in visita nell'agrigentino per la campagna elettorale per le comunali siciliane, ha evidenziato come nessun tunisino ha effettivamente titolo per rimanere in Italia.

Lo ha detto al prefetto di Agrigento, Maria Rita Cocciufa, una volta arrivato nella piazza centrale di Casteltermini, uno dei comuni chiamati al voto il prossimo 4 ottobre: “Torno alla carica con i tunisini – ha dichiarato il titolare della Farnesina – Siamo sempre stati un Paese accogliente e continueremo ad esserlo, ma i tunisini non hanno alcun diritto di venire in Italia perché non fuggono da guerre e persecuzioni”.

Una circostanza quest'ultima piuttosto ovvia da sempre, ma di cui il governo evidentemente ha preso cognizione e conoscenza solo da poco. E quel “torno alla carica” pronunciato in modo quasi 'grintoso' da Di Maio, che non ha certo voglia di vedere anche in Sicilia la emorragia di consensi annotata alle scorse regionali, può essere interpretato in vari modi.

In primis, il ministro degli Esteri forse non è stato sufficientemente convincente con le controparti tunisine nel passato mese di agosto, quando invece annunciava trionfalmente accordi e patti volti a limitare le partenze dal Paese nordafricano. I primi di settembre Luigi Di Maio ha anche rivendicato successo quando è stato notato che per diversi giorni non si registravano sbarchi a Lampedusa, salvo poi rendersi conto che di barconi non ne arrivavano solo perché il mare era mosso.

Una volta ristabilite le giuste condizioni meteo, l'isola delle Pelagie e la stessa Sicilia sono tornate a vivere situazioni molto difficili sul fronte migratorio, con arrivi e approdi registrati quotidianamente lungo le coste. E allora quel “torno alla carica” potrebbe anche essere visto come una vera e propria ammissione di fallimento dei suoi tour estivi in Tunisia e in Libia.

Da qui la necessità di rendersi conto, soltanto adesso, che i tunisini non possono rimanere e che qualcosa occorre pur fare per evitare che partano e per aumentare i rimpatri. L'Italia, dopo le visite di Di Maio e della Lamorgese a Tunisi, ha promesso aiuti per 11 milioni di Euro alle autorità nordafricane per collaborare nello sviluppo economico e nel contrasti all'immigrazione. Per adesso però non si sono viste significative novità e miglioramenti della situazione non sembrano essere all'orizzonte.

E sulle parole di Di Maio sono stati registrati reazioni politiche volte a sottolineare il “ritardo” del ministro nella comprensione del fenomeno: “Improvvisamente Di Maio si sveglia e annuncia che i tunisini ‘non hanno alcun diritto di venire in Italia perché non fuggono da nessuna guerra e persecuzione – ha dichiarato il senatore della Lega Roberto Calderoli – E se ne accorge ora dopo che negli ultimi mesi ne abbiamo fatti entrare e accolti 20mila?”

“Meglio tardi che mai – ha poi concluso l'esponente del carroccio – ma ora dalle parole passi ai fatti e dica al ministro Lamorgese di chiudere i porti agli immigrati tunisini e si procedere all’immediata espulsione di tutti quelli arrivati”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

wintek3

Lun, 28/09/2020 - 10:13

Ultimamente il bibitaro è venuto a Tunisi almeno 2 volte di cui una con la Lamorgese, forse è stato in quelle occasioni che fulminato sulla via di Damasco si è reso conto che in Tunisia non c'è nessuna guerra. Nonostante tutto però non ha capito cosa doveva fare ed i migranti continuano ad arrivare. Di rimpatri poi non se ne parla, l'accordo di Malta lui non sa neppure cosa sia. Che parli una lingua diversa?

Epietro

Lun, 28/09/2020 - 10:43

""Non possono stare qui""! E allora come la mettiamo?

DRAGONI

Lun, 28/09/2020 - 10:53

DA NOVELLO MAsanielo a Pulcinella!!

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Lun, 28/09/2020 - 10:54

Al contrario di quanto si voglia far credere PD e 5S hanno sempre contrastato l'immigrazione clandestina. Semplicemente non l'hanno fatto con toni razzisti e senza guardare in faccia a nessuno come altri, che cavalcano l'argomento a puri fini elettorali

Calmapiatta

Lun, 28/09/2020 - 11:07

Ma davvero?! Echi li ha fatti entrare, esimio ministro?

Eii

Lun, 28/09/2020 - 11:08

Bisogna suggerire a Di Maio di proporre se gli italiani vorrebbero andarsene e lasciare il posto ai tunisini.. Chissà magari molti accetterebbero

Duka

Lun, 28/09/2020 - 11:16

L'Italia nelle mani di un fanciullo al PRESSAPOCO

Indifferente

Lun, 28/09/2020 - 11:23

Basterebbe operare lo stesso ricatto di cui la Uè-Uè è maestra: vi forniamo aiuti ma PRIMA dimostrate di fare ciò che vogliamo noi. Blocco totale delle partenze e rimpatri di massa. Se è la Tunisia a richiedere che i propri clandestini vengano rimpatriati, allora i vari organismi internazionali non potranno dire nulla.. Ah, e i miliardi rimarrebbero in Italia visto che saranno i nostri operatori a riportare quelle risorse a casa loro.. Se non ci stanno, azzeramento di ogni cooperazione e pattugliamento militare delle acque di confine (altro che rapimento di pescherecci)

Ritratto di tomari

tomari

Lun, 28/09/2020 - 11:26

ANGELO LIBERO 70, non hanno contrastato un bel NULLA, erano sempre i primi con i cartelli "welcome refugees". Sei già fatto di mattina?

Ritratto di ANGELO LIBERO 70

ANGELO LIBERO 70

Lun, 28/09/2020 - 11:49

@tomari... refugees = rifugiati, non clandestini

nerinaneri

Lun, 28/09/2020 - 11:57

...quando era ministro dell'interno, quanti tunisini ha rimpatriato? verificabile in rete...

Scirocco

Lun, 28/09/2020 - 11:59

Questo Di Maio è un genio!

maxxena

Lun, 28/09/2020 - 12:01

il problema primcipale adesso è capire dove si trova la Tunisia......

nerinaneri

Lun, 28/09/2020 - 12:24

nerinaneri 11,57: salvini

Ritratto di cicopico

cicopico

Lun, 28/09/2020 - 12:42

che disgrazia,ma e colpa di chi lo ha votato.

Ritratto di siredicorinto

siredicorinto

Lun, 28/09/2020 - 13:08

Ma tu guarda un po. Ha scoperto che in Tunisia ci sono i tunisini. Una scoperta incredibile che lo ha sconvolto.

Malacappa

Lun, 28/09/2020 - 13:11

TOC TOC bensvegliato vuoi un caffe'

nopolcorrect

Lun, 28/09/2020 - 13:21

Un numero sempre maggiore di Italiani voteranno per la Destra per opporsi all'invasione.

cgf

Lun, 28/09/2020 - 13:47

Tra tre mesi sarà passato Natale e tra 95 anche il 2020, sveglia!

Tara

Lun, 28/09/2020 - 13:48

Invece in Marocco ed in Egitto c'è la guerra....

nerinaneri

Lun, 28/09/2020 - 13:53

nopolcorrect: non voto a dx per oppormi all'invasione di pensionati...

Epietro

Lun, 28/09/2020 - 16:16

@ Angelo libero: ""refugees = rifugiati, non clandestini"" ma quali refugees che non c'è ne sono più, ora li chiamate ""salvati"". @ nerinaneri:""non voto a dx per oppormi all'invasione di pensionati"". Questa finezza se la poteva risparmiare. Facciamoci invadere dai salam e puniamo gli italiani che per noi e per lei hanno lavorato una vita. Che intuizione da Nobel è mai questa?