I 5S in caduta libera: crollano pure nei sondaggi

La coalizione formata da Forza Italia, Lega e Fratelli d'Italia non si ferma e va oltre il 49%. Emorragia del M5S: i grillini perdono quasi il 2% in una settimana

I 5S in caduta libera: crollano pure nei sondaggi

Gli ultimi sondaggi confermano la volontà degli italiani di premiare di gran lunga il centrodestra rispetto allo schieramento giallorosso formato principalmente da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Lo conferma l'ultima Supermedia di YouTrend per Agi, che restituisce un quadro politico sostanzialmente invariato rispetto alla scorsa settimana: la Lega di Matteo Salvini rimane stabile al primo posto, seguita da Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni e dal Partito democratico di Enrico Letta.

Il M5S accusa il duro colpo dopo il braccio di ferro tra Giuseppe Conte e Beppe Grillo, perdendo quasi il 2% in sette giorni: nonostante l'ex presidente del Consiglio e il comico genovese pare abbiano raggiunto l'accordo per dare vita al nuovo corso pentastellato, il caos e i timori rimangono assoluti protagonisti in una fase tanto incerta quanto delicata. Tutti gli altri partiti restano più o meno invariati, con l'eccezione di Articolo 1 e Sinistra Italiana che guadagnano quasi mezzo punto a testa: così le due componenti della (fu) lista Liberi e uguali ottengono complessivamente il loro dato più alto (4,5%) dall'inizio della legislatura.

L'ultimo sondaggio

La Lega occupa la prima posizione con un lieve calo dello 0,1% che la colloca al 20,4%. Di poco distaccato Fratelli d'Italia, che guadagna lo 0,1% e si porta al 20,2%. Completa la graduatoria il Partito democratico di Enrico Letta al 19,4%, in crescita dello 0,2%. Si mette davvero male per il Movimento 5 Stelle, ormai in caduta libera: i grillini hanno perso l'1,7% e sono così sprofondati al 15%. Forza Italia cresce dello 0,1% e va al 7,7%. Completano la graduatoria Azione di Carlo Calenda (3,4%, +0,1%), Italia Viva di Matteo Renzi (2,2%, +0,1%), Sinistra Italiana (2,1%, +0,2%), Articolo 1-Mdp (2,1%,+0,3%), +Europa (stabile all'1,7%) e i Verdi (invariati all'1,6%).

Spostando invece l'attenzione sulla Supermedia delle aree del Parlamento, emerge che la maggioranza a sostegno del governo guidato da Mario Draghi perde lo 0,8% e scende al 72,8% di cui giallorossi (Partito democratico, Movimento 5 Stelle e Liberi e uguali) al 36,6% in calo dell'1,1%, centrodestra (Lega, Forza Italia e Toti) al 28,9% in crescita dello 0,1% e centro liberale 7,3% in aumento dello 0,2%. L'opposizione dell'area centrodestra (Fratelli d'Italia) incrementa dello 0,1% e va al 20,2%, mentre quella del centrosinistra (Sinistra italiana) guadagna lo 0,2% e si porta al 2,1%. Quanto alle coalizioni, il centrodestra resta in netto vantaggio (49,1%, +0,2%), mentre il centrosinistra (se si prendono in considerazione Pd, M5S e Leu) non va oltre il 38,6%.

Commenti