"Compatti su tre nomi". Ecco la rosa dei candidati del centrodestra

Il centrodestra presenta tre nomi: Pera, Nordio e Moratti. Salvini si augura non ci siano veti da parte del centrosinistra

"Compatti su tre nomi". Ecco la rosa dei candidati del centrodestra

Il centrodestra, come anticipato da Matteo Salvini nel corso di questi giorni, ha annunciato la sua lista di nomi per il Quirinale. La comunicazione sulla "rosa" è avvenuta con una conferenza stampa tenutasi a Montecitorio.

Dopo il vertice tra i leader della coalizione, il centrodestra ha fatto tre nomi: l'ex presidente del Senato Marcello Pera, l'ex magistrato Carlo Nordio e l'ex sindaco di Milano ed ex ministro Letizia Moratti. Il leader della Lega Matteo Salvini, con al suo fianco il vertice di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni ed il coordinatore nazionale di Forza Italia Antonio Tajani, ha detto di essere "soddisfatto" e di confidare che non vi siano veti.

Matteo Salvini ha rimarcato la natura non impositiva della proposta fatta: "Presentiamo tre nomi ufficiali del centrodestra partendo dal presupposto che non vogliamo imporre niente a nessuno", ha aggiunto l'ex ministro dell'Interno. Salvini si è anche soffermato su come i presidenti della Repubblica degli ultimi anni siano stati individuati tra personalità contraddistinte da un colore politico diverso da quello del centrodestra: "Negli ultimi 30 anni la sinistra è stata protagonista della scelta, penso che ora sia diritto dell'area liberale moderata che è maggioranza del paese di avanzare delle proposte", ha continuato.

Il centrodestra vuole "entrare nel merito", offrendo al dibattito personalità tra cui si possa scegliere il successore del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Salvini ha specificato di volere tenere fuori dalla discussione il presidente del Senato perché la seconda carica dello Stato "ha in sé" la possibilità di poter essere scelta. Salvini si è auspicato che il centrosinistra abbia voglia di discutere dei nomi.

Giorgia Meloni ha posto un accento su come le figure selezionate non siano "di bandiera": "Siamo soddisfatti per la compattezza e l'unità della coalizione. Sono contenta di come stiamo operando e della proposta avanzata per cercare di fare un passo avanti per evitare che sull'elezione del Capo dello stato la politica dia una pessima immagine continuando a perdere giorni. Crediamo che sia nostra responsabilità fare delle proposte", ha dichiarato il leader di Fdi, così come ripercorso dall'Ansa.

Il coordinatore di Forza Italia Antonio Tajani, ricordando la mossa di responsabilità che il presentide Silvio Berlusconi ha operato con il suo passo di lato rispetto al Colle, ha anzitutto ringraziato il Cav: "Voglio sottolineare l'importanza dell'unità della coalizione di centrodestra che ha indicato qualche settimana fa il nome di Silvio Berlusconi che ha deciso poi per senso di responsabilità di fare un passo indietro. Voglio ringraziarlo per questa sua scelta". Poi Tajani ha chiosato sulla sovranità del Parlamento sulla scelta del presidente della Repubblica.

Commenti