Conte si ritrova spalle al muro E scoppia pure il caso Trump

Il premier finge che ci sia tempo: «Non ho firmato nulla» Botta e risposta con Donald su 5G e rapporti con la Cina

E adesso Giuseppe Conte si attacca alle «technicalities», che non è parolaccia e nemmeno un'espressione gergale da euroburocrati, ma è quanto, secondo Mario Centeno, manca alla firma del nuovo Mes. Dettagli, minuzie, particolari che gli esperti dovranno sistemare prima di arrivare, tra gennaio e febbraio, alla ratifica dell'accordo. Sfumature tecniche alle quali il premier deve aggrapparsi per guadagnare tempo ed evitare la scelta: rompere la maggioranza dando il via libera al salva-Stati o rompere con l'Europa esercitando il diritto di veto? Il presidente del Consiglio cerca ancora di battere la terza via. «Io non ho firmato nulla. Ci stiamo muovendo in una logica di pacchetto che comprenda l'unione bancaria e monetaria ed è giusto che l'Italia si esprima soltanto quando disporrà di una valutazione complessiva su dove si sta andando». Il tempo però ormai è scaduto e l'Eurogruppo non vede «ragione per cambiare testo». Partita persa?

Non è una giornata facile per Conte sul piano della politica estera. Da Bruxelles lo schiaffo di Centeno sul Meccanismo di stabilità gela le speranze di uscire dalla trappola in cui si è messo, intanto a Londra, dove è impegnato per il vertice della Nato, entra in rotta di collisione addirittura con «The Donald»: Trump, un po' stizzito, dice di aver «parlato con l'Italia che non vuole più andare avanti con il 5G cinese», il premier invece assicura che «proseguiremo con il programma». Poi si vedono in un bilaterale e si chiariscono. «Ho spiegato dice Conte - che l'Italia non può sfilarsi dalla tecnologia ma che ha una delle legislazioni più avanzate, che sarà un modello per gli altri. Quel sistema di controlli ci garantirà la protezione degli asset strategici e da qualsiasi pericolo». Il presidente americano «apprezza la nuova normativa italiana sul piano della cybersecurity», però mantiene i suoi dubbi sull'operazione. Comunque riconosce «il ruolo di Roma nel Mediterraneo». Proprio lunedì Francia, Germania, Gran Bretagna ci avevano lasciato fuori da un gruppo di lavoro sulla Libia.

Quegli alleati sui quali il premier punta per riaprire in extremis il negoziato sul Mes. La situazione è difficile, perché i partner non sono disposti a fare ripartire da capo la trattativa. Un po' di ottimismo arriva però con le parole di Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione europea: «Dobbiamo lavorare tutti in uno spirito di compromesso per trovare soluzioni. Penso che sia esattamente con questo lo spirito giusto». Tempi supplementari per l'Italia? Conte vuole crederci: «Non ci faremo fregare e non escludo un rinvio. E non vedo rischi di fratture con la Ue». Però «ci stiamo muovendo in una logica complessiva, di pacchetto», che significa che «il progetto comprende la definizione degli altri dossier economici in discussione, come l'assicurazione europea sui depositi e il bilancio dell'Eurozona». Ma, assicura, «questo non è un ricatto».

Conclusione. «Io ancora non ho firmato nulla, tantomeno una cambiale in bianco», come teme Di Maio. Però basta liti e basta «con la fanfare propagandistica che fa solo salire lo spread». Faremo la solita figuraccia? «Nemmeno per sogno, ci sono 19 Paesi che stanno scrivendo una riforma, c'è una sintesi nazionale da fare e poi una europea».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

glasnost

Gio, 05/12/2019 - 08:53

Mentre sul Mes si prova a prendere tempo, per non andare a casa, però la Brexit va avanti. E Deutsche Bank e Commerzbank hanno bisogno di soldi (italiani?) per non saltare. Come fare a conciliare queste cose?

oracolodidelfo

Gio, 05/12/2019 - 09:00

Giuseppi Conte, l'Azzeccarbugli di Volturara Appula, passerà alla Storia non come "l'avvocato del popolo" bensì come si dice dalle mie parti "l'aucat di caus pérs" ovvero "l'avvocato delle cause perse"......

lorenzovan

Gio, 05/12/2019 - 09:17

Trump?quelllo alle spalle del quale ridono tutti?

Ritratto di pedralb

pedralb

Gio, 05/12/2019 - 10:21

@lorenzovan .. ridi ridi che la mamma ha fatto i gnocchi

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 05/12/2019 - 10:33

"Non ho firmato nulla". Conte mente o dice il vero? Ma come mai dai discendenti di Hitler si dice che ormai tutto é fatto e che non si può tornare indietro? In verità tutto è stato deciso, ma nulla é stato approvato. Quindi il pseudo Presidente del Mal-Consiglio asserisce il falso: mente sapendo di mentire. Ciò mentre dalla patria di Hitler si afferma che non di può tornare indietro: si, perché lo hanno deciso loro per mungere le nostre banche, cioè i risparmi che noi abbiamo affidato in luogo sicuro, non tenendoli in casa nostra dove potrebbero venire a rubarli i ladri ufficiali del sistema, fra cui quelli sbarcati da Libia e dintorni.

FedericoMarini

Gio, 05/12/2019 - 10:43

CONTE E UN”OTTIMO PREMIER DELLA MIGLIORE COALIZIONE POSSIBILE IN UNA CONDIZIONE POLITICA DI SALUTE PUBBLICA,CHE FINALIZZA A TENER FUORI DAL POTERE CHI POTREBBE DEL TUTTO DISTRUGGERE QUEL POCO DI CREDIBILITÀ’ ECONOMICA CHE RIMANE ALL’ITALIA>

bernardo47

Gio, 05/12/2019 - 10:51

Penso che la questione si risolverà,ma dobbiamo ringraziare i due vice del governo gialloverde salvini e di Maio e il sig.giorgetti sottosegretario alla presidenza. Avevano in mano quel governo e loro dormivano! Anzi russavano?

Duka

Gio, 05/12/2019 - 11:11

Ha sempre più l'aria di un grandissimo pasticcione peggio del Prodi e non è cosa da poco.

Ritratto di ..repvbbliQetta..

..repvbbliQetta..

Gio, 05/12/2019 - 11:47

...ma il PINOCCHIETTO del consiglio fa quello che gli riesce meglio, FINGERE

agosvac

Gio, 05/12/2019 - 12:06

Ma come? L'UE tedesca dice che è tutto fatto e Conte insiste che non ha firmato niente? Ma Conte lo capisce o no che questo MES è essenziale per la Germania per usare soldi non suoi per salvare le "sue "banche???

Libertà75

Gio, 05/12/2019 - 12:09

Giuseppi ha venduto il PD a Trump, giusto o sbagliato non discuto. Il PD non ha manco protestato pur di tornare al Governo. Il risultato è una barzelletta istituzionale. Il riassunto? quello di Lorenzovan ossia se non capisci ridi che tanto non sai fare altro

lorenzovan

Gio, 05/12/2019 - 13:11

beranedo 47..occupati a raggranellare voti con la frequentazione assidue di tutte le fiere paesane italiane..promettendo pilu per tutti...tra una salamella e una porchetta

lorenzovan

Gio, 05/12/2019 - 13:12

liberta' 75 siamo fortunati che tu capisci per tutti noi-..cosa sarebbe di noi meschini senza la tua illuminata intelligenza !!!!

Maura S.

Gio, 05/12/2019 - 13:29

lorenzovan, tutti ridono alle spalle di "The Donalds " !! Le consiglio di non credere troppo alle chiacchiera della "Pelosi " o dei suoi simili. Il presidente americano pensa al suo paese, "America First " e una buona parte degli americano sono con lui, mentre invece in Italia lei i suoi sinistroidisi stanno svendendo il nostro paese: mi chiedo il perché!

carpa1

Gio, 05/12/2019 - 13:46

"Trump?quelllo alle spalle del quale ridono tutti?" ....... Sì, tipico dei cagasotto, che ridono degli altri (sempre alle spalle ovviamente) solo perchè sono consapevoli di non avere argomenti validi per ridergli in faccia.

Ritratto di pulicit

pulicit

Gio, 05/12/2019 - 14:01

Giuseppi,Giuseppi ritirati che è meglio.Regards

Libertà75

Gio, 05/12/2019 - 14:29

@lorenzovan, non c'è bisogno di offendersi, tu ti diverti a far passare un messaggio di superficialità ed ilarità e noi si ride della tua superficialità e ilarita. That's all.

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Gio, 05/12/2019 - 15:46

Egregio FedericoMarini, sicuro di quanto afferma? Mi pare che a breve neppure il piu' sfacciato euroburocrate o eurosostenitore PDino giungera' piu' a tanto.

veromario

Gio, 05/12/2019 - 16:20

bernardo47 Fai sempre dei commenti molto intelligenti,peccato di escano dalle orecchie falce e martello.