Coronavirus, italiani sempre più delusi dall'Unione europea

Dal 2000, in un solo decennio, la fiducia degli italiani verso l'Ue è crollata di ben 20 punti percentuali. E ora il coronavirus rende il progetto europeo ancora meno popolare

Inutile girarci attorno: gli italiani sono sempre più delusi dall'Unione europea e dalla scarsa solidarietà mostrata dai Paesi europei in questa fase di grave emergenza sanitaria per via del Covid-19. Questa non è una tesi dei "sovranisti" ma degli stessi vertici europei. I ministri degli Esteri e delle Finanze Heiko Maas e Olaf Scholz in un editoriale pubblicato La Stampa, sottolineano che "in un primo momento la risposta europea non è stata convincente" mentre la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen si è scusata ufficialmente con l'Italia, ammettendo che "in troppi hanno pensato solo ai problemi di casa propria" e che ora l'Unione europea sarà a fianco del nostro Paese. In queste settimane, infatti, la fiducia degli italiani nei confronti dell'Ue è letteralmente crollata: secondo un sondaggio condotto da Tecné lo scorso 13 marzo, la maggior parte degli italiani (67%) riteneva che far parte dell'Unione europea rappresenti uno svantaggio. Solo un anno e mezzo fa (novembre 2018) la percentuale era molto piu’ bassa (47%). Contestualmente era diminuita anche la percentuale di chi vedeva nell’Europa un’occasione vantaggiosa per l’Italia: nel novembre 2018 erano il 37%, a metà marzo il 21%.

Crollata la fiducia degli italiani verso l'Unione europea

Il sentimento degli italiani verso il progetto europeo è stato segnato da un graduale disammoramento. Come riporta La Repubblica, infatti, dal 2000, in un solo decennio, la fiducia verso l'Ue è crollata di ben 20 punti percentuali. Si è ridotta al 37%, nel 2011 (secondo le indagini sul Rapporto fra gli Italiani e lo Stato, di Demos-Repubblica). E oggi, per via del coronavirus, si è ridotta ancora, arrivando al 30%. Sul banco degli imputati la Germania e i Paesi del Nord Europa e del rigore, tra cui l'Olanda. Anche il Financial Times si chiede se il coronavirus porterà l'Italia lontano dal progetto europeo: "L'Ue ha un fondo di salvataggio chiamato meccanismo europeo di stabilità che i Paesi possono utilizzare" scrive il quotidiano a proposito del Mes. "Ma nonostante le assicurazioni da parte dell'amministratore delegato dell'Esm, Klaus Regling, molti italiani temono che i prestiti da parte dell'istituzione presentino condizioni difficili per il paese. A molti sembra che il loro Paese sia stato punito per un disastro che era al di fuori del suo controllo".

Sale la percentuale di chi non si sente europeista

In attesa dell'eurogruppo di domani, la diffidenza degli italiani verso il progetto europeo rimane altissima. Come riporta Termometro Politico, i tentennamenti dell’Europa nel trovare una soluzione comune per affrontare l’emergenza coronavirus stanno picconando la credibilità delle istituzioni europee tra gli italiani. La conferma arriva dai sondaggi politici Noto per Qn realizzati il 28 marzo. Il 77% afferma che “al momento l’Ue non ha contribuito in alcun modo a fronteggiare l’emergenza sanitaria”. Non stupisce dunque il calo della percentuale di chi afferma di sentirsi europeo: dal 66% di prima dell’epidemia si è scesi al 49% mentre al contempo è aumentata dal 24% al 36% la quota di chi "non si sente europeista". Si sta concretizzando, agli occhi degli italiani, quella profezia dell'ex leader socialista Bettino Craxi: "Si presenta l’Europa come una sorta di paradiso terrestre: arriveremo al paradiso terrestre, ma l’Europa per noi, come ho già avuto modo di dire, per noi nella migliore delle ipotesi sarà un limbo nella peggiore delle ipotesi l’Europa sarà un inferno".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 06/04/2020 - 11:54

ma per forza! l'europa secondo la visione della sinistra non poteva funzionare! come si può pensare di fare una europa senza unire le forze sociali, politiche, giudiziarie, fiscali, ecc? è come assemblare un sistema microsoft con quello di linux e quello di mac.... non funzionerebbe mai!!

Ritratto di gbbyron2007

gbbyron2007

Lun, 06/04/2020 - 12:15

Era ora! Io l'ho capito tanti anni fa ed avevo tutti contro.

Ritratto di pedralb

pedralb

Lun, 06/04/2020 - 12:24

Prima di applaudire all' europa (voluto il minuscolo) unita si sono cacati in mano .. lol lol

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 06/04/2020 - 12:26

Fiducia nella UE crollata nella misura del 20%? Questa è una valutazione di circa 5 o 6 anni fa, quando l’invasione afro islamica ancora non sembrava molto invasiva. Dal mio punto di vista, di fronte al comportamento di una UE ad amministrazione sempre più tedesca, per i fatti loro, l’uscita dalla UE è indispensabile per salvare l’Italia. E vedrete che dagli attuali SU d’America avremo apprezzamento ed aiuto.

bernardo47

Lun, 06/04/2020 - 12:28

la stragarnde maggioranza resta a favore di europa(solidale) e di euro che protegge stipendi, salari, pensioni e risparmi.Italiani sono intelligenti!

glasnost

Lun, 06/04/2020 - 12:28

No, io non credo che ci siano problemi da imputare agli stati del nord europa. Ogni paese vede le cose in modo differente, troppo differente. E giustamente i paesi economicamente "virtuosi" non vogliono dare i soldi delle tasse dei propri cittadini a paesi che sprecano e regalano soldi ai fannulloni. Anche io, che lavoro e mi faccio il paiolo, non sono contento di dare le mie tasse a chi se ne sta sul divano o lavora in nero. Non è DIGNITOSO per il nostro paese pietire la carità alla Germania o all' Olanda. Ma, dato che noi Italiani siamo fatti così e non cambieremo (altrimenti non avremmo eletto gente di partiti che inneggiano alla DECRESCITA) chiediamo semplicemente alla UE di farci uscire senza crearci troppi problemi. Andrebbe meglio sia per noi che per loro.

Dema

Lun, 06/04/2020 - 12:29

Il governo Italiano e il presidente Conte si sono permessi il diritto di approvare una legge a firma Giuseppe Conte in cui si chiede al popolo italiano di fare dei sacrifici enormi e rimanere immobili cioè rinchiusi nella propria abitazione,questa legge non è costituzionale perché’ è approvata da una sola persona il presidente del consiglio e noi tutti stiamo rispettando queste regole ,ma la cosa più assurda è che nessuno è in grado di dire quando usciremo da questa prigionia e quando noi tutti riusciremo a riprendere a pieno ritmo con le nostre attività lavorative e dopo un mese non è più tollerabile e sinceramente i cittadini meritano delle risposte più chiare

necken

Lun, 06/04/2020 - 12:51

Dema 12,29: siamo nelle mani di DIO! per i credenti ovviamente! non è facile scegliere fra la scienza e l'economia perchè comunque vada si sbaglia se non fosse cosi le fosse non sarebbero piene del senno di poi

bernardo47

Lun, 06/04/2020 - 12:53

italiani sono personcine intelligenti.Sanno bene che salari risparmi e pensioni si salvano solo con euro e moneta unica.....lo sanno molto bene.

Scirocco

Lun, 06/04/2020 - 13:04

Meglio tardi che mai!

Montesquieu2000

Lun, 06/04/2020 - 13:07

1/3 - Da “Il debito pubblico in Italia” di Giuseppe Pisauro - Festival economia 2012 – Trento. INIZIO Nel corso degli anni ’50 e fino alla metà degli anni ’60 il rapporto debito pubblico/Pil si è mantenuto intorno al 30%. Da quel momento è iniziata una crescita che si è fatta via via più impetuosa: il rapporto nel 1970 era già al 40%, nel 1980 era quasi il 60%, nel 1991 aveva superato la soglia del 100%. Nella seconda metà degli anni '90 avviato un percorso di rientro, da 124 del 1994 a 103 del 2007. La grande recessione ha riportato il debito a 120 nel 2011.

Montesquieu2000

Lun, 06/04/2020 - 13:09

2/3 - FINE LA MORALE CHE POSSIAMO TRARRE E’ DI UNA CHIAREZZA ESEMPLARE: fintanto la sinistra è stata fuori dal Governo e dalla maggioranza i conti pubblici erano in perfetto ordine. Il peggioramento sempre più veloce è cominciato con lo sciagurato avvento del primo centro sinistra. Esempi? La creazione delle Regioni e dell’inizio del mangia mangia, oggi sotto gli occhi di tutti. La criminale Legge Mosca del 1974, ovvero i contributi pensionistici regalati a decine di migliaia di galoppini dei consorzi di cooperative, dei partiti e dei sindacati. La copertura acritica delle spese pazze degli enti locali...Potrei continuare fino a domani.

Ritratto di filospinato

filospinato

Lun, 06/04/2020 - 13:09

bernardo47 una bella dieta vi farà solo che bene

Montesquieu2000

Lun, 06/04/2020 - 13:10

3/3 -Quando gli Italiani hanno cominciato a capire l’andazzo, sono diventati i più europeisti d’Europa, talmente erano schifati dei propri politici, vigliacchi e traditori della fiducia. Da parte loro, i politici, hanno colto la palla al balzo: ENTRIAMO IN EUROPA (sottinteso: potremo dire che la colpa degli inevitabili sacrifici è dell’Euro. Oggi ci viene presentato il salatissimo conto. Chi è causa del suo mal pianga se stesso. Mal voluto non è mai abbastanza.

Ritratto di pinox

pinox

Lun, 06/04/2020 - 13:14

la Merkel sta facendo un grande regalo ai partiti nazionalisti, prima o poi ce la farà a far saltare tutto.

zen39

Lun, 06/04/2020 - 13:27

Cosa potevamo aspettarci da un club di banche ? UE è un organo del NWO con l'ONU, il FMI, OMS e via così. Sono tutti organismi massoni chi più chi meno. Il loro obbiettivo è il potere a tutti i costi e il dominio delle nazioni a prescindere dai popoli. Come fanno ? Attraverso governanti compiacenti che manipolano la loro gente in cambio di potere e privilegi. E' sempre la stessa storia che si ripete da milleni. Ma si sa i popoli poi si ribellano e vengono tagliate le teste. Ecco ora vogliono proprio evitare questo e fanno di tutto per indebolire la gente usando perfino un supervirus. Sveglia ragazzi difendete il vostro futuro costoro non vogliono cittadini ma schiavi.

amicomuffo

Lun, 06/04/2020 - 13:43

ma guarda...e c'è accorgiamo adesso? Il problema è che non abbiamo uno che uno di politico che abbia gli attributi per mandare l'europa ( minuscolo voluto),veramente a quel paese, sbattendo la porta! Dato che abbiamo nei loro confronti, un debito da fare paura! Io ho 54 anni...ma ho sempre conosciuto l'Italia come un paese in recessione...forse gli anni 80, hanno avuto una "parvenza" di benessere, unito al "finto" boom economico degli anni 50.

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 06/04/2020 - 13:58

La UE è un falso burocratico. I singoli Stati non vi si riconoscono. Spesso ho sentito accostare la UE agli USA, ma lì hanno un solo inno, un solo esercito e soprattutto una sola bandiera. Più che un'Unione mi sembra un insieme.

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Lun, 06/04/2020 - 14:04

filospinato - 13:09 non gli farà un baffo il filo spinato: il "nostro" non sa che la fiducia degli italiani nella Ue è scesa, in questi ultimi mesi, dal 66% sotto il 50%, precisamente al 49%. Vedremo dopo il Mes, se sarà concesso all'Italia, come andrà il trend della fiducia..

ulio1974

Lun, 06/04/2020 - 14:16

l'errore più grande dell'europa è stato l'allargamento ad est troppo rapido. quando l'italia ne uscirà, verrà rimpiazzata dalla Turchia.

Ritratto di FiliCudi

FiliCudi

Lun, 06/04/2020 - 14:26

Bene bene, la Blackrock sta già scaldando i motori... eh eh si sfila al EU ci attendono lacrime e sangue

Lugar

Lun, 06/04/2020 - 14:32

Abbiamo sempre ascoltato la nostra campana che distrugge l'immagine di coesione nell'Ue. Ma perchè la Merkel e Macron non dicono la loro? Perchè danno addosso all'Italia? Sembra quasi che questo virus sia stata l'occasione per distruggerci. Qualcuno che ne ha il coraggio che parli, ci dica come stanno le cose.

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Lun, 06/04/2020 - 14:37

Non ci vuole un grande economista per dire che che l'U.E. è solo uno specchietto per le allodole. Stipendi fermi da oltre 10 anni,aumento della disoccupazione,incentivazione del welfare per gli extracomunitari,disincentivazione per le nascite,immigrazione clandestini incontrollata,desertificazione delle campagne ed emigrazione sono chiari indicatori di una Europa malata non più favore dei propri cittadini che versano miliardi di euro per mantenerla.

ex d.c.

Lun, 06/04/2020 - 14:39

Delusi ma coscienti che non possiamo farne a meno. Da soli non sopravvivemmo

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Lun, 06/04/2020 - 14:51

Solo 20 punti? Non e' che e' il contrario, e cioe' che SOLO IL 20% CREDE ANCORA NELLA UE? La cosa oltretutto sembra altamente probabile, se si considera che e' piu' o meno la stessa percentuale dello "zoccolo duro" PD.

bruno baly

Lun, 06/04/2020 - 15:17

E'arrivato il momento di annunciare un referendum sull'Europa. Solo per vedere "la faccia che fa" ..... Pensate se l'Italia esce e decide di non fabbricare più parti di ricambio per la Germania, ma per la Russi o per la Cina. O di impiegare i nostri designers di carrozzerie per l'Est. Ci sarebbe da ridere a vedere le auto disegnate dai tedeschi o francesi. Annunciamolo a grande voce, poi vediamo, poi si vedrà se farlo veramente o no. Ma adesso mostriamo i denti.

Antonio Chichierchia

Lun, 06/04/2020 - 15:29

Direi che il problema non è sentirsi europeisti o meno, ma bisogna vedere se l'Europa continuerà ad esistere anche senza l'Italia o si spaccherà.Se continua senza il nostro Paese sicuramente si emetteranno i Corona Bond perchè non c'é più il rischio Italia e per noi sarà un disastro(ricordate le file ai Bancomat dei Greci per accaparrarsi quanti più Euro possibili?), Se invece l'Europa si scioglierà, noi sicuramente ce la caveremo, anche benino penso.Ma l'italia, da sola, in mezzo a Cina ,Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, India, Africa ... la vedo dura.

Mborsa

Lun, 06/04/2020 - 15:40

La crisi da Covid 19 è chiaramente un fattore esterno e imprevedibile: l'interesse comune sarebbe di fornire a tutti gli stati membri i mezzi per contrastarne gli effetti, per evitare che le diverse disponibilità di bilancio dei singoli portino ad accentuare il dislivello tra le economie degli stati membri. Altra cosa è il problema del debito italiano: nessuno pagherà al posto nostro. Dovremmo impostare una politica di buona gestione per un decennio, pronti a spendere per investimenti e a risparmiare per un tenore di vita e di servizi troppo elevati per le nostre possibilità. Dentro o fuori dall'euro non cambia l'obbiettivo finale: ridurre il debito. Forse aveva ragione Monti?

moichiodi

Lun, 06/04/2020 - 15:41

Interessante novità. Abboccate! Dagli all'Europa.

bernardo47

Lun, 06/04/2020 - 15:42

Solo con euro, salari pensioni e risparmi sono al sicuro! Non certo con Borghi o bagnai! Viva Europa solidale e viva euro.

Popi46

Lun, 06/04/2020 - 15:42

@Menono Incariola: al di là delle battute, mi saprebbe dire dove potremmo andare, da soli,senza materie prime,con un territorio dissestato,infrastrutture fatiscenti,denatalità galoppante,età media lasciamo perdere,ecc,ecc,? Ma speriamo che non sia l’UE a buttarci fuori!

Giorgio Colomba

Lun, 06/04/2020 - 15:48

Grazie - si fa per dire - al virus, l'Ue si è finalmente disvelata per ciò che è: puro parassitismo a trazione franco-tedesca.

ricciardi_massi...

Lun, 06/04/2020 - 15:49

Vergognosa l.unione europea. Vergognoso non averci aiutato sul piano sanitario (ventotto pazienti in germania, ripeto 28). Vergognoso speculare sul piano economico. Hanno perso tempo per impedire all.italia che è entrata nel lock down per prima di avere vantaggi nell.essere la prima ad uscirne

jaguar

Lun, 06/04/2020 - 16:02

bernardo47, viva l'Europa solidale? Ma dove vivi, in Germania?

renatocab

Lun, 06/04/2020 - 16:23

@bernardo47, probabilmente l'unione europea potrebbe essere una buona cosa ma non così gestita, cosa ha impoverito l'Italia è stato l'euro

renatocab

Lun, 06/04/2020 - 16:37

@Montesquieu2000, d'accordo al 1000% con quanto scritto, però a molti diseredati il debito pubblico è servito per avere una condizione di vita migliore, ma ne hanno allora approfittato i nullafacenti ed i politici, l'ingresso nell'euro è stata la mazzata. Di punto in bianco tutte le merci nei negozi che costavano 1000 lire sono diventate 1€ quindi quasi 2000 lire, ve lo ricordate?

Duka

Lun, 06/04/2020 - 16:50

La domanda che ognuno si pone è semplice: a che cosa serve una UNIONE (già il termine unione la dice lunga) se al momento del bisogno tutti fanno orecchie da mercante?