Il M5S sbarra la porta a Conte: "Alleanza con il Pd non si farà"

Il capo politico del M5s, Vito Crimi, al Corriere della Sera esclude accordi con i dem in Puglia e nelle Marche e difende Casaleggio che considera "un pilastro"

La possibilità che alle ormai imminenti elezioni Regionali l’alleanza, fragile e litigiosa, formata da Pd e M5s possa subire una pesante sconfitta è decisamente alta. Escludendo il Veneto dove la sinistra declinata in tutte le sue forme si è già preparata a subire una clamorosa e storica batosta, i dem potrebbero perdere la Puglia, che governa con Emiliano, e la roccaforte rossa delle Marche. Senza dimenticare il feudo della Toscana insidiato, clamorosamente, dal centrodestra. Il voto, anche se non lo si ammette apertamente, avrà ripercussioni anche sul governo. Una disfatta potrebbe minare le fondamenta dell’alleanza giallorossa. Conte non lo dice ma ne è consapevole. Per questo da giorni il premier sta spingendo Pd e M5s a trovare un accordo dell’ultimo minuto almeno nelle Marche e in Puglia. Mai pentastellati locali, diversamente da quanto accade a Roma, oppongo resistenza alle sirene dem.

È vero che in politica tutto cambia improvvisamente ma ora a dar man forte ai candidati marchigiani e pugliesi scende in campo Vito Crimi, capo politico 5s, che in una intervista al Corriere della Sera ha messo la parola fine ad ogni ipotesi di alleanze. A Conte che aveva detto che "si sprecherebbe una grande occasione" se Pd e M5S non si alleano nelle Regionali , il senatore ha, infatti, risposto: "Non si tratta di sprecare un'occasione, perché non c'è, altrimenti l'avremmo colta al volo. Noi abbiamo il massimo rispetto del territorio. Dove abbiamo fatto opposizione fino a ieri, è difficile immaginare un percorso insieme".

Crimi ha spiegato che il tema delle alleanze in Puglia e nelle Marche è "una questione è chiusa da tempo. Lì abbiamo fatto un'opposizione ferma e un'alleanza è infattibile". Il capo politico pentastellato ha poi fatto intendere di non temere conseguenze sul governo in caso di sconfitta alle urne ma ha rigirato la frittata sottolineando, forse provocatoriamente, che “noi non governiamo in quelle Regioni. Sarebbe il Pd a perdere e in tal caso dovrebbe farsi una domanda su come hanno governato finora. Avrebbero dovuto darci retta prima".

Ma Crimi si mostra cauto anche su un possibile accordo organico con il Pd, auspicato da molti soprattutto dopo il voto sulla piattaforma Rousseau. Il senatore ha spiegato che non esiste un’alleanza strutturale con i dem, così come non ci potrà essere un patto con altri partiti, "perché siamo nati per combattere il sistema dei partiti e vorremmo aiutarli a migliorarsi”. I pochi casi dove M5s e Pd vanno al voto insieme sono quasi eccezioni: ”Ho ricevuto richieste da quattro Comuni che hanno presentato un progetto".

Poi una battuta sul governo, quasi a rassicura gli stessi dem e Conte che sente traballare la poltrona. Questo governo, ha garantito Crimi,"sicuramente dura per la legislatura. Nessuno poteva governare senza di noi. Non parlerei ora del futuro". Per il capo politico pentastellato, però, vi è una differenza tra Lega e Pd. Con il partito guidato da Nicola Zingaretti, infatti, Crimi ammette che forse "ci sono più somiglianze, anche se ci sono distinguo non indifferenti". Il senatore ha anche raccontato di aver sentito numerose volte Beppe Grillo che, come Conte, auspicava una convergenza e che alla fine ha accettato le decisioni prese: "Mi ha chiesto perché Puglia e Marche no, ma gli ho spiegato perché era impossibile e non ha insistito".

Crimi ha poi sottolineato che uno dei quesiti votati su Rousseau non era ad personam per la Raggi perché"ci sono altri Comuni nella stessa situazione, come Vimercate. Il mandato zero era stato contestato perché troppo complesso". Il voto sulla piattaforma, ha spiegato ancora Crimi, "lo decide il capo politico. Ci siamo confrontati sulle modalità e se quando farlo”.

Poi, il senatore si dilunga in una appassionata difesa di Davide Casaleggio, figura con cui molti pentastellati vorrebbero tagliare i legami: "È un'idea insensata. Davide è un pilastro, è come un fratello fondatore dei due padri fondatori". Crimi lascia, poi, intendere, che le polemiche sui 300 euro mensili che i parlamentare devono versare e l’elenco con gli iscritti, con conseguente questione trasparenza, sono problemi relativi.

Infine sugli Stati Generali, il senatore afferma che non saranno"un evento unico, ma un percorso… Nei prossimi giorni sceglierò un gruppo di 4-5 persone, con idee diverse, per avviare un percorso. Così non si penserà che dietro ci sia io o chissà quale regia". Crimi, però non si ricandiderà a capo. Ma, viste le tante novità in casa grillina, nulla può essere considerato definitivo. Neanche il no alle alleanze con il Pd.

Posizioni ben diverse, invece, le esprime Luigi Di Maio. Il ministro degli Esteri spinge per un’alleanza organica con i dem a partire dal voto di settembre. "Mancano poche ore alla presentazione delle liste e ritengo sia opportuno investire ogni energia per trovare degli accordi laddove sia possibile. L'ascolto dei territori, come ho ribadito in più occasioni, resta la priorità. Il presidente Conte, a mio avviso, ieri ha espresso un concetto più che legittimo, sottolineando l'importanza di ascoltare i territori, ma tutti siamo consapevoli che per governare bene l'Italia ci sia bisogno di amministratori responsabili e le elezioni comunali e regionali sono uno snodo cruciale", ha scritto Di Maio in una nota. Il ministro ha poi spiegato come sia un bene "confrontarsi, è un bene provarci laddove le condizioni lo consentono. Lavoriamo per dare risposte agli italiani e non facciamoci tirare dentro in diatribe che non ci appartengono".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

cgf

Gio, 20/08/2020 - 11:39

Le prossime elezioni, ammesso si facciano per davvero il mese prossimo, non avranno alcuna influenza su Governo, film visto e rivisto in passato. A loro interessano due cose, poter gestire il denaro che arriverà l'anno venturo e poter eleggere il prossimo Presidente. Democrazia, Onestà, Correttezza, Servizio dello Stato e tante altre cose di cui si riempiono la bocca sono solo paludamenti della propria auto referenzialità, quando invece dovrebbero essere comportamenti spesso tenuti in silenzio e basso profilo, non è roba per sinistri.

jaguar

Gio, 20/08/2020 - 11:40

Si farà si farà, in nome dello stipendio e della poltrona si farà.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 20/08/2020 - 11:40

questa è una ottima notizia per tutto il centrodestra: significa che si stanno suicidando politicamente, sia il PD che il M5S :-) avanti tutta cosi, prima o poi il botto lo sentiranno fin su marte....

Gio56

Gio, 20/08/2020 - 11:41

Ma che ripercuzioni sul governo,in caso di sconfitta dei 5st-pd ci sarà una blindatura alle poltrone del governo.

Ritratto di mbferno

mbferno

Gio, 20/08/2020 - 11:56

La poltrona dei PIDIOTI è, così, monca di due gambe e comincia a traballare.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 20/08/2020 - 11:58

Mi fa piacere constatare che M5S non sia il “peggio”, come pensavo fosse ieri, quando sembrava che il “Movimento grillino” fosse destinato ad un folle abbraccio con il PD e dintorni, con l’anticipo di un suicidio politico del partito inventato da Grillo. Un vecchio proverbio insegna “meglio tardi che mai”: si sono svegliati a tempo debito.

amicomuffo

Gio, 20/08/2020 - 11:58

il bostick per poltrone è un ottimo deterrente!

Jon

Gio, 20/08/2020 - 12:05

E quella che c'e' ora cos'e'..un inciucio solo per LE POLTRONE..!!!

Marzo-2020

Gio, 20/08/2020 - 12:07

Questi (tutti) parlano solo di alleanze fregandosene altamente di dare contenuti e proposte per risolvere i gravissimi problemi che affliggono le varie regioni e comuni. Pensano che il cittadino vada alle urne come un automa dei tempi del PC e DC, bei tempi comunque, in cambio qualcosa si riceveva...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 20/08/2020 - 12:13

02121940 non è che il M5S sia diventato meno peggio, è solo una tattica puramente politica! bisogna disfarsene al piu presto questo movimento! e se vogliamo parlare di attributi, il PD-M5S sono di quanto peggio esista nella natura politica in tutto il mondo, insieme alle dittatura comuniste e socialiste di tutto il mondo (corea del nord, venenzuela, cina, ecc)

Yossi0

Gio, 20/08/2020 - 12:18

finalmente una buona decisione signor crimi anche se non può essere sua è troppo sofisticata ... speriamo che questa scelta sancisca la fine dei pdioti e dei seguaci dello pseudocomico

kayak65

Gio, 20/08/2020 - 12:49

anche se non si vincono le elezioni la poltrona e' sicura sia pur in minoranza. anzi stipendio garantito nessuna responsabilita'. se invece i 5s si alleassero con il pd e' ovvio il dimezzamento delle poltrone in caso di sconfitta che pare certa, pertanto meglio 2 poltrone in minoranza che 1. ovvio che i peones rimarrebbero alla porta ma ai big che gliene frega

Ritratto di pulicit

pulicit

Gio, 20/08/2020 - 13:01

Jaguar 11,40:Condivido. Evviva alla poltrona..Regards

Ritratto di TechTrade

TechTrade

Gio, 20/08/2020 - 13:17

Meglio non correre rischi. Modifica costituzionale subito. Aboliamo tutte le elezioni e Conte per sempre.

Ritratto di jonny$xx

jonny$xx

Gio, 20/08/2020 - 14:06

BENE BRAVO BIS, BASTA FARE DA TAPPETINO AL P.D. MALEFICO QUANDO LORO RITIRERANNO IL LORO CANDIDATO DA SINDACO DI ROMA? OVVERO LE ALLEANZE PER LORO SONO A SENSO UNICO DIREZIONE IL LORO POLLAIO?

Duka

Gio, 20/08/2020 - 14:09

Di Maio ed il suo INCUBO: il ritorno al San Paolo

g.barnes

Gio, 20/08/2020 - 14:11

A fine settembre ne riparliamo caro Crimi, Giggino e C. Il PD potrebbe allearsi anche con Giuda pur di sopravvivere, di vincere non se ne parla nemmeno. Visti i meravigliosi risultati di Di Maio agli esteri, Lamorgese, Speranza, Bellanova, Bonafede, Gualtieri, Boccia ... direi che sono in una botte di ghisa ... che affonda.

hectorre

Gio, 20/08/2020 - 14:41

ahahahahahah....il movimento è nato per combattere il sistema dei partiti....e governa col pd!!!....ahahahahahah.....vabbè, se il loro guru è un comico, far ridere è un obbligo!!!!....ma come si fa a votare simili personaggi!!!...è un insulto all’intelligenza!!!!!

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 20/08/2020 - 14:42

VISTO LE CATASTROFI CAUSATE DAI 5* IN 2 ANNI DI GOVERNO!SOLO UN IxxxxA PUO DARE IL SUO VOTO AI 5* OPPURE AL PD!.

Ritratto di Antonosofiro

Antonosofiro

Gio, 20/08/2020 - 14:48

Ma quando mai !! PD e 5 stelle hanno solo lun unica possibilità di sopravvivere (fino al 2023), cioè stare attaccati come cxxo e camicia, sia tra loro che con le auree poltrone. Purtroppo non siamo nè in Francia, nè in una Repubblica delle Banane, ma proprio in questa schifosa italietta marciscente

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Gio, 20/08/2020 - 14:52

cgf - 11:39- La gestione dei mld di euro sarà certo controllata dall'Ue previo invio di programma da attuare, sull'elezione del nuovo Pdr credo che se il cdx prevalesse 4 a 2 alle regionali, il numero dei grandi elettori non darebbe certezze all'attuale governo sulla nomina di un Pdr a loro gradito. Il governo ha a proprio favore una 30ina di parlamentari alla Camera e una 15ina al Senato. Basta qualche altro piccolo scostamento da qui a feb 2022 (ammesso che questo governo sopravviva fino a quella data) e l'elezione del Pdr prenderebbe ben altra via. Le elezioni regionali non potranno rimandarle al dopo l'elezione del Pdr: hanno la faccia "comeil" ma non penso fino a questo punto!

Calmapiatta

Gio, 20/08/2020 - 15:36

Il M5s ancora non si è accorto di essere, per dirla con il Guru, uno zombie che cammina, esattamente come il PD. Il PD, però, ha impiegato oltre 20 anni per ridursi a quel fuco senza carattere e idee che è attualmente, il M5s, ha bruciato tutta la sua credibilità in qualche mese. Dovevano aprire il parlamento come una scatoletta di tonno. In realtà si sono adeguati al sistema che dicevano di voler combattere con una naturalezza e una faccia di bronzo davvero fastidiose.

JS75

Gio, 20/08/2020 - 15:52

IL M5S prima si affida, o perlomeno fa finta, al voto sulla piattaforma rousseau che dice si alle alleanze e poi fanno come gli pare a loro. Ma i 5stellini ancora non li hanno mandati tutti a quel paese?

vocepopolare

Gio, 20/08/2020 - 15:59

è sconvolgente quanto afferma di maio in appoggio alle dichiarazioni di conte:di maio vive in una regione devastata dal pd , ha lottato in tutti i modi possibili contro il pd ed il suo presidente, ha raccolto ogni sorta di insulti contro se stesso ed il movimento, ha vinto anzi stravinto nelle urne del 2018... ed oggi cosa penserebbe di fare? una eventuale alleanza con il pd? ma gli è passato per la mente cosa possano pensare i suoi elettori? noi,in questo commento, dopo aver parlato con qualche attivista 5S, non ci azzardiamo neppure ad accennarlo.

Morion

Gio, 20/08/2020 - 18:36

Un altro ancora? Ei tando!

ITA_Chris

Gio, 20/08/2020 - 18:50

Unione per mantenere le poltrone. Scommetto che qualsiasi risultato ci sarà, per Zingaretti, nelle interviste, sarà una vittoria.

Popi46

Gio, 20/08/2020 - 19:25

Conte,Crimi,Di Maio,Zingaretti.....parole,parole,parole,soltanto paroleee.... era più credibile Mina, di sicuro più professionale

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 20/08/2020 - 19:41

giggino ha paura di perdere la cadrega.