Ecco il piano del Cav: "Subito lo choc fiscale"

In una intervista MF-Milano Finanza, Silvio Berlusconi ribadisce di essere favorevole al Mes e attacca alcuni settori della magistratura per uso giustizia per lotta politica

Il piano del governo per affrontare e superare la crisi economica provocata dall’emergenza coronavirus è "largamente insufficiente". A dirlo è Silvio Berlusconi che in un'intervista a MF-Milano Finanza che sarà pubblicata domani non ha solo criticato l’esecutivo per le politiche messe in campo in questa fase eccezionale ma ha anche indicato quale sia la strada per rilanciare l’Italia. "Solo uno shock fiscale come quello dato all'economia americana dall'amministrazione Trump potrebbe consentire alle imprese di tornare a fare utili e a creare lavoro in tempi brevi", ha affermato il leader di Forza Italia.

L’ex premier ha ricordato che "negli Usa, gli stati usciti dal lockdown in un solo mese hanno creato oltre tre milioni di nuovi posti di lavoro. Un record che su base mensile resisteva dal 1939". Pertanto, secondo Berlusconi, "questa è la strada da seguire, se vogliamo evitare che il danno diventi permanente e che si abbiano conseguenze sociali pesantissime, una volta esaurite le scarse misure assistenziali messe in campo dal Governo". Il leader azzurro ha, poi, ribadito di essere favorevole al Mes e ai soldi che, con questo strumento, arriverebbero al nostro Paese. "Dovrebbe essere la forza dei fatti, della logica, a convincere" il premier Conte dell'utilità del Mes, ha specificato Berlusconi. Quest’ultimo, per rimarcare la sua posizione, ha spiegato: "Qualcuno pensa davvero che la nostra sanità, soprattutto al sud, potrebbe fare a meno dell'aiuto del Mes per aprire e riqualificare strutture sanitarie o per investire nella ricerca e nella formazione del personale? Possiamo negare a sistemi sanitari fragili come quello della Campania 2.725 milioni o a quello della Puglia 2.450 milioni? È questo il prezzo della rinuncia al Mes”.

Ma non è tutto. Perché secondo l’ex premier "con il Mes risparmieremmo in interessi passivi ogni anno nove volte quello che otterremmo con il taglio dei parlamentari. L'Italia è di gran lunga il Paese europeo per il quale il Mes è più conveniente”. In considerazione di tutto ciò, Berlusconi dichiara che "dire di no sarebbe un'assurdità dal punto di vista economico, ma anche uno schiaffo politico all'Europa che darebbe ai sovranisti dei Paesi del Nord il pretesto per rifiutare altri aiuti all'Italia, visto che spregiamo quelli che ci vengono offerti. Forse è proprio quello che vogliono alcuni avversari del Mes, come i Cinque Stelle: anche per questo ogni collaborazione con loro è davvero impossibile".

L’ex premier si è detto perplesso sul ricorso ai Buoni del Tesoro pluriennali che "sono appetibili perché dovunque il rendimento del denaro è molto basso". Ma la questione che sottolinea Berlusconi è che così facendo "il Paese continua ad indebitarsi". Il leader di Fi si chiede anche "se sia sano orientare gli italiani a convogliare gran parte del loro risparmio in Btp piuttosto che nel mercato azionario. Invece di finanziare le imprese, la crescita e quindi gli investimenti e lo sviluppo così si finanzierebbe solo la spesa pubblica…" .Se proprio debito si deve fare, per Berlusconi allora il Mes è certamente la più conveniente fra le forme di indebitamento.

Il leader di Fi è poi tornato sulla questione giustizia dichiarando ed ha lanciato un affondo contro alcuni settori della magistratura che, a suo dire, usano il loro potere per scopi politici. "Purtroppo i fatti si incaricano di dimostrare quello che vado denunciando da molti anni: alcuni settori della magistratura, utilizzano la giustizia per fini ideologici e di potere, come strumento di lotta politica e di tutela di carriere poco trasparenti", ha affermato Berlusconi che poi ha aggiunto che “questo è un flagello prima di tutto per gli stessi magistrati perbene e poi per tutti i cittadini, anche quelli non direttamente coinvolti, perché è in discussione la stessa rappresentanza democratica". Infine, il leader azzurro riserva una battuta su De Benedetti che non considera un suo antagonista: "Il suo profilo di imprenditore e il suo atteggiamento verso la politica non ritengo siano paragonabili ai miei".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Nahum

Nahum

Sab, 11/07/2020 - 10:19

Silvio, visto il crollo dell'economia lo schock fiscale lo avremo comunque

Ritratto di 02121940

02121940

Sab, 11/07/2020 - 10:59

Dopo la guerra fattagli da certa magistratura, Silvio è tornato ad essere “libero”, per Noi, cioè per l’Italia e gli Italiani veri, che abbiamo sofferto per Lui. Però eviti certe valutazioni un poco incerte, come l’appoggio al Mes, sostanzialmente quasi estranee ai veri profondi problemi che la gente di M5S, ora sospinta dalle sinistre sparse, sta provocando a l’Italia. Forza Silvio!

Calmapiatta

Sab, 11/07/2020 - 11:02

In altri terminimle stesse chiacchiere che ci hai ammannito per 30 anni. Queste cose le hai già dette, promesse e mai realizzate. Vattene a governare col PD vivi questo tramonto dorato, nell'illusione di essere un gran politico. Di fatto hai avuto il governo più forte della Repubblica è non hai combinato nulla. Ora basta.

Leonardo Marche

Sab, 11/07/2020 - 11:18

@Nahum, l'economia non è facile se non si studia. Una forte riduzione della tassazione (già troppo elevata in questo paese) porta ad un aumento del reddito disponibile (cioè spendibile al netto delle tasse) di famiglie e imprese. Ciò induce questi soggetti a spendere subito e investire, rivitalizzando la domanda di beni che è stata depressa improvvisamente dall'emergenza Covid. L'aumento di domanda aumenta la produzione e l'inflazione riportando i parametri verso valori pre-crisi. Le tasse che vengono a mancare vanno finanziate a debito, anche accedendo al MES. Quando arriverà il vaccino e l'economia potrà tornare a livelli precovid, occorrerà ripagare il debito. Lasciando le cose così invece l'economia si avvita in un circolo recessivo, deflazione, disoccupazione, chiusura imprese, e quando la domanda ripartirà per il vaccino, non ci saranno più imprese per dare lavoro e riaumentare l'occupazione.

gianf54

Sab, 11/07/2020 - 11:50

Mi sembrano sempre le stesse promesse.....

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Sab, 11/07/2020 - 14:24

LEONARDO MARCHE bravissimo! è proprio questo il punto dell'economia italiana! cioè è qui il problema che la sinistra NON ha voluto comprendere! tutto questo per un stupidissimo quanto inutile odio e pregiudizio contro berlusconi! l'ultimo scandalo del processo contro berlusconi ha dimostrato che i teoremi costruiti per condannare berlusconi erano basati sul nulla, ma la recessione economica, la disoccupazione, il fallimento sociale sono purtroppo reali e provocati direttamente dalla sinistra!! le soluzioni le ha berlusconi, ma i babbei comunisti grulli proprio non vogliono comprenderle....