Sofo e Vinci lasciano la Lega dopo il sì a Draghi

In un lungo comunicato l'europarlamentare chiarisce le ragioni del suo abbandono: "Per coerenza con le mie convinzioni non posso condividere il percorso intrapreso entrando nella grande alleanza a sostegno di Draghi"

Anche nella Lega di Matteo Salvini c'è chi non ha preso bene l'appoggio al governo Draghi, a causa della deriva centrista che il partito sta iniziando ad assumere rispetto alle sue posizioni precedenti ed a quell'eurocentrismo che stride con le battaglie portate avanti dal Carroccio a Bruxelles.

"La fiducia al governo Draghi per la Lega rappresenta una svolta netta rispetto al progetto politico al quale ho lavorato da quando Matteo Salvini è diventato segretario federale", spiega infatti Vincenzo Sofo, come riportato da AdnKronos."Sono entrato in questo movimento nel 2009 perché era l'unica alternativa al Pdl e a una deriva centrista del centrodestra che lasciava orfani milioni di italiani in cerca di qualcuno che ne difendesse le istanze identitarie, patriottiche e sociali", puntualizza ancora l'europarlamentare. "Proprio per questo fui tra i primissimi e più entusiasti sostenitori della svolta nazionale impressa al Carroccio da Salvini per costruire una forza politica in grado di dare battaglia a Bruxelles per impedire il suicidio dell'Europa e del nostro paese a colpi di folli direttive UE".

Un distacco troppo netto rispetto alle originarie prerogative del partito, tale da determinare la scelta di abbandonare la Lega per appoggiare le posizioni meno centripete di Fratelli d'Italia, unico ancora rimasto a combattere per la difesa dell'identità nazionale. "Ecco perché, pur comprendendo il momento emergenziale, per coerenza con le mie convinzioni non posso condividere il percorso intrapreso entrando nella grande alleanza a sostegno del neonato governo Draghi, il quale temo che provvederà passo dopo passo a un reset di tutto ciò per il quale ci siamo battuti". L'appoggio all'ex governatore della Bce è l'abbandono definitivo ad un progetto patriottico ed una resa ai voleri dell'Europa. "Con questa decisione la missione della Lega cambia e mira a raccogliere l'eredità del Pdl più che a costruire un grande movimento patriottico, identitario, conservatore e sociale. Scelta legittima e probabilmente affine alla sua natura originaria, ma in contrasto con le ragioni per le quali personalmente aderii a questo movimento e ai fondamenti che hanno sempre caratterizzato la mia attività politica", precisa ancora Sofo.

L'europarlamentare non rinnega il suo passato, ma ritiene di dover portare avanti le battaglie promesse ai suoi elettori durante la campagna elettorale del 2019: "Prendo dunque atto di questa svolta che però, nonostante sia difficile e doloroso lasciare un movimento dopo quasi dodici anni e molte battaglie fatte, mi impedisce di proseguire oltre la militanza per la Lega. Che non rinnego, che ringrazio e che continuo a ritenere un interlocutore politico importante su molti temi. Ma devo continuare il mandato affidatomi nel 2019 dagli italiani di battermi al Parlamento Europeo contro le tante storture e ingiustizie dell'Unione Europea attuale e ciò a mio avviso poco si concilia con le intenzioni di Zingaretti, Renzi e Di Maio che, come si evince dalla scelta dei ministri, costituiranno la spina dorsale di questo governo Draghi rendendo difficilissimo alla Lega riuscire a indirizzarlo verso la strada giusta". Sofo quindi decide di cambiare e di appoggiare il progetto dei conservatori europei guidati da Giorgia Meloni.

"Siamo certi che l'intero gruppo Ecr accoglierà Vincenzo Sofo con entusiasmo, avendo imparato ad apprezzarne l'azione, la competenza e lo spessore politico e culturale", dichiara Carlo Fidanza."La volontà manifestata dall'europarlamentare Vincenzo Sofo di aderire al gruppo Ecr al Parlamento Europeo dimostra come il progetto politico dei Conservatori europei, il cui partito internazionale è guidato da Giorgia Meloni, sia trainante ed aggregante", puntualizza ancora il capodelegazione di Fratelli d'Italia- Ecr al Parlamento europeo. "Un progetto rafforzato in questi giorni dalla posizione di coerenza di Fratelli d'Italia sul piano nazionale nel dire No a governi innaturali come l'esecutivo Draghi. Del resto, nessuno dei 44 partiti aderenti alla nostra famiglia politica governa con la sinistra", conclude.

Ad abbandonare il Carroccio, per tenere fede alle promesse fatte ai suoi elettori, dopo aver votato no al nuovo esecutivo guidato da Draghi, è il deputato Gianluca Vinci. "Ho deciso di votare no a questo governo e non far parte di una maggioranza variopinta dove tutti odiano tutti ma si sta uniti, si danno nuove cariche e si cambiano i 'programmi' della legislatura senza mai andare al voto". Il parlamentare ha scelto di schierarsi al fianco di Giorgia Meloni."Il mio no non è stato una scelta, ma un atto dovuto, rispettoso del mandato ricevuto dagli elettori che alle elezioni hanno votato per avere un'alternativa alla Sinistra. Ritengo fondamentale che gli elettori di centrodestra non siano traditi e che abbiano una rappresentanza in Parlamento che porti avanti i loro valori e le loro idee", ha spiegato Vinci su Facebook.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

jaguar

Gio, 18/02/2021 - 13:30

È logico che le capriole di Salvini non possono piacere a tutti i parlamentari della Lega. L'impressione è che Sofo sia il primo di una lunga lista, giustamente.

Italiano_medio

Gio, 18/02/2021 - 13:51

Un altro che non ha capito un ca__volo di cosa sta accadendo in Italia.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 18/02/2021 - 13:51

Sofo può fare tutto quello che vuole,ma per me quelli che passano da un partito all'altro sono voltagabbana.

Gianx

Gio, 18/02/2021 - 13:54

jaguar questo è quello che ti auguri te, cosa ben diversa dalla realtà. Sto vincenzo sofo, a naso, non è brianzolo. Meglio perderlo che trovarlo, molto meglio.

Ritratto di pierSiIvio46

pierSiIvio46

Gio, 18/02/2021 - 14:10

La diaspora è iniziata! il CDX unito non ha bisogno di ciampolilli vari cambia-casacca, ma di persone con IDEALI veri, come questo qui, dott. Sofo. Parlamentari che non svendono la propria dignità ai sinistri, come ha fatto il traditore Salvini! Le porte del CDX unito, a guida Meloni, sono spalancate per tutti i leghisti che capiscono da che parte stare, senza ripensamenti.

giovanni235

Gio, 18/02/2021 - 14:11

Sofo mai sentito nominare né mai visto.Per caso di nome fa Carneade????

Ritratto di falso96

falso96

Gio, 18/02/2021 - 14:29

Quando un eletto cambia la casacca , tradisce . In'utile girarci intorno, tradisce il suo gruppo MA tradisce chi lo ha votato perché indossava quella casacca non perché è una mente eccelsa o "uno spadaccino" di primo livello. Andrebbe che la meloni lo cacciasse, TRADITORI SI NASCE.

Myriam.Z

Gio, 18/02/2021 - 14:59

Se si viene eletti in un partito, sarebbe cosa buona, giusta e corretta dimettersi, non passare in un altro.

Ritratto di Smax

Smax

Gio, 18/02/2021 - 14:59

Giusto. Ben fatto. È la Lega che ha tradito gli elettori. Speriamo che altri per coerenza se ne vadano. I balli centristi al servizio della sinistra li lascino a giorgetti.

Dordolio

Gio, 18/02/2021 - 15:25

Piano con le parole. Non so proprio chi sia questo Sofo, ma il suo ragionamento fila perfettamente. E non è un astuto o furbino “saltaquaglista”. E’uno che rimane fedele alle sue impostazioni di sempre, è il Salvini invece che - pare - ha preso una deriva “europea” che non corrisponde propriamente a quello che sosteneva fino all’altro ieri. Anche per un semplice calcolo elettorale “venale” - e qui mi riferisco al Salvini - credo che il suo elettorato vedrà molto male le sue scelte recenti. Peccato, era partito benissimo. Potrebbe dilapidare in breve tempo un patrimonio costruito con tanta fatica.

Ritratto di Cinghiale

Cinghiale

Gio, 18/02/2021 - 15:32

Saranno in molti a lasciare la Lega secondo me. Salvini nei momenti clou sbaglia la mossa. In questo caso appoggiando Draghi e mettendosi a braccetto con i comunisti che strombazzano ad ogni pie sospinto mai con la lega. L'altro errore lo ha fatto uscendo dal governo con i 5stalle.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 18/02/2021 - 15:47

Il Centrodestra mantiene comunque la sua compattezza. Anzi il vuoto lasciato nella Lega potrebbe risucchiare qualcuno da sinistra.

jaguar

Gio, 18/02/2021 - 16:36

Gianx, ammettiamo che Sofo sia meglio perderlo che trovarlo, il problema è che probabilmente è il primo della lista dei partenti dalla Lega. Dobbiamo ammettere che Salvini l'ha combinata grossa, coerenza zero.

Ritratto di 02121940

02121940

Gio, 18/02/2021 - 16:41

Spero che la Lega faccia marcia indietro e ritorni al passato, con Salvini al comando. Fino a poche settimane fa la Lega era il partito più forte in Italia, ma non credo che tale situazione possa continuare a lungo, con Salvini al potere, insieme alla sinistra, ed il centro destra della signora Giorgia Meloni ormai isolato, però in chiara funzione anticomunista.

Ritratto di jasper

jasper

Gio, 18/02/2021 - 16:51

C'è gente che ancora non ha capito che l'Italia è praticamente fallita e che è stata commissariata e che Draghi non è altro che una specie di Curatore fallimentare messo li dalla UE perchè provveda a gestire la procedura concorsuale nel migliore dei modi.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 18/02/2021 - 17:23

....e non sarà il solo a lasciare la Lega!...Visto Salvini?!!

Ritratto di tomari

tomari

Gio, 18/02/2021 - 17:28

@02121940-Ed è il più forte ancora. Per un Sofo, mai sentito nominare, che se ne va, vedrai quanti faranno l' inverso.

giovanni235

Gio, 18/02/2021 - 17:57

Ma ragazzi,non sapete che LA COSTITUZIONE PIU' BELLA EL MONDO non obbliga nessuno a mantenere la parola data????E' una Costituzione nata quando esistevano ancora le case chiuse e ne è uscita esattamente come una qualunque di caste case.

GIAMPAOLOFERRARI

Gio, 18/02/2021 - 18:40

Se son rose fioriranno vedremo se alle prossime elezioni lo rivedremo, Tanti cari auguri. PS dei fuoriusciti dal movimento leghista non ne conosco uno che abbia proseguito.

maurizio@rbbox.de

Gio, 18/02/2021 - 22:00

Vincenzo Sofo un altro lucido folle. Benvenuto.

Ritratto di pierSiIvio46

pierSiIvio46

Ven, 19/02/2021 - 11:53

Capitone, sei FI-NI-TO! Una CAPITANA, abbiamo solo una CAPITANA: Giorgia Meloni!!!

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 19/02/2021 - 12:31

Li capisco perfettamente! La coerenza l’abbiamo vista solo in Giorgia Meloni, che ha rifiutato l’accoglienza di Draghi per mantenere intatta la sua posizione politica. Quanto alla sorpresa dataci da Matteo Salvini, con il suo spostamento verso uno strano centrosinistra, sono convinto che non durerà e Matteo tornerà a casa nostra, come è logico ed onesto, secondo le regole della Lega.