Discariche, l'Italia rischia una condanna da 60 milioni di euro

L’Avvocato generale della Corte europea di Giustizia ha chiesto anche il pagamento di una penalità giornaliera da 160mila euro al giorno

Discariche, l'Italia rischia una condanna da 60 milioni di euro

L’Avvocato generale della Corte europea di Giustizia ha chiesto di condannare nuovamente l’Italia per l’utilizzo di una serie di discariche che violano la legislazione comunitaria sui rifiuti. L’Avvocato generale ha proposto di accompagnare l’eventuale nuova condanna (dopo quella già pronunciata nel 2007) con una sanzione forfettaria di 60 milioni di euro, più una penalità giornaliera da 158.200 euro, fino alla piena esecuzione della prima sentenza (che doveva essere attuata entro il 30 settembre 2009).

Le multe giornaliere potranno essere ridotte se l’Italia dimostrerà di stare mettendo in pratica le misure richieste. Al nostro paese si contesta l'utilizzazione di discariche illegali nonché la mancata bonifica di discariche illegali chiuse. L'esecutivo comunitario ne aveva rilevate 422, ma alla fine ha contestato solo l'utilizzazione dei siti di Matera-Altamura Sgarrone (al confine tra Puglia e Basilicata) e il sito di Reggio Calabria-Malderiti in Calabria. La sentenza, fanno sapere da Lussemburgo, verrà emessa "prossimamente".

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti