In fila per le scarpe? Non è uno scandalo

L'edizione limitata è una cosa da collezionisti. E ha più valore, in ogni caso

di Massimiliano Parente

C' è gente che si mette in fila per comprare sneakers Nike a 160 euro e le rivende a 1000 euro? Scandalo? Fino a un certo punto. È che viviamo in una società in cui niente ha più valore, e invece dovrebbe averlo. Oggi siamo abituati a scaricare applicazioni gratuite, musica gratuita, applicazioni gratuite, senza mai dare valore a niente. Ma il valore da cosa è dato? Nel caso delle Nike dal fatto di essere a tiratura limitata, quindi un certo tipo di Nike le possono avere solo un certo numero di persone. È bello? È brutto?

Tuttavia vale lo stesso per i libri, per esempio una prima edizione di Filippo Tommaso Marinetti può valere molte migliaia di euro perché è appunto a tiratura limitata. Limitata nel senso che se di una certa cosa ce ne sono diecimila copie è un conto, se ne ce ne sono cento è un altro. Giampiero Mughini, collezionista di libri rari, interpellato al riguardo, ha tagliato corto: «Chiunque voglia pagare per qualcosa una certa cifra fa bene a pagarla, e quella cosa ha quel valore». Io stesso colleziono statue di supereroi della Marvel che ho pagato mille euro solo perché erano a tiratura limitata. Ma cos'è questa tiratura limitata? Significa che quei tot esemplari hanno un numero preciso di produzione. Un numero unico e irripetibile. È il contrario dell'uno vale uno, secondo l'etica grillina. Significa che di una cosa ce ne sono massimo mille nel mondo e tu la paghi per quello, perché è unica, o quasi. Come dichiara il neuroscienziato Giorgio Vallortigara: «È l'idea che certe categorie di cose posseggano una loro natura interna, un'essenza, non osservabile direttamente, che definisce la loro identità».

Molte serigrafie di Andy Warhol non erano ovviamente uniche, ma erano a tiratura limitata. Il contrario dell'uno vale uno, ognuno vale una cosa diversa, persino quando è uguale. Il problema è che oggi niente ha più valore, tutto è gratis. Se andate a leggere le recensioni delle app su internet, tutti si lamentano che sono a pagamento, come se fossero venute fuori dal nulla. Ma qualcuno le ha sviluppate, qualcuno ha investito tempo e denaro per realizzarle, e non volete pagarle? Si leggono le notizie gratis su internet, si ascolta musica gratis su internet, ma si è perso il valore dell'unicità. Cosa è unico? Quello che puoi avere solo tu. E anche una Nike in tiratura limitata è unica. Viva l'unicità.

Commenti