Meno soldi, più tasse: il Pd vuole la patrimoniale

Dopo il flop europeo, il premier attacca l'opposizione in diretta tv. E l'Italia è stata lasciata sola ad affrontare la micidiale crisi economica

Come era ampiamente prevedibile il premier Conte e il suo fido ministro dell'Economia Gualtieri e l'ex venditore di bibite allo stadio Di Maio, ministro degli Esteri per caso, sono caduti mani e piedi nella trappola tesa all'Italia dai partner europei. La faccio breve e lascio ai miei colleghi più esperti di me in materia economica il compito di spiegare i dettagli dell'accordo raggiunto a Bruxelles: l'Italia è stata lasciata sola ad affrontare la micidiale crisi economica, non ci saranno né aiuti né corsie preferenziali, se non per la stretta gestione dell'emergenza sanitaria.
E quindi? E quindi dovremo pagare noi il conto, come si evince dalla proposta lanciata ieri dal Pd di approvare subito una patrimoniale al ceto medio. Maledetto virus, ma anche maledetta sinistra (lo so, alla vigilia di Pasqua non si dovrebbe dire, ma è così) che non sa che tassare.
Ci avevano promesso aiuti (i soldi di cui parla Conte sono come quelli del Monopoli, un gioco) e ci ritroviamo con la patrimoniale, parlano di centinaia di miliardi stanziati ma nell'economia reale arriveranno (forse) decine di milioni.
Conte è, come i truffatori che nel piazzale dell'autogrill, ti fanno il gioco delle tre tavolette: «Carta vince, carta perde», e sappiamo come va a finire. Ma se il premier pensa davvero di farci tutti fessi si sbaglia. Tiene chiusa l'Italia solo perché non è capace di riaprirla con le cautele che servono, si avvia a tassare perché non è capace di farsi rispettare in Europa. Del resto non dimentichiamo che il 31 gennaio disse: «Siamo pronti, è tutto sotto controllo per affrontare un'eventuale epidemia».
Ieri sera in tv Conte ha cercato di mettere una pezza ai suoi fallimenti, una girandola di parole in libertà con l'intento di dare la colpa di quello che sta succedendo all'opposizione. Ma in quale mondo l'opposizione ha ruolo e responsabilità in una trattativa internazionale? Ci siamo dimenticati di cosa hanno fatto nel 2011 la sinistra e i suoi giornali nei confronti di Silvio Berlusconi sbeffeggiato in diretta da Sarkozy e dalla Merkel? La verità è una sola: Conte sta per vendere l'Italia, cioè incassare gli aiuti in cambio di una cessione di sovranità. O in alternativa mettere una patrimoniale per pagare il conto. Tutto il resto sono chiacchiere.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di scimmietta

scimmietta

Sab, 11/04/2020 - 17:14

Bene, altre tasse così l'Italia la ammazziamo del tutto. Saranno contenti i fautori della decrescita felice .... felice per loro comodamente seduti su imbottite poltrone, infelice per noi poveri grulli che li abbiamo lasciati andare al governo.... forse ce lo meritiamo.

Ritratto di nestore55

nestore55

Sab, 11/04/2020 - 17:17

Siamo alle solite: non avendo scuse plausibili, scarica la colpa dei propri fallimenti sulle opposizioni. E.A.

Ritratto di giangol

giangol

Sab, 11/04/2020 - 17:18

Ma con quale diritto questo va a parlare in TV??? Fa parte di un governo non eletto dal popolo.sei un abusivo come il tuo governo

rrobytopyy

Sab, 11/04/2020 - 17:31

bene la patrimoniale... ma che la paghino tutti, purtroppo non sarà facile. E che volete ? che l' Europa che sa benissimo che abbiamo la più alta percentuale di risparmio di tutti i paesi europei, in piccola parte creata dal lavoro e dal carattere di formichine di noi italiani, ma in gran parte da evasione fiscale, ruberie varie, mafie varie, intrallazzi vari, lavoro nero, interessi altissimi degli anni 80, tiri fuori i soldi più di quello che ci spetta ? ma chi farebbe un prestito a una famiglia che spende e spande, che ha tanti quattrini sotto il materasso e poi chiede sussidi e aiuti vari ?

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Sab, 11/04/2020 - 17:31

Certo che ricordo il 2011, ricordo le modifiche al Trattato di Lisbona, approvate il 23/3/11 dal Parlamento europeo e ratificate dal Consiglio europeo a Bruxelles il 25/3/11,governo Berlusconi. Ratificato dal Parlamento Italiano a luglio 2012 (governo Monti): votarono a favore sia PD che PDL (ovvero Fi+An), ma... il Consiglio dei Ministri del governo Berlusconi approvò il 3/8/11 "il disegno di legge per la ratifica della decisione del Consiglio Europeo 2011/199/Ue, che modifica l'articolo 136 del Trattato sul funzionamento della Ue relativamente a un meccanismo di stabilità (Esm - European Stability Mechanism), nei Paesi in cui la moneta è l'euro". Ricordo.

oracolodidelfo

Sab, 11/04/2020 - 17:32

Non sono tanto gli sproloqui di Conte in TV a infastidirci, quanto i silenzi di Mattarella!

rrobytopyy

Sab, 11/04/2020 - 17:39

ma quali sono le soluzioni ? uscire dall' Europa ? poveri noi, benzina come minimo a 15 euro al litro, solo un esempio.... Si potrebbe uscire se fossimo indipendenti dagli altri soprattutto nel settore energetico....forse in un lontano futuro quando saremo capaci di sfruttare veramente le fonti alternative....

Venditore

Sab, 11/04/2020 - 17:42

Questa che i soldi non ce li danno perché andrebbero in gran parte alla mafia ha fatto arrabbiare non poco i nostri governanti e pure l'opposizione. Quest'ultima sbaglia a risentirsi: il vero significato della frase era un altro: non ve li diamo perché voi al governo non siete in grado di controllare i flussi illeciti di denaro. Significa che lassù in Europa non si fidano delle capacità gestionali di questo nostro governo e pertanto la mafia è la conseguenza, non la causa diretta.

Homunculus

Sab, 11/04/2020 - 17:54

Come dice scimmietta, probabilmente ce lo meritiamo... Comunque, mai sentito al mondo un premier - per quanto improbabile, se il nostro sistema politico fosse meno sconsiderato - dare la colpa all'opposizione per i suoi pessimi risultati in sede internazionale. E dire che prima del 2° Governo Conte si dava la colpa al fatto che l'Italia fosse rimasta isolata in ambito Eu, adesso che l'intera squadra Sassoli-Gentiloni-Gualtieri abbia avuto l'imprimatur della Merkel, e che lo stesso Conte la debba ringraziare per il suo secondo mandato, pareva che dovessero fare uno spolverone... "finalmente l'Italia è tornata a contare in Europa", ect. La verità, come si è visto, è che la Merkel con un sol colpo di scopa li ha spazzati via, senza farsi un minimo di problema. A questo punto, meglio essere "isolati", almeno non ci si perde in dignità.