Francesca e la bambina: "Le ho salvato la vita e non so neanche chi sia"

Era in treno, le hanno telefonato: c'è bisogno del suo midollo. «Ma il dono l'ho ricevuto io»

«Quando mi dicono che sono stata coraggiosa, che sono una guerriera rispondo che non è così perché la forza autentica appartiene ai malati: sono i pazienti i veri guerrieri». Francesca Pirovano ha 23 anni e la grazia della leggerezza quando racconta di aver donato il midollo e così di aver salvato la vita ad una bimba di tre anni come se il suo fosse un gesto semplice, quotidiano come quello di alzarsi dal letto tutte le mattine.

Francesca Pirovano è una studentessa, una ragazza come un milione di altre sue coetanee che un giorno, senza che allora ne fosse consapevole, è inciampata nel destino di una bimba molto malata, probabilmente condannata a morire e che invece ha incrociato la generosità spensierata di Francesca che le ha fatto il dono della vita senza neppure conoscerla.

Un giorno come un altro nel novembre del 2017 Francesca è alla Bicocca, l'Università milanese, per seguire le lezioni di Economia. Vede uno stand con un po' di persone intorno e si avvicina incuriosita. «Chiedo informazioni e così scopro che si tratta dell'Admo, l'Associazione Donatori di Midollo Osseo. Mi hanno spiegato di che cosa si trattava e che la donazione avviene in due modi o con l'espianto o con l'aferesi, un procedimento più lungo ma meno invasivo. Io non ci ho pensato troppo e mi sono iscritta - racconta - Due giorni dopo ho donato il sangue per le analisi. Tra le tante cose che mi dissero mi spiegarono chiaramente che la compatibilità è rara e che dunque avevo una possibilità su centomila di diventare effettivamente un donatore, di trovare una persona compatibile».

Passano giorni e mesi e in un altro giorno qualunque, il 20 maggio di quest'anno Francesca riceve la telefonata che cambierà la sua vita e quella di una piccola bimba sconosciuta ricoverata in ospedale, dove accanto a lei ci sono i suoi genitori che, in ansia, aspettano di sapere qual è il suo destino. Sperano certo. Ma allo stesso tempo temono che quel donatore non si troverà mai. Non sanno che invece il destino ha già messo in moto i suoi ingranaggi, che hanno cominciato a girare su un treno che sta andando da Casatenovo a Milano dove è seduta Francesca.

«Ero in treno, stavo andando all'Università per sostenere un esame, stavo per scendere quando è squillato il cellulare», ricorda Francesca. É il San Raffaele che l'avvisa: è stata trovata un persona con la quale c'è un'alta compatibilità. «Onestamente io mi ero completamente dimenticata di aver dato la mia disponibilità e a quel punto mi sono sentita confusa - racconta - Mi hanno spiegato che dovevano accertare con sicurezza la compatibilità allora io ho chiesto di avere prima un colloquio informativo. Poi sono andata a dare l'esame: ma avevo mille cose che mi frullavano per la testa». Francesca chiede alla madre di accompagnarla al colloquio informativo. I genitori naturalmente sono preoccupati. «Mio fratello Roberto invece mi disse: magari sarà la cosa più bella che farai in tutta la tua vita», ricorda. Il colloquio al San Gerardo di Monza va bene e Francesca decide di andare avanti e di sottoporsi a tutte le analisi necessarie per verificare se davvero è compatibile. Il destino non arresta la sua marcia e il 10 luglio la dottoressa Michela Tassara conferma che sì, la donazione è possibile. «Mi disse che eravamo compatibili, 10 su 10 e che la destinataria era una bambina che ancora non aveva compiuto 3 anni - prosegue Francesca - Altro non posso ne voglio sapere. Non conoscerò mai quella bambina».

La dottoressa spiega nei particolari la procedura a Francesca che sceglierà quella più invasiva ma più breve, da creste iliache. Una cosa in particolare colpisce Francesca. La dottoressa l'avvisa: una volta che è stata riscontrata la piena compatibilità e che il donatore dà il via libera definitivo si comincia a preparare il paziente e se il donatore dopo ci ripensa per il malato è come una condanna a morte. Ma Francesca intende andare avanti. «Il 4 agosto sono stata ricoverata al reparto oncologico del San Raffaele. La notte prima dell'intervento ho dormito bene ero tranquilla. - dice - Ma quando sono entrata in sala operatoria ho sentito tanto freddo, anche le luci erano gelide e sono scoppiata a piangere. Soltanto in quel momento credo ho capito che cosa stavo per fare. Dolore? No, solo tanta stanchezza», dice la studentessa che ora non vuole abbandonare questa strada e intende impegnarsi con l'associazione per trovare nuovi donatori. Come convincere qualcuno a donare? «Quello che ricevi come esperienza è molto più di quello che dai» sorride. Un solo consiglio: arrivare preparati, farsi spiegare bene la procedura, essere consapevoli quando si offre la propria disponibilità che davvero è una decisione che fa la differenza tra la vita e la morte per chi è in attesa.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di navigatore

navigatore

Dom, 22/09/2019 - 11:30

queste sono le persone che vanno ammirate e prese come vero esempio,saper dare è qualcosa diverso dal saper prendere,cosa per molti facilissimo, con grande egoismo

Elizabet

Dom, 22/09/2019 - 11:39

Un argomento che dovrebbe far pensare tutti. C'è sempre più bisogno di donatori di sangue e di midollo per tutte quelle persone malate che possono ricominciare a vivere grazie a noi. Questa ragazza è un grande esempio.

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Dom, 22/09/2019 - 11:50

Francesca Pirovano... sei una vera Eroina... quel coraggio e quell'altruismo non lo avrei mai avuto e non ce l'ho...

Giorgio Rubiu

Dom, 22/09/2019 - 12:06

Sono certo che si sono date la vita a vicenda. La bambina grazie al midollo di Francesca e guarita; Francesca, con questa donazione, è diventata viva e conscia della propria vita e di quella altrui. Francesca non morirai in odore di santità, ma vivrai con orgoglio la tua vita. E' giusto che tu non conosca la bambina ma, se dovrà accadere, che sia quando la "bambina" sarà una donna adulta e, allora, sarete sorelle!

Ritratto di tomari

tomari

Dom, 22/09/2019 - 15:32

Queste sono le giovani di cui l'Italia ha bisogno, non delle ochette che sfilano al MeeToo...lo dico da ottantenne!

Popi46

Dom, 22/09/2019 - 15:43

@Zizzigo: normale e ovvio, sei uomo,immagino,e quello è gesto da donne,che la vita la danno naturalmente

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Dom, 22/09/2019 - 16:49

#Popi46... ma pensa... senza di te non ci sarei mai arrivato... invece tu devi essere una donna... di quelle che hanno necessità di specificare anche l'ovvio...

carlottacharlie

Dom, 22/09/2019 - 17:25

Ho letto l'articolo, confesso che sto ancora piangendo, piango perchè so cosa vuol dire aspettare un donatore compatibile per una bambina, mia nipote, che era condannata a morte sin dalla nascita causa una malattia rara. La donatrice è stata trovata e la mia nipotina sta benone, è come se non avesse subito nessun trapianto. Non passa giorno senza ringrazi chi ha permesso, con la sua morte purtroppo, la vita alla mia piccolina che vive e cresce bene, come ogni bimba cinquenne del mondo. Sono sempre stata favorevole alle donazioni, mi iscrissi tra i donatori tanti tanti ma tanti anni fa.

Popi46

Dom, 22/09/2019 - 17:52

@Zizzigo: è stato il tuo toccante commento che mi ha ispirata