Colpo di scena: Conte pronto al ritiro

Per l'avvocato del popolo è impensabile guidare in due il Movimento. Scoppia il panico fra i grillini, alcuni tentano disperatamente di convincerlo a restare

Colpo di scena: Conte pronto al ritiro

La concordia che ritorna in casa CinqueStelle? Una condizione passeggera (se non apparente) a quanto pare, dal momento che da ieri ha cominciato a circolare la notizia secondo la quale l'avvocato Giuseppe Conte sarebbe già pronto a lasciare.

Le stoccate di Grillo

Bruciano, evidentemente, le parole pronunciate dal garante Beppe Grillo, che nel corso della riunione con i parlamentari pentastellati non le ha mandate a dire all'ex presidente del Consiglio. Pesanti le dichiarazioni del comico genovese che, dopo aver ribadito il proprio ruolo ("Io sono il garante, non sono un coglione"), ha voluto rimettere al proprio posto il povero Giuseppi. "Conte è un avvocato, io un ragioniere... Non ha girato con noi nelle piazze, non sa cos'è veramente il Movimento", ha affermato, e ancora: "Deve assimilare le nostre cose, io visionario lui no". Pur essendo "una gran brava persona", Giuseppe Conte deve capire che è Grillo ad essere utile al partito.

Il passo indietro?

Non ci possono essere due protagonisti all'interno del Movimento 5Stelle, questo ormai è chiaro. Dopo l'inizio cordiale di questo inverno, quando i due si erano incontrati nella villa del comico di Marina di Bibbona per trovare nuove idee, tra Grillo e Conte sono cominciati i primi scontri. Come due prime donne, entrambi desiderano la luce dei riflettori.

Stando a quanto riferito da alcune fonti grilline, già ieri, dopo il discorso del padre putativo dei 5Stelle, un risentito Giuseppi avrebbe manifestato il desiderio di abbandonare la nave, cosa che ha letteralmente scatenato il panico fra i pentastellati.

Che cosa ne sarà di loro se l'ex avvocato del popolo dovesse lasciare il ruolo di frontman del Movimento? E dire che già in molti vedevano l'ex premier come futuro leader dei grillini. Chi potrebbero mai proporre al suo posto, adesso? In tanti si sarebbero spesi per far ragionare il Giuseppi oltraggiato, persino Luigi di Maio, che ieri ha incassato l'approvazione di Grillo ("Uno dei ministri degli Esteri più bravi della storia").

Per ora di certo si sa solo che Conte non parteciperà al webinar previsto nel pomeriggio proprio con Di Maio. Annullata anche l'intervista a Sky. Al momento l'ex presidente del Consiglio si è chiuso in un inquietante (almeno per i grillini) silenzio. Secondo AdnKronos, tuttavia, potrebbe essere imminente una sua conferenza stampa. Chi ha parlato con lui afferma che per Giuseppe Conte una diarchia è impensabile. Insomma, non ha intenzione di giudare il Movimento in coppia con Grillo. L'addio pare inevitabile. Nessun incontro con il padre putativo dei pentastellati, che ha lasciato Roma senza vedere Conte.

Tensione fra i grillini

Nelle chat pentastellate, intanto, è scoppiato il caos. Conte resta? Se ne va? C'è chi parla di un suo passo indietro già oggi. Intervenuto ad un evento a Pozzuoli (Napoli), il presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico ha commentato con un prudente: "Non dico nulla per ora". Più sicuro Davide Casaleggio: "Penso che ci siano visioni diverse del Movimento che stanno emergendo", ha dichiarato a Radio Capital.