Meloni: "Ok all'unità di crisi, ma rifiuto un governissimo"

La leader di Fratelli d'Italia avverte: "C'è un problema di comunicazione. Finita questa fase terribile, i cittadini dovranno scegliere a chi affidarsi"

Fratelli d'Italia continua a ribadirlo: va bene collaborare, ma non diventi un pretesto per porre le basi in vista di un maxi inciucio. A ribadire la posizione è stata Giorgia Meloni, intervenuta per precisare l'azione del suo movimento: "Per collaborare non abbiamo bisogno di poltrone. E forse ora non c’è neanche il tempo né la possibilità di metterci a fare una lista di ministri, di gabinetti, di deleghe e via discorrendo. Insomma, non c’è il bisogno di un governo di unità nazionale". Infatti la richiesta è quella di avere voce in capitolo, anche se non si può essere fisicamente presenti nelle stanze delle decisioni. Come? Istituendo un luogo permanente di confronto: "Si crei una unità di crisi parlamentare, un organismo - che può essere perfino la conferenza dei capigruppo, magari allargata - dove si possa fare il punto, nella quotidianità".

L'ipotesi però potrebbe anche essere quella di unirsi tutti perché l'impresa per ricostruire l'Italia sarà davvero ardua: "La ricostruzione e il rilancio del Paese non sarà questione di mesi, ma di qualche anno". Perciò ha precisato che, una volta termina questa fase emergenziale, "non si potrà continuare con la melassa, perché si tornerà alla politica, alle diverse visioni che andranno confrontate e illustrate ai cittadini che poi dovranno scegliere e dare a chi governerà un mandato lungo, stabile, certo, di cinque anni".

"Problema di comunicazione"

L'esecutivo chiede responsabilità e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha sottolineato la necessità della "stessa unità del dopoguerra": la leader di FdI ha detto che "la responsabilità e la disponibilità" hanno sempre caratterizzato le sue decisioni. Fratelli d'Italia fin da subito aveva chiesto il lockdown totale, l'incremento da 6 a 30 miliardi per i primi interventi economici, una legge per l'estensione del golden power dello Stato su società strategiche, misure a tutela dei disabili e premi a chi in questi giorni è costretto a lavorare: "Diciamo che poi le nostre idee sono un po’ modulate a loro piacimento. Nell’incontro di lunedì Conte ci ha detto che possiamo fare emendamenti ma solo a saldi invariati".

Con queste scelte si stanno inevitabilmente limitando le libertà personali dei cittadini con dei decreti del presidente del Consiglio dei ministri: "Non è meglio avere condivisione, appoggio del Parlamento quando si compiono scelte così gravi?". Le Meloni infine, nell'intervista rilasciata al Corriere della Sera, ha esposto che "c'è un problema di comunicazione e uno di visione" e soprattutto ha criticato il Cura Italia definendolo un "mero cerotto" spiegato sabato sera alle ore 23.20: "Non si può rischiare la desertificazione del sistema produttivo non dando prospettive chiare agli imprenditori, non premiando chi invece di chiudere resiste. Di questi temi vogliamo parlare, questi problemi vogliamo aiutare a risolvere. Se ci mettono in condizione di farlo".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di draff61

draff61

Mer, 25/03/2020 - 10:16

Bravissima!! Niente accordi con i "dilettanti allo sbaraglio", ma soltanto attento confronto su tutto: dalle decisioni, al metodo di attuazione e alla comunicazione agli Italiani. Questi inetti hanno bisogno di un tutore molto severo, che non può essere il Presidente Mattarella in quanto ha contribuito non poco alla loro ascesa e incollatura alle poltrone, ma la triade di destra con a capo Salvini. Alla fine dell' emergenza si faranno i conti (ce ne sonio tanti da arrangiare!!) e il Popolo deciderà. La decisione che prenderà il Popolo è già scontata da oggi, e, ciò, i pidioti e i grullini, lo sanno benissimo. Ecco spiegato il perché della loro riottosità al confronto. Ma stiano tranquilli hanno oramai perso tutto, dignità compresa.

Tizzy

Mer, 25/03/2020 - 10:22

Sperando di uscire presto da questo incubo, subito dopo è auspicabile mettere fine ai teatrini della politica. Abbiamo bisogno di serietà e di amore per l' Italia.

Ilsabbatico

Mer, 25/03/2020 - 10:26

È vero che un governo peggiore è impossibile e non pensavo che potessimo arrivare a questi livelli di impreparazione , ma un governissimo proprio no. Al massimo un governo tecnico al volo per questa emergenza e subito dopo le elezioni.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 25/03/2020 - 10:42

@Ilsabbatico - concordo. Soluzione migliore. Ma sarà d'accordo la sinisrta? Molleranno mai l'osso?

maurizio-macold

Mer, 25/03/2020 - 10:42

Chiedo cortesemente a "IL SABBATICO" ed a "DRAFF61" cosa avrebbero fatto di diverso per questa emergenza non solo da parte del governo ma anche da parte delle regioni Lombardia e Veneto, non dimenticando che la sanita' e' di responsabilita' delle regioni e non del governo centrale.

jaguar

Mer, 25/03/2020 - 10:59

Non fa una piega, una volta passata la burrasca si faranno i conti senza la calcolatrice.

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 25/03/2020 - 11:04

Meloni è sempre chiara e coerente. I problemi si presenteranno col dopo emergenza, è chiero che questo governo ha superato ogni limite (forse) perchè c'è ancora la sorpresa MES e il superamento del pareggio di bilancio che fa gola a molti per motivi, a mio avviso, non proprio etici. Si rischia che il PD apra una voragine nei conti pubblici e poi passi il "cerino" al centrodestra che dovrà inimicarsi l'Italia intera per salvare "capra e cavoli" nel frattempo la sinistra farà campagna contro i "fascisti al governo" e nulla cambierà.

jaguar

Mer, 25/03/2020 - 11:07

maurizio-macold, la sanità è responsabilità delle regioni ma se da Roma non aprono la borsa, le regioni sono costrette a tagliare.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 25/03/2020 - 11:07

Invece collaborate il meno possibile, non lasciate ossigeno a chi vuole strangolare gli Italiani. Questi, dopo le assurdita' che vanno combinando, sono pure capaci ad autodipingersi come salvatori della Patria, e i creduloni mononeuronali li festeggiano.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Mer, 25/03/2020 - 11:09

NO, i conti SI DEVONO FARE DURANTE LA BURRASCA, CHE VOLETE, FINIRE SUGLI SCOGLI?

dredd

Mer, 25/03/2020 - 11:11

Questo governo ha fatto schifo dall’inizio e continua a farlo. Mancata chiusura delle frontiere, mancato blocco totale degli sbarchi, decreti imprecisi e improvvisati uno dopo l’altro, annunci di blocchi delle attività produttive al sabato sera, scelta inopportuna di esperti dopo sfanculamento di persone serie, accuse agli operatori sanitari, questua in Europa, blocco del parlamento, materiale sanitario rubato da altri paesi, ospedali da campo volati in lussemburgo, ministro dell’interno invisibile. Basta o ne volete ancora?

vince50_19

Mer, 25/03/2020 - 11:32

Son d'accordo con la Meloni: niente governissimo o perderà il mio sostegno e andrò a far parte della schiera di non votanti, stufi di accordi sopra/sotto banco o di altro di poco serio. La gente vuole vedere governare chi ha più voti da soli o in coalizione. Non credo ami giochi - immarcescibili - di palazzo e di potere. Per questo c'è chi non vota, giustamente convinto che, gattopardescamente, "tutto cambia perché nulla cambi". Oramai sta storia ha fatto la muffa, chiaro?

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mer, 25/03/2020 - 11:41

Siete dei collaborazionisti, ma questo già si sapeva. Ora sparite e lasciate posto a una vera opposizione. E basta con questi appelli all'"unità del dopoguerra". Nel dopoguerra moneta e banca nazionale erano di proprietà del popolo italiano, ora non avverrà alcuna ripresa fintanto che ogni euro di bilancio è fatto a debito con i padroni della BCE.

Ritratto di faman

faman

Mer, 25/03/2020 - 12:20

non sono certo un sostenitore della Meloni ma le riconosco coerenza e moderazione in questo frangente, al contrario di quello sclerotico di Salvini, che ora, in mancanza dei barconi e Ong, non trova niente di meglio che paventare una rivolta.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 25/03/2020 - 12:28

Lucido il pensiero di Meloni. Torbido il programma di M5S che vuole tirare avanti alla meglio, con l’unico programma di rimanere al potere, anche se è palese a tutti che si sta spegnendo.

Mr Blonde

Mer, 25/03/2020 - 12:30

sa benissimo che draghi è già scritto, con accordo tra i due matteo già sottoscritto da tempo al quale non si potrà sottrarre nè il pd nè FI. Si metta l'anima in pace

calisem

Mer, 25/03/2020 - 13:04

macold, le regioni hanno responsabilita' ma se sono state depauperate da anni di tagli fanno quello che possono. Secondo la Russia ha chiuso le frontiere ai cinesi dagli inizi di febbraio, noi due mesi dopo furboni della tua banda incitavano ad abbracciare il cinese...ho fatto un volo mosca - bologna a inizio gennaio con un cinese totalmente ammalato... teste di... ne dovrete rispondere mica penserete di cambiare camicia in una notte ....come niente fosse

IronHandIronHead

Mer, 25/03/2020 - 13:36

Le Regioni hanno competenza, vero, ma non le risorse. Con 35 Mld di regalo del Fondo Salva Stati dati per salvare la Grecia o meglio le Banche Tedesche e Francesi, quante terapie intensive si facevano? 1000? 10000? Dite voi. La crisi di questi giorni è figlia di una Globalizzazione assurda e di un asservimento a parametri finanziari senza alcun senso. La risposta del Lockdown è sbagliata e ammazza l'economia. I danni del Lockdown saranno di ordini di grandezza superiore a quanto non abbia fatto questo virus. Finita la crisi, chiudiamo con le produzioni in Cina? Chiudiamo con Maastrich? Pensiamo al ceto medio e allo sviluppo in Italia? Su questo la Politica con la P maiuscola lavora, se non lo farà la Marcia su Roma e la Notte dei Cristalli saranno una scampagnata di bambini rispetto alla rabbia delle gente, povera, imprigionata e ammalata. Senza Libertà e Ricchezza non c'è Salute.

fenix1655

Mer, 25/03/2020 - 13:49

Non governissimo ma "Gabinetto di guerra", nominato dal Presidente della Repubblica in cui far confluire tutti, maggioranza ed opposizione, guidato da un super partes di spessore. Mario Draghi potrebbe essere un suggerimento. Per far finire questo teatrino della politica che non riesce a tacere nemmeno in questa occasione. Il Presidente della Repubblica sta perdendo un'ottimo motivo per mettersi al timone di quest'Italia che sta perdendo la rotta. Non possiamo permetterci di navigare a vista in questa emergenza. Dobbiamo unirci e fare quadrato anche per evitare che qualcuno in Europa cerchi di salvarsi a nostre spese come è stato già fatto con la Grecia. Anche a costo di Decisioni Forti!!!!

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Mer, 25/03/2020 - 13:58

Il governissimo è solo un modo per condividere i danni fatti dal governo attuale, quindi è da respingere a meno che tutti coloro che attualmente ne fanno parte riconoscano i loro errori lasciando il loro scranno.

Ritratto di theRedPill

theRedPill

Mer, 25/03/2020 - 14:02

Quintus_Sertorius: le banche centrali, o banche di ultima istanza, sono tutte entità private sia attualmente che in passato. Sono enti dannosi che permettono alle banche, private anche queste, e ai governi di rubare i soldi al popolo tramite la svalutazione, fatta passare per aiuto indispensabile. La prima cosa da fare è stabilizzare la moneta rendendola forte.

vince50_19

Mer, 25/03/2020 - 14:09

Mr Blonde - 12:30 Giusto: la Meloni si metterà l'anima in pace .. e starà fuori dal governissimo per non retrocedere in poco tempo al 3% delle preferenze.

fenix1655

Mer, 25/03/2020 - 14:14

Bisogna far capire all'Europa (soprattutto ad alcuni egoisti prepotenti e presuntuosi), all'unisono, che non siamo disposti a pagare per la loro incapacità ed indecisione. Se continuiamo a mostraci divisi, come nè Germania, nè Francia ed anche altri fanno, loro sfrutteranno al massimo le nostre divisioni. Un esercito che disperde le proprie forze per combattere è destinato alla sicura sconfitta.

fenix1655

Mer, 25/03/2020 - 14:43

Ma con quale senso di responsabilità e partecipazione agli avvenimenti si pubblicano sondaggi politici su quasi tutti i quotidiani italiani? Possibile che i media strombazzando solidarietà e unione da tutte le parti poi partecipino con i sondaggi a questo indegno teatrino della politica?

Xplr

Mer, 25/03/2020 - 14:50

E invece guarda caso il governissimo sarebbe unica via di uscita creando riforme strutturali e costituzionali che imprimono governabilità. Invece siete d'accordo su tutto con conte e cinquestelle in questa emergenza, ma poi fate i distinguo. Siete fasulli, la destra liberale è da rifare da zero in questo paese! Fasulli, lega, meloni, zaia fontana, tutti da mandare a casa. l'inciucio lo fate di continuo!

Ritratto di Quintus_Sertorius

Quintus_Sertorius

Mer, 25/03/2020 - 15:23

@RedPill Falso. Le banche centrali non sono né nate né state in maggioranza private, e.g. l'Amsterdamse Wisselbank (1609), la Banca di Stato russa (1860), la Banca d'Italia (1893-1981). Sono private quelle che hanno adottato il modello della Bank of England, la prima a utilizzare su vasta scala quel diritto al signoraggio con il quale siamo tutti familiari. Solo in questo secolo è diventato il modello dominante e i risultati sono sotto gli occhi di tutti: diminuzione del potere d'acquisto del salario medio, governi succubi dei "mercati", debito pubblico fuori controllo. E la moneta è uno strumento politico, non diversamente dalle leggi ordinarie e dal diritto tributario, si valuta e svaluta a seconda della necessità come fanno gli Stati indipendenti. A meno che lei non intenda tornare allo standard aureo, che aveva altri problemi.