"Garantire informazione sui referendum"

La missiva sottoscritta da Matteo Salvini e Maurizio Turco, in qualità di Comitato promotore dei quesiti. Intanto prosegue la raccolta di firme per i 6 referendum

Giustizia, lettera ad Agcom: "Garantire informazione su referendum"

Radio e tv devono informare correttamente i cittadini riguardo i 6 referendum sulla giustizia promossi da Lega e Partito radicale, anche se la raccolta firme è concentrata in modo particolare a luglio e agosto, periodo che coincide con la tradizionale pausa estiva di molti programmi di informazione politica. È quanto hanno chiesto al presidente dell’Agcom (l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, ndr) Matteo Salvini e Maurizio Turco, in qualità di Comitato promotore dei quesiti.

"Il Comitato promotore dei sei quesiti referendari sulla giustizia rivolge all'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni l'invito ad intervenire urgentemente, con un Atto di indirizzo rivolto alle emittenti radiotelevisive, affinché esse assicurino una informazione completa ed importante, anche quantitativamente, nelle diverse fasce orarie, sulle ragioni e le necessità della campagna di raccolta delle 500.000 firme richieste dalla Costituzione per l'Indizione della consultazione referendaria", si legge nella missiva sottoscritta dal leader leghista e da Turco.

Questi ultimi evidenziano come sia necessaria una "adeguata informazione" sulla raccolta firme in tutti i telegiornali, a partire dalle loro edizioni principali ma non limitatamente ad esse, delle emittenti nazionali pubbliche e private "tanto più necessaria in assenza quasi totale di contenitori di approfondimento politico informativo in gran parte chiusi per ferie (inopinatamente almeno per quanto riguarda le reti del servizio pubblico radiotelevisivo)". Nella missiva si sottolinea anche che al fine di informare in modo corretto i cittadini devono essere indicati i contenuti dei quesiti così come i tempi e le modalità della raccolta firme.

Nello stesso documento si indica che l'approfondimento dovrebbe essere dedicato a dibattere "dello stato e delle proposte di riforma della giustizia, oggi di estrema attualità". Salvini e Turco si augurano che questa richiesta sia accolta da Agcom tempestivamente e spiegano che "i proponenti non invocano principio di legge meramente e non chiedono informazione per forze politiche ma su temi ed iniziative onde i cittadini possano scegliere consapevolmente".

Solo nel primo fine settimana di luglio, come ha annunciato Salvini sono state raccolte oltre 100mila firme per i 6 referendum sulla giustizia. Un successo straordinario che ha spinto il leader della Lega nei giorni scorsi ad affermare che l’obiettivo del milione di firme sarà "ampiamente superato". La Lega sarà presente anche oggi in 2000 piazze italiane con i propri banchetti. "È straordinario che anche in un weekend di luglio in tutta Italia in 2000 piazze donne e uomini siano in coda per una giustizia giusta, perché chi sbaglia paghi. Per 30 anni si è promessa questa riforma, adesso la fanno gli italiani", ha esclamato Salvini a margine di un incontro ai gazebo per promuovere la raccolta firme a Marina di Carrara.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti