Il governo litiga pure sui decreti Salvini: "Non li possiamo smantellare"

I grillini non vogliono la cancellazione delle multe alle Ong: "Così rischiamo di fare un assist a Salvini, non abbiamo capito nulla"

Sembrava tutto fatto, ma a quanto pare il governo non riesce a trovare una quadra comune neanche per quanto riguarda i decreti Sicurezza. Nella serata di ieri, al termine del quinto incontro al Viminale, era stata trovata un'intesa tra Luciana Lamorgese e la maggioranza su un nuovo testo per superare i dl che portano la firma di Matteo Salvini. Il tutto proprio nel giorno in cui il Senato ha dato l'autorizzazione a procedere per il processo al leghista in merito al caso Open Arms. Sembrava che i giallorossi avessero raggiunto uno degli obiettivi che si erano fissati in occasione della nascita del Conte bis: porti e porte aperte a tutti. Tra le novità del nuovo patto vi è la cancellazione delle multe milionarie alle navi Ong, l'allargamento della possibilità di accedere alla protezione umanitaria, la revisione del sistema di accoglienza e la possibilità per i richiedenti asilo di iscriversi all'anagrafe comunale.

Ma qualcosa è andato storto. Infatti, come riportato dall'Huffington Post, l'accordo è durato poco più di 12 ore: la sintesi è stata già messa in discussione dal Partito democratico e dal Movimento 5 Stelle. A dividere la maggioranza è la questione delle multe alle Ong che prestano soccorso in mare: secondo la bozza non ci sarebbero più le multe amministrative, ma sarebbe necessario il processo penale. Un fattore che ha mandato su tutte le furie i parlamentari grillini che, dopo aver appreso la notizia, sono esplosi nelle chat: "Non possiamo smantellare i decreti Sicurezza, significa fornire un assist a Salvini. Non abbiamo capito nulla".

M5S e Pd divisi

Non è certamente una novità, ma anche sulla vicenda in questione i pentastellati si sono divisi: da una parte quelli presenti al tavolo della trattativa chiedono il processo penale; dall'altra c'è chi vuole che rimangano fermamente le multe amministrative. Quest'ultima è la linea tracciata da Luigi Di Maio, che ora fa il duro per imitare Salvini. Il ministro degli Esteri ha invitato l'Europa ad aprire gli occhi sul tema immigrazione e l'ha richiamata ai suoi impegni: "Non dobbiamo avere paura di dire che in questo momento l'Italia da sola non ce la può fare. Serve un'azione di ampio respiro sul tema, che salvaguardi la tenuta sociale del Paese".

Neanche all'interno del Pd tira aria buona. Il testo per smantellare i decreti Sicurezza dovrebbe arrivare in Consiglio dei ministri solo a settembre, ed è proprio questo che ha provocato la reazione di Matteo Orfini: "Se davvero c'è l'accordo sulla modifica ai decreti Sicurezza, perchè rinviare tutto a settembre? Chiedo a Conte e al governo di passare dagli annunci ai fatti e di approvare le modifiche al prossimo Consiglio dei ministri". Il sospetto del parlamentare dem è chiaro: "O (ancora una volta) stiamo solo facendo finta?". La pensa diversamente Matteo Mauri, viceministro dell'Interno, che parla di novità assolute e di buone notizie per il nostro Paese: "Grazie al lavoro fatto da tutte le forze di maggioranza e dal ministro Lamorgese vengono azzerati tutti gli effetti negativi dei decreti Salvini, che hanno generato solo più illegalità e meno sicurezza per tutti".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 01/08/2020 - 10:19

Quel che sto governo non entiende, intriso cvom'è di ideologia fino al midollo, è che va fatta una differenza fra profughi, rifugiati e migranti economico, AL DI FUORI dei nostri confini, altrimenti non se ne verrà mai fuori. Deve il governo far intervenire la commissione Ue per dirimere questa faccenda, altrimenti se continuiamo ad accogliere chi "spiaggia" da noi per di più senza documenti, respingerlo diventerà impossibile senza accordi con i paesi di provenienza ammesso che vengano individuati. Alimentare il traffico di carne umana è aberrante: lo comprende signor P.d.c.? Svegliatevi prima che sia troppo tardi e non fate pensar male ("qualcuno" che ci ricatta con migrazioni indotte per ottenere in cambio aiuti in euro)..

Seawolf1

Sab, 01/08/2020 - 10:34

Vergognoso ... cosa non sarebbero disposti a fare pur di restare imbullonati alle poltrone...

Ritratto di No_sinistri

No_sinistri

Sab, 01/08/2020 - 10:36

Tanto l'attaccamento alla poltrona gli farà trovare un accordo.

antoniopochesci

Sab, 01/08/2020 - 12:16

La debolezza dei numeri! Non bastano i numeri, ci vuole anche la forza e le p... per governare! Ogni giorno dai pulpiti governativi e dintorni sbraitano contro i famigerati decreti Salvini che vorrebbero gettare al macero. Se non lo fanno, i motivi sono due: o non hanno la coerenza di farlo o questi decreti a denominazione d'origine salviniana sono buoni ed efficaci. Tertium non datur. Eppure hanno la faccia tosta di fare la ola al processo all'ex Ministro dell'Interno,la cui unica colpa, nel merito, è quella di aver intercettato ed interpretato la volontà di Milioni e di milioni di elettori. E, se come ripeto spesso, il leader della Lega è stato l'unico, nella storia repubblicana, stando al Governo, a raddoppiare i voti (17% Politiche 18-34% Europee 19 ), qualche motivo ci sarà. E se il PD, grillini ed affini, inchiodati al palo da voti reali e sondaggi, non lo vogliono capire, il problema è solo loro

Korgek

Sab, 01/08/2020 - 12:25

Quando leggi che un esponente pidiota è convinto che il dl sicurezza ha generato più illegalità ti rendi conto che l'idiozia è galoppante. La cosa più brutta è che a questo individuo da 4 soldi gli pago pure lo stipendio.

Ritratto di Adespota

Adespota

Sab, 01/08/2020 - 12:41

Semplice: se ne riparla a settembre, ovviamente dopo la tornata elettorale.

Malacappa

Sab, 01/08/2020 - 13:22

Non li possono smantellare perche'sono fatti per il bene dell'Italia anche un pdiota e un 5 stalle lo puo'capire

Ritratto di vince50_19

vince50_19

Sab, 01/08/2020 - 17:44

Al limite è comprensibile (la condivisione è altra materia) che il Pd abbia voluto porti aperti, operazione smentita da Minniti nell'anno in cui fu ministro dell'interno. Egli ottenne risultati interessanti e venne proseguita da Salvini con miglioramenti nel rallentare i flussi (i porti al tempo di Minniti non furono chiusi per esplicito divieto di Delrio), ma i 5s che hanno approvato i decreti sicurezza con quale faccia hanno il coraggio di aprir bocca? Poveri, soffrono di cadreghite in fase perennemente acuta..