Quella grande passione per le due ruote e la capacità di fare squadra con i più bravi

Si commuoveva alle gesta di Coppi. La sua rubrica di ciclismo sul Giornale

Quella grande passione per le due ruote  e la capacità di fare squadra con i più bravi

Ho ancora negli occhi i suoi, lucidi e carichi di emozione, per quel raccontare raccontandosi con Coppiebartali, tutto attaccato, quasi a sancirne l'impossibilità di parlare di uno senza narrare dell'altro. Una storia di due campioni assoluti, sullo sfondo di un'Italia lacerata dalla guerra, e di tante famiglie laboriose che si sono rimboccate le maniche per ricostruire dalle macerie un Paese. Tra queste famiglie, anche la sua, quella dei Doris. Alberto, il padre coppista, e Agnese, una mamma tenera come solo le mamme sanno essere. Parlava d'impresa e delle imprese, di quei due là: Coppiebartali, tutto attaccato, quasi a sancirne un amore indivisibile.

Enciclopedico e fiabesco. Epico e romantico. Passionale e struggente. Questo era Ennio Doris, un visionario capace di guardare oltre al visibile, forsanche perché tra le sue grandi passioni c'era l'astronomia.

Con Doris ho condiviso la passione per la bicicletta (ma anche per Napoli, la sua canzone e Totò), il ciclismo e per il nostro Fausto Coppi, il Campionissimo. Riconoscendo però entrambi la grandezza del suo amico-rivale: Gino Bartali. Non è un caso che il quarto libro scritto assieme, sia stato proprio Coppiebartali. La storia di due supercampioni capaci di dividere e unire l'Italia, ma anche la storia di un uomo che dal nulla ha creato un impero, rimanendo fedele però a se stesso, a quella semplicità di base che includeva il mondo.

Con Doris ho condiviso anche spazi su Il Giornale, il suo giornale, per il quale ha dispensato pensieri e opinioni durante il Giro d'Italia e non solo. Non c'era consiglio d'amministrazione che tenesse: se c'era un finale di tappa, quella era una priorità. A seguire commento. Come in occasione del titolo mondiale a cronometro, conquistato da Filippo Ganna. Una delle ultime volte che l'ho sentito felice, «per una prestazione esaltante». L'ultima volta una settimana fa, una breve chiamata, per conoscere nel dettaglio il profilo del prossimo Giro d'Italia.

Un uomo di fede e di sport, un banchiere che sapeva contare, ma contava su chi sapeva. Bravo a circondarsi di persone brave: sapeva fare squadra. Dal ciclismo ha preso probabilmente anche questo, visto che era solito usare metafore ciclistiche per motivare i suoi «ragazzi».

Si commuoveva raccontando le gesta del Campionissimo. La sconfitta sulle Dolomiti al Giro del '53, le speranze che svaniscono come neve al sole, e quelle parole di papà Alberto che furono per lui un mantra: «C'è anche domani». E il domani è la tappa Bolzano-Bormio. È la tappa numero 20. È lo Stelvio scalato per la prima volta nella storia del Giro d'Italia. Köblet si sente ormai vincitore, Coppi non si sente ancora vinto, e per questo vincerà.

La sua voce inconfondibile era nata per narrare storie epiche e imprese mirabolanti, come se fossero romanzi d'appendice o delle chanson de geste. Una voce calda e pastosa: rassicurante. Capace di toccare le corde del cuore, per sedimentarsi come polvere di Dolomia. Le sue montagne. I monti pallidi. I monti di cristallo. Le vette di Coppiebartali, tutto attaccato, come voleva lui, che non parlava di uno se non raccontava anche dell'altro. Incapace di dividere, ma solo di condividere.

Commenti