La guerra dei medici ai medici "No ai neolaureati in corsia"

Gli ospedalieri impugnano la delibera della giunta veneta e inviano una denuncia alla Corte dei conti

«Inaccettabile, pericolosa ed illegittima». I medici bocciano l'iniziativa autonomista del governatore del Veneto, Luca Zaia. I primi ad attaccare sono gli ospedalieri aderenti all'Anaao Assomed che non si limitano ad una critica e annunciano di aver dato mandato ai propri avvocati affinché vengano impugnate le delibere regionali e sia inviato un esposto-denuncia alla Corte dei Conti. Nel mirino la decisione della giunta veneta di avviare un percorso parallelo di formazione che prevede di impegnare neo laureati in ospedale senza attendere che si specializzino. Un piano che coinvolge circa 500 neo laureati: 320 verranno destinati al Pronto Soccorso e altri 180 andranno a coprire i buchi in Geriatria e Medicina Generale. La Regione ha finanziato il piano con 25 milioni di euro. Una scelta che manda i giovani laureati «allo sbaraglio», accusano gli ospedalieri.

«La carenza dei medici in corsia è un problema che va affrontato ma quella scelta da Zaia non è la strada giusta» avverte Carlo Palermo, Segretario Nazionale Anaao Assomed. Palermo ritiene «doveroso bloccare sul nascere questa iniziativa al fine anche di evitare l'emulazione da parte di altre regioni» creando così «una mortificante e costosissima area di parcheggio per i giovani colleghi neolaureati senza alcuna prospettiva professionale, che comporta un autentico spreco di danaro pubblico». Per i camici bianchi non si può risolvere il problema della carenza di personale con una scelta che mortifica la professionalità. «Non è questa la soluzione per la grave carenza di specialisti da noi denunciata da anni. Molto meglio sarebbe stato l'utilizzo di queste risorse per incrementare il numero delle borse di specializzazione di competenza regionale», insiste Palermo.

Impensabile che un corso di 92 ore di formazione in aula e due mesi di tutoraggio nei reparti delle aziende sanitarie possa anche essere paragonato ad una specializzazione che comporta 4 o 5 anni e richiede migliaia di ore di formazione in aula e migliaia di ore di affiancamento con il tutor. Palermo ricorda pure che «la Corte Costituzionale in merito è stata tassativa: ai ruoli del servizio sanitario nazionale si accede solo con il pubblico concorso e in possesso del titolo di specialista a garanzia della salute dei cittadini».

Sul piede di guerra anche la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo) che si è rivolta al presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini e in riferimento alla scelta del Veneto parla di «rimedio peggiore del male» e di «soluzioni affrettate e prive di garanzie». Grande preoccupazione viene espressa anche dai presidenti delle Scuole di Medicina e Chirurgia delle Università di Padova e Verona Mario Plebani e Domenico De Leo, che chiedono un «confronto immediato» con il governatore «per impedire che le delibere si traducano in un abbassamento dei livelli di cura e sicurezza per i pazienti e in un danno per i neolaureati, ossia in una pericolosa caduta dei livelli qualitativi della sanità regionale».

Zaia aveva fatto sapere che al Veneto mancano già almeno 1.300 medici e dunque difficilmente il governatore sarà disposto a fare marcia indietro. Potrebbe ripetersi lo stesso scenario del passato quando le dispute tra istituzioni sul processo dell'autonomia che coinvolgono Sanità e Scuola sono finite davanti alla Consulta. Resta il fatto che la carenza dei medici è un problema reale da affrontare subito e che non riguarda soltanto il Veneto. É stato calcolato che di qui a 5 anni mancheranno circa 16.000 medici.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Popi46

Mar, 20/08/2019 - 09:48

Per quanto mi riguarda, a quattro mesi dalla laurea, ho sostituito un medico condotto (all’epoca si chiamavano così) in ferie. Mi serviva per avere un gruzzoletto che mi permettesse di non chiedere a mamma e papà i soldi anche per sigarette e divertimenti vari. L’ho fatto per 3 anni. Non ho mai ammazzato nessuno e l’ospedale più vicino era a 20 km di strada di montagna.....Ma forse,a quei tempi (anni ‘70) i medici erano un tantino più preparati.....

Ritratto di pigielle

pigielle

Mar, 20/08/2019 - 10:11

Cari signori...purtroppo, per me, ho frequentato ospedali per lungo tempo. Vi posso assicurare che le cosiddette visite "specialistiche", sono affidate a specializzandi nelle misura di nove su dieci. Un esempio? ...quando viene organizzato uno sciopero per problemi alla categoria degli specializzandi, saltano anche quasi tutti gli appuntamenti delle visite specialistiche ....e non vi parlo per sentito dire ...sono reduce da un trapianto e l'interno di quel mondo l'ho toccato con mano e, vi posso assicurare, che tutto funziona magnificamente anche se, appunto, la carenza di personale medici e paramedico si fa sentire ...ben venga qualsiasi tentativo di cercare di mettere un po di normalità. Di lavoro ce ne è per tutti.

Ritratto di franco_G.

franco_G.

Mar, 20/08/2019 - 12:21

Popi46... "non aver ammazzato nessuno" non vuol dire niente. Ce ne sono un milione di situazioni intermedie fra il risolvere un caso estremamente difficile e non aver ammazzato nessuno. E se solo l'ultima non ti ha riguardato in una brevissima sostituzione per ferie, cerca di riconoscere che sei semplicemente stato fortunato: anche il migliore e più esperto dei medici prima o poi non può non commettere errori, e dopo tanti anni di professione dovresti saperlo anche tu. Figurarsi un neoloaureato...

Hesteban

Mar, 20/08/2019 - 14:38

Purtroppo ho la sensazione che qui non si tratti di preparazione dei neolaureati e/o di ammazzare o meno qualcuno. Qui si tratta che la lobbi dei medici non vuole concorrenza, sono più ancorati alla loro poltrona più che i nostri poitici e temono i giovani. Per difendere il loro status spaventano l'opinione pubblica parlando di preparazione e capacità dei neolaureti (che in molti casi hanno formato loro) ma la realtà è ben diversa.

utherpendragon

Mer, 21/08/2019 - 01:31

Ospedaliero puro ( mai fatto una visita in libera professione)per 30 anni sono stato tutor di specializzandi.Come diceva Ippocrate "la vita è breve e l'arte è lunga" Il mestiere si impara sul campo , facendo anche errori .il tutor serve a non far ricadere gli errori sul paziente.Negli anni mi sono convinto che il medico specializzando sia una risorsa ed un investimento per la sanità , il pubblico e ,non ultimi, anche per i medici strutturati che insegnando imparano.Nessuna lobby , anzi il confronto con i giovani , solitamente curiosi e iperattivi è benvenuto.Sarebbe necessario incrementare il numero delle borse di studio di specialità ( che sono poi 20000 lordi all'anno per 60 e più ore alla settimana di lavoro)e attivarle nei grandi ospedali