In Italia è boom di moschee abusive. Così si nasconde il pericolo integralista

Sono più di un migliaio. Hanno sede in negozi, magazzini e garage. Contano sui fondi milionari. E sono fuori controllo

A Milano le moschee «abusive» sono nove e quattro quelle autorizzate. In tutta la Lombardia sarebbero circa 70-75 i centri di preghiera irregolari, ma alla Regione hanno risposto poco più della metà dei comuni. E non città importanti per la presenza islamica come Brescia e Bergamo. «Ancora una volta al centro dell'islamizzazione violenta c'è un luogo di culto abusivo: quello di via Carissimi a Milano, gestito dall'associazione Al Nur» sottolinea l'assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato. «Chiediamo la chiusura immediata di tutti i centri islamici abusivi che, come confermano le indagini, sono luoghi al di fuori di ogni controllo anche da parte delle stesse associazioni» spiega l'assessore.

Il convertito italiano, Nicola Ferrara, adepto della guerra santa, frequentava proprio la moschea «abusiva» di via Carissimi in mano ai bengalesi. E all'esterno del centro islamico adescava i giovani per circuirli con la Jihad. «Quattro, cinque ragazzini, anche minori, prevalentemente italiani convertiti» spiega il tenente colonnello Andrea Leo, che guida il Reparto operativo speciale dei carabinieri coinvolto nelle indagini. L'aspetto più strano è che Issa, il nome islamico del talebano italiano, frequentasse una moschea non vicina a casa sua e di riferimento per i bengalesi. Non solo: l'antiterrorismo, secondo informazioni raccolte prima del suo caso, monitorizzava gli ambienti islamici del Bangladesh a Milano almeno dal 2017. Nel capoluogo lombardo esiste una costola islamista bengalese legata alla Jamat e Islami, una specie di Fratellanza musulmana che tende all'estremismo salafita. Alcuni membri avevano addirittura accusato le autorità di Dacca della strage di turisti, compresi 9 italiani, in realtà perpetrata dai terroristi dell'Isis il primo luglio 2016. Abu Hanif Patwery è la «faccia presentabile» della comunità, in realtà «un finto moderato» secondo gli addetti ai lavori. Grazie alla sua regia i bengalesi hanno manifestato per le vie del capoluogo lombardo a favore dei «fratelli» giustiziati o in carcere a Dacca con l'accusa di terrorismo.

Munshi Delowar Hossain, il presidente del centro islamico frequentato dall'italiano jihadista non aveva informato il Comune della mutazione d'uso dei 200 metri quadrati di via Carissimi registrati come «laboratorio». La polizia municipale ha accertato che si trattava di un ruolo di culto con regolari orari di preghiera. Il Consiglio di stato ha respinto il ricorso dell'associazione Al Nur, che gestisce la moschea abusiva, contro le irregolarità riscontrate dalle autorità. Il comune di Milano ha regolarizzato la posizione di quattro centri di preghiera islamici in via Padova/Cascina Gobba, via Maderna, via Gonin e via Quaranta. Altri nove sono abusivi, ma continuano a venire utilizzati come «moschee». Il 2019 aveva registrato un'impennata delle nuove «moschee» in tutta Italia. Rispetto ai 1251 luoghi di culto islamici nel paese l'obiettivo non dichiarato è di arrivare al doppio. Grazie ai fondi privati e pubblici che giungono da Qatar, Turchia e Arabia Saudita. Solo dal 2013 al 2017 la Fondazione caritatevole del Qatar ha investito 25 milioni di euro per i centri islamici in Italia. Molte delle associazioni musulmane hanno sede in appartamenti privati, negozi, garage, magazzini, che non potrebbero venire utilizzati come moschee. Centri abusivi di culto dove si annida il pericolo della serpe jihadista. Le regioni più a rischio rimangono la Lombardia, il Lazio e il triangolo pericoloso è sempre quello di Milano-Brescia-Bergamo. I centri islamici abusivi, però, si stanno insediando anche in provincia. In Lombardia, Lazio e Campania si concentrano il 60% delle 12.034 intercettazioni dell'antiterrorismo dal 2005 al 2017. Solo in Lombardia i «bersagli» sospetti monitorati, nello stesso periodo, sono stati 4567.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Gio, 09/07/2020 - 10:10

Salvini e Meloni, salvateci voi!

venco

Gio, 09/07/2020 - 10:16

Questo è il vero problema dell'Italia e della Chiesa Cattolica, altro quel che dice Bergoglio sostenitore del nostro disastro futuro.

paladin

Gio, 09/07/2020 - 10:27

Quando saranno in maggioranza o almeno sufficentemente numerosi non si potrà imporre nessuna pace perché « Il maomettanismo è il trionfo, o meglio l'usurpazione dell'errore sulla verità, dell'iniquità sulla giustizia, della barbarie sull'umanità e la vera civiltà ». abbé (don) Rohrbacher, Histoire universelle de l’Église catholique, 1866, Volume V, pag. 573. Questo autore è considerato il più affidabile e importante storico francese della Chiesa del XIX secolo. Come si può convivere con questa (in)civiltà se non, alla lunga e neanche troppo, lasciarsi sopraffare da questa ?

Ritratto di Giusto1910R

Giusto1910R

Gio, 09/07/2020 - 10:31

Non ci vuole molto per capire quali sono le intenzioni di una parte del mondo islamico che vive in Italia. Non hanno rapporti con la nostra Società se non quando si tratta di farsi assegnare una casa popolare, o andare alla posta per spedire soldi al paesello, oppure usare patronati compiacenti per ottenere aiuti sociali, pensioni di invalidità ed esenzione dalle tasse. Vivono strettissimamente connessi tra di loro. Nelle loro abitazioni non guardano mai la TV italiana (e questa é l'unica cosa che posso capire). In famiglia seguono la Legge Coranica senza se e senza ma. Nessuno sa quanti sono in Italia i musulmani che aderiscono totalmente alla Legge Islamica. A cosa servono queste persone se non ad un progetto preciso?

Ritratto di Soloistic69

Soloistic69

Gio, 09/07/2020 - 10:39

Purtroppo con l'IMAM vestito di bianco non c'è speranza per noi di salvarci da questo Islam...

Santorredisantarosa

Gio, 09/07/2020 - 11:05

BERGOGLIO HA CITATO I LAGER PER DIFENDERE L'INVASIONE E I SUOI AMICI, PERO' FACCIO RICORDARE A BERGOGLIO CHE LA PAROLA LAGER GLI E' MOLTO E FAMILIARMENTE VICINA IN QUANTO SI RICORDA LA DITTATURA DEI MILITARI. CITANDO LA PAROLA LAGER NON FA ALTRO CHE CALUNNIARE GLI ITALIANI COME VERITA' ASSOLUTA CHE LUI VUOLE INTIMIDIRE CON CALUNNIA GLI ITALIANI.

SAMING27

Gio, 09/07/2020 - 11:18

@Giusto1910R:sono d'accordo con lei ma è una cosa che non capisco. Ogni uomo cerca di migliorare la propria esistenza e quindi "presumo" che la ragione che spnge quelle popolazioni a emigrare in Europa sia principalmente quella di lasciare i loro paesi miserabili per andare a vivere in Europa dove regna l'ordine, la pulizia, la giustizia, il servizio sanitario e tante altre cose. Ma se intendono, una volta emigrati, continuare a vivevere secondo gli usi e costumi che hanno ridotto i loro paesi di origine in latrine (in senso lato)o presto o tardi ridurranno il paese accogliente in una latrina (in senso lato) Se non capiscono questo sono perduti.

fedeverità

Gio, 09/07/2020 - 11:43

Vanno chiuse tutte,subito!!

orione43

Gio, 09/07/2020 - 12:05

Ricordatevi ogni giorno che sorge il sole ciò aveva detto la Fallaci. Attenzione il 2050 è alle porte, conviene studiare l'arabo e il corano anzichè l'inglese e il catechismo. Questo è ciò che ci impongono questi cialtroni di cattocomunisti. "Addio sogni Italiani"

maxfan74

Gio, 09/07/2020 - 12:08

Vanno chiuse tutte subito.

justic2015

Gio, 09/07/2020 - 12:15

Lasciate fare questo è il paese degli abusi internazionali chi arriva che ne arrivano tanti comanda ormai bisogna accettare le loro usanze domani saranno anche le nostre diceva una grande donna.

Ritratto di Adespota

Adespota

Gio, 09/07/2020 - 12:20

...guardando la foto possibile che nessuno abbia proposto o chiesto il plexiglass..?

anna.53

Gio, 09/07/2020 - 12:46

Il principio di Legalità malissimo si applica al nostro Paese, se già a livelli che dovrebbero averla a cuore la calpestano. Se poi aggiungiamo ministri o sindaci orbi che sorvegliano e danno mazzate a chi non può difendersi e alle "prede" del sistema (i cittadini regolari che seguono le regole), pare ormai da tempo TUTTO chiaro e il precipizio a cui vogliono farci giungere certuni irresponsabili.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 09/07/2020 - 12:47

Cittadini di serie A e di serie B: gli uni delle Leggi se ne fottono i secondi delle Leggi subiscono ... e poi i "sacerdoti della democrazia" celebrano i riti dell'italianità, della millenaria cultura e cantano l'inno di Mameli al pari di un canto liberatorio.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Gio, 09/07/2020 - 12:52

@adespota 12.20: la fede nel proprio dio uccide qualsiasi nemico visibile e invisibile. Dipoi da come sono prostrati, in ordine geometrico, tanto di cappello ... e di merito a noi ospitanti se saremo capaci di fare tale e quale a loro. Ossequi.