La Libia è sempre più lontana dall'Italia

Proposte di Di Maio ignorate. Il generale: «Abbatteremo anche aerei civili»

La marina libica del generale Khalifa Haftar ha bloccato una nave con bandiera ombra, ma equipaggio turco, costringendola ad attraccare a Ras Lanuf, terminal petrolifero nell'Est del Paese. Il generale minacci anche i voli civili. Ha denunciato il volo di un Boeing 747-412 partito da Istanbul e diretto in Libia, con un carico di equipaggiamento militare. Il portavoce dell'Esercito nazionale libico, Ahmad al-Mismari ha messo in guardia dall'uso di aerei civili per trasportare armi: «L'esercito colpirà e abbatterà ogni aereo» che porta armi.

Un'escalation annunciata che troverà l'Italia con il classico cerino in mano delle danze diplomatiche mente tanti altri Paesi forniscono armi. I turchi avrebbero già inviato un centinaio di uomini in ricognizione per preparare l'intervento di 5mila soldati al fianco del governo di al Serraj riconosciuto dall'Onu. Il punto di sbarco sarebbe la base navale di Al Qoms fra Misurata e Tripoli. «Ci penseranno due volte e probabilmente opteranno soprattutto per l'appoggio aereo, ma se arrivasse un contingente turco le truppe egiziane entrerebbero da Est, in Cirenaica in appoggio ad Haftar» teme una fonte occidentale de il Giornale in prima linea a Tripoli.

E neanche i russi stanno a guardare. Un video ha ripreso per la prima volta un paio di combattenti bene attrezzati a sud di Tripoli, con tratti che sembrano caucasici. Probabilmente contractor della Wagner, la società di sicurezza russa vicina al Cremlino. «Le nostre stime indicano che ci sono un migliaio di specialisti russi o di ex paesi sovietici dalla parte di Haftar» spiega un'altra fonte del Giornale in Libia.

La marina di Bengasi ha fermato al largo della Libia un mercantile che batterebbe bandiera di Grenada con equipaggio turco sospettando che trasporti armi. Sul terreno le truppe di Haftar, che attendono l'invio di carri armati egiziani, avanzano lentamente alla periferia della capitale conquistando un campo militare nel quartiere di Salah ad Din, ad otto chilometri dal centro. Blindati turchi nuovi di zecca sono appena arrivati per sostenere le milizie di Misurata che difendono Tripoli. Il conflitto si sta intensificando con i bombardamenti aerei non solo sui cieli della capitale. Tre notti fa sono stati colpiti con ripetuti raid degli obiettivi a Misurata, la Sparta libica. I depositi di armi o le basi si trovano nella zona aeroportuale e nello scalo c'è il nostro ospedale militare con 300 uomini, che hanno costruito un dedalo di bunker anti aerei. Haftar ha il predominio dei cieli e i turchi, grazie al memorandum sulla sicurezza firmato il 27 novembre con Tripoli, potrebbero intervenire proprio con l'arma aerea. Ieri il neo sultano, Recep Tayyip Erdogan, ha ribadito che «valuteremo tutti i mezzi di sostegno militare, via terra, mare e aria, se necessario».

L'offensiva diplomatica Ue tanto caldeggiata dall'Italia con la recente visita di Di Maio a Tripoli e Bengasi sta facendo acqua da tutte le parti. Il ministro degli Esteri greco ha rotto il fronte europeo incontrando ieri non solo Haftar, ma pure il primo ministro del governo non riconosciuto dalla comunità internazionale di Al Baida.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

TitoPullo

Lun, 23/12/2019 - 11:19

Le proposte di CHI?? DI MAIO ?? AHAHAHAHAHAHAHAHAHA !Ma lo ha ricevuto?? AHAHAHAHAHAHAHA !!Ne dubito!!!!E basta con 'sti ragazzini bolsi di stupida e vacua prosopopea che pensano di muoversi in un videogioco !!Incompetenti presuntuosi ancora coi denti da latte!!Andate a scuola e studiate analfabeti che state facendo solo danni!!!

glasnost

Lun, 23/12/2019 - 15:41

E l'Italia chi manda a trattare? Di Maio e magari accompagnato dalle sardine......Ma siamo un paese serio degno di considerazione?

lorenzovan

Lun, 23/12/2019 - 16:59

mah..articolo fuffa..le manovre di Haftar sono contro la Turchia..non contro l'Italia...

salmodiante

Lun, 23/12/2019 - 20:25

L' Italia non deve farsi risucchiare in una guerra di tutti contro tutti, nonostante l' interesse nazionale costituito dai pozzi petroliferi eraffinerie ENI. I turchi e massimamente gli italiani non sono graditi dai libici e in ogni caso lo stato libico si compone di almeno tre zone geografiche, tripolitania, cirenaica e Fezzan, che storicamente sono state unite solo dopo il dominio coloniale italiano. Meglio sarebbe per tutti se restassero separate.

GINO_59

Lun, 23/12/2019 - 20:26

Grazie francia. Capaci di schivizzare e incasinare il mondo.

DRAGONI

Lun, 23/12/2019 - 22:26

DI MAIO APPARE COME UN PULCINELLA , SUO COMPAESano, agli occhi dei due signori della guerra libici.

killkoms

Lun, 23/12/2019 - 23:03

l'uomo giusto al posto giusto!

ilrompiballe

Lun, 23/12/2019 - 23:23

Un particolare ringraziamento a tutti quelli che hanno contribuito ad abbattere la dittatura di Gheddafi per instaurare la democrazia. Ovvero a cacciare l'ENI per sostituirlo con Total e British Petroleum. Un ringraziamento anche alle forze politiche italiane che hanno plaudito all'operazione "primavere arabe".

acam

Mar, 24/12/2019 - 03:51

caro biloslavo chiedi il perche a Renzi e a Gentiloni che si sono affidati all'europa che pensavano dovesse fare gli interessi cmunitri (poveri Illusi) la francia che tira i sassi e nasconde mai e faccia fa esclusivamnte i suoi in nostro esercito ha in media uomini sopra i 40 anni cosa ci mandiamo? i giovani che vanno all'estero? la fratellanza coi mussulmani di francesco fa purtroppo cilecca, la storia dice che i mussulmani sono aggressori e sostanzialmente fascisti e poi incolpano noi il mondo si sta rivoltando

buonaparte

Mar, 24/12/2019 - 07:18

TUTTO QUESTO DISASTRO COMBINATO DA OBAMA-BIDEN CON SARKOZY PER DIVIDERSI IL PETROLIO LIBICO.. ED HANNO AMMANTATO TUTTO QUESTO CON PAROLONI COME DEMOCRAZIA LIBERTà PARITà DI GENERE E ECC.. IL GIORNALISTA UCCISO KHASOGGI ERA UNO CHE AL SERVIZIO DI POTENTATI AMERICANI E FRANCESI SEMINAVA LE PAURE E LA RIBELLIONE CONTRO GLI STATI SOVRANI PER INNESCARE LE PRIMAVERE ARABE CHE HANNO FATTO 1 MILIONE DI MORTI E NESSUN RISULTATO.. VERGOGNA SINISTRA MONDIALE ..