L'Irlanda dice sì alle nozze gay, Boldrini: "Anche in Italia legge su unioni civili"

La presidente su Twitter: "Dall’Irlanda una spinta in più. È tempo che anche l’Italia abbia una legge sulle unioni civili"

L'Irlanda dice sì alle nozze gay, Boldrini: "Anche in Italia legge su unioni civili"

Confermano lo storico esito favorevole alle nozze gay, già preannunciato dal governo e riconosciuto dallo stesso schieramento avverso, i dati ufficiali del referendum tenutosi oggi nella Repubblica d’Irlanda, sebbene ancora non del tutto completi: secondo quanto reso noto dall’emittente televisiva pubblica Rte, infatti, con lo spoglio delle schede ultimato in quaranta circoscrizioni su 43 i sì risultano pari al 62,3 per cento dei voti. La loro vittoria non è dunque più reversibile. Il risultato del referendum iralndese ha suscitato un ampio dibattito negli altri paesi d'Europa. Così la presidente della Camera, Laura Boldrini, ha parlato chiaramente di "esempio inglese", commentando la svolta di Dublino.

E su Twitter afferma: "Dall’Irlanda una spinta in più. È tempo che anche l’Italia abbia una legge sulle unioni civili. Essere europei significa riconoscere i diritti", ha scritto su Twitter la presidente. E con lei ci sono le associazioni che difendono i diritti degli omosessuali: "Una svolta storica. Un successo epocale per quel paese, dove solo 20 anni fa l’omosessualità era considerata ancora un reato penale. Dove particolarmente pesante è stata l’invadenza nella vita civile di una Chiesa cattolica particolarmente oscurantista", spiega in una nota l'Arci. Ma dal governo e dai partiti di maggioranza per il momento la proposta della Boldrini viene accolta con freddezza: "In Italia anche un referendum non potrebbe estendere l’istituto del matrimonio alle coppie omosessuali perchè la Costituzione lo riserva alla famiglia naturale in quanto aperta alla procreazione. Cosa diversa è riconoscere alle persone che convivono diritti e doveri di mutuo soccorso morale e materiale. Non, tuttavia, le adozioni nel nome dei diritti dei minori, nè la pensione di reversibilità perchè connessa alla potenziale procreazione e cura dei figli", ha affermato il senatore di Area Popolare, Maurizio Sacconi.

Commenti