L'Olanda oggi torna in lockdown. Coprifuoco a Parigi, Londra trema

L'Ue: per i viaggi un semaforo per classificare i Paesi

Europa travolta dalla seconda ondata Covid. Il Consiglio Ue ha adottato una «raccomandazione per un approccio coordinato alla limitazione della libertà di circolazione, che mira a evitare frammentazioni e interruzioni e ad accrescere la trasparenza e la prevedibilità per cittadini e imprese». Un sistema a semaforo: saranno individuate aree di quattro colori diversi a secondo del numero dei casi. Per chi passa da una zona all'altra potrà essere richiesto il tampone o una quarantena.

Nonostante la riduzione del numero di nuovi casi, la situazione resta grave in Francia, e ben 25mila persone si sono candidate per testare i nuovi vaccini. Ieri si sono registrati 12.993 nuovi casi e 117 decessi, 257 nuovi ricoveri in ospedale e 55 pazienti in più nei reparti di terapia intensiva. Le nuove misure potrebbero includere una sorta di coprifuoco notturno nelle aree più colpite. Attesa per l'intervista tv del presidente Emmanuel Macron, prevista stasera.

A Londra il governo è sotto pressione dopo essere stato accusato di aver ignorato tre settimane fa il parere degli esperti, favorevoli a maggiori restrizioni per bloccare l'impennata dei casi di coronavirus, solo oggi 17.234 e 143 decessi. Per il sindaco di Londra, Sadiq Khan, una nuova stretta nella capitale è «inevitabile». E in Spagna per il ministro della Salute non esistono le circostanze per revocare lo stato di allarme in vigore da venerdì scorso nella Comunità di Madrid. Ieri sono stati notificati 2.759 nuovi contagi che portano a 896.086 il totale dall'inizio della pandemia. I nuovi decessi sono 80, per un totale di 33.204. Rimangono in lockdown parziale 9 municipi della regione di Madrid, inclusa la capitale.

Nel Nord Europa le province belghe del Brabante Vallone e del Lussemburgo hanno imposto il coprifuoco dall'una di notte alle sei del mattino per arginare l'aumento dei contagi da Covid. In Belgio l'incidenza dei contagi è pari a 423 casi ogni 100mila abitanti. Particolarmente grave la situazione a Bruxelles, dove l'incidenza è di 801 casi ogni 100mila abitanti. Mentre nei Paesi Bassi da oggi scatta un lockdown parziale per arginare l'aumento dei contagi da coronavirus. Lo ha annunciato il primo ministro, Mark Rutte, dopo che nelle ultime 24 ore il Paese ha registrato oltre 7mila nuove infezioni. Dalle 10 chiudono tutti i bar e i ristoranti e sarà vietata la vendita di alcolici dopo le ore 20. Saranno proibiti gli assembramenti superiori alle 4 persone

In Germania i contagi tornano sopra 4mila (4.122) e il presidente della Baviera prevede un nuovo lockdown nazionale se non ci saranno misure «unitarie, obbligatorie e comprensibili». Il premier ceco Mateusz Morawiecki è in quarantena, anche qui chiusi bar e ristoranti. Zona rossa vicina anche in Austria che tocca 1.028 nuove infezioni, di cui 306 a Vienna.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 14/10/2020 - 17:14

ci saranno milioni di morti questo non è che l'inizio..