Gigino se la ride perché piace alla Merkel: "Vi racconto cosa mi ha detto"

Il ministro Luigi Di Maio racconta di essere stato ben accolto a Berlino da Angela Merkel. La piroetta dei grillini è completa: ora anche la Merkel è un riferimento

Luigi Di Maio, ex leader politico del MoVimento 5 Stelle, ministro degli Esteri del governo presieduto da Giuseppe Conte, si è detto stupito di come Angela Merkel lo abbia accolto alla conferenza di Berlino. Il che, considerando le posizioni di partenza del grillismo sull'Unione europea e sulla sua funzione, fa quantomeno riflettere.

Angela Merkel non è mai stata un riferimento per i grillini. Almeno sino a questa fase, quella in cui Luigi Di Maio ha ammesso a Il Foglio di essere stato "colpito" dall'atteggiamento della Cancelliera. Ma cosa avrà mai detto la Merkel per suscitare tutto questo stupore?

Conviene approfondire nel dettaglio il racconto del titolare della Farnesina: "Vi racconto uno scambio avuto con la cancelliera Angela Merkel durante la conferenza di Berlino quando -quasi nessuno lo sa- si è avvicinata e mi ha detto: 'Io ho sentito parlare bene di lei Di Maio. Mi parlano bene del suo lavorò. Insomma - ha aggiunto il ministro Di Maio al quotidiano diretto da Claudio Cerasa - come riportato in anteprima dall'Adnkronos - , è stata una cosa che era difficile da immaginare nella mia vita ed è stata un'altra cosa che mi ha colpito da ministro degli Esteri". Con tanti cari saluti all'anti-europeismo dichiarato degli anni dell'esplosione elettorale del MoVimento 5 Stelle. Il cosiddetto "processo d'istituzionalizzazione" sembra aver colpito ancora.

Sappiamo come il MoVimento 5 Stelle sia diviso sul da farsi: la linea di Alessandro Di Battista, che è fuori dalle istituzioni ma che continua a tuonare, sembra essere poco condivisa dai vertici partitici. Di Maio, invece, dopo aver incontrato "in segreto" Mario Draghi, narra di come la Merkel lo consideri. Una "cosa difficile da immaginare" per il ministro, ma anche per tanti elettori italiani che hanno votato il MoVimento 5 Stelle per via della sua natura anti-sistemica.

La Merkel avrebbe quindi sentito parlar bene di Luigi Di Maio. Non serve tornare troppo indietro nel tempo. Basta dare un occhio al programma elettorale che i pentastellati hanno presentato in vista delle elezioni delle europee del 2019: "I partiti dell’establishment che governano le Istituzioni europee da 20 anni, PPE (Forza Italia) e S&D (Partito Democratico), sono in crisi ovunque. Il PPE è il partito dei falchi dell’austerity e attualmente esprime il Presidente della Commissione (Juncker), del Parlamento europeo (Tajani) e del Consiglio europeo (Tusk)". Tra i "falchi dell'austerity", poteva dunque essere citata pure la Merkel, che fa parte del Ppe. Ma questo è solo il principio del ragionamento presentato.

Poche righe dopo, su Il blog delle stelle, si legge quanto segue: " Questi dati dimostrano che anche in Europa c’è il patto del Nazareno ed è espresso dalla coabitazione di PPE e S&D, veri responsabili delle politiche fallimentari europee di questi anni. In campagna elettorale questi partiti diranno che risolveranno i problemi, prometteranno mari e monti, ma le loro idee puzzano di naftalina". La puzza di "naftalina", insomma, sarebbe svanita, insieme a buona parte se non tutte le idee originarie che avevano contraddistinto il grillismo battagliero e pronto a mettere in discussione persino la moneta unica.

Diceva C.S. Lewis che "non puoi tornare indietro e cambiare l’inizio, ma puoi iniziare dove sei e cambiare il finale". Ecco, Luigi Di Maio, che non può cambiare l'inizio, sembra in cerca di un finale che preveda la compagnia dei "falchi dell'austerity".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

capi_tan_iglu

Lun, 13/07/2020 - 10:07

Spero per il bene dell'Italia che Topo Gigino vada a fare il pizzaiolo a Napoli e la smetta di darsi alla politica come una persona infantile (un bimbetto di 5 anni) che con la sua vanità e una personalità egocentrica ed egoista (apparire a tutti i costi) la smetta di combinare danni macroscopici. Lui insieme a tutto il M5S ha tradito se stesso e il popolo italiano. Meglio che il M5S sparisca prima di combinare ulteriori guai.

graffio2018

Lun, 13/07/2020 - 10:08

è ovvio che se diventi schiavo di qualcuno, immediatamente gli piaci :-)))

machimo

Lun, 13/07/2020 - 10:09

Che tipo. Sembra un bambino piccolo che è contento quando la mamma lo complimenta. È questi sono i politici che rappresentano il nostro paese, poveri noi, siamo ridotti al massimo. Grazie mattarella che ci hai ridotto così.

cgf

Lun, 13/07/2020 - 10:09

In una sola parola: pivello. Il lato tragicomico è che ci rappresenta all'estero.

filder

Lun, 13/07/2020 - 10:10

Probabilmente la Merkel ha sentito dire che Di Majo ha svolto molto bene il servizio di bibitaro e non mi meraviglierei se lo invitasse a fare lo stesso nei loro Gasthaus a servire boccali di birra

cgf

Lun, 13/07/2020 - 10:12

Spiegate al bibitaro che nella favola originale di cappuccetto rosso non esiste nessun cacciatore che salva nonna e nipotina

Ritratto di saggezza

saggezza

Lun, 13/07/2020 - 10:24

Fanno a gara per compiacere alla merkel. La germania appoggia i governi che fanno gli interessi della germania e non certo dell'Italia. I traditori da noi abbondano.

adal46

Lun, 13/07/2020 - 10:31

Siamo in mano a dei camaleonti...

Ritratto di saggezza

saggezza

Lun, 13/07/2020 - 10:35

anche il monti di napolitano piaceva tanto alla merkel.

Giorgio Colomba

Lun, 13/07/2020 - 10:41

Alla Frau piacevano pure Monti, Letta, Renzi, Gentiloni, "statisti" da operetta che abboccano alla pelosa piaggeria istituzionale della cancelliera in barba agli interessi del paese che rappresentano. Giggino poi l'ha calorosamente ringraziata offrendole in omaggio una bibita.

dare 54

Lun, 13/07/2020 - 10:46

La Merkel gli ha fatto un complimento!!! Il nostro ministro esperto di relazioni internazionali è ora diventato ancora più importante ai nostri occhi ... lo ha detto la Merkel!!! O forse c'è dell'altro che non sappiamo?

Calmapiatta

Lun, 13/07/2020 - 10:48

Certo che piace alla Merkel. La signora avrà tutti i difetti, ma fessa non è. Il so scopo, contrariamente ai politici italici, è lavorare per il proprio paese, quindi quale cosa migliore che avere a disposizione un giullare utile per ogni occasione?

leopard73

Lun, 13/07/2020 - 10:57

La Frau angela gli AVRÀ detto che sei un Pinco pallino e lui se la gode!!!

Ritratto di mbferno

mbferno

Lun, 13/07/2020 - 11:09

E fu subito "ammmmmmore" a prima vista...caspita,che coppia,Merkel-Di Maio,roba da può albergo Trivulzio.

Popi46

Lun, 13/07/2020 - 11:43

Ah,ah,ah, Giggino piace alla Merkel...., certo,ce lo sapevamo, i polletti arrosto piacciono a tutti..... chissà se Giggino continuerà a piacere tanto agli italiani in quel d’autunno, quando sui rami come le foglie...

Nes

Lun, 13/07/2020 - 12:05

La donna più forte del mondo se lo mangia in un solo boccone

SemprePiùBasito

Lun, 13/07/2020 - 12:31

Che illuso, ma facciamolo illudere ... dopo che vedrà come tratteranno Conte si accorgerà quanto tapino sia lui.

ziobeppe1951

Lun, 13/07/2020 - 12:48

Mi sono sempre chiesto... ma come si fa a mandare in giro per il mondo uno così

mifra77

Lun, 13/07/2020 - 13:13

Gli ha chiesto se va a fare il pizzaiolo in Germania! La Merkel ha fiutato il fesso

agosvac

Lun, 13/07/2020 - 13:42

Gigino, purtroppo, non ha capito niente. Forse è ancora troppo "figlio" del comico demente! Piacere alla signora Merkel non è un titolo di merito ma di grande, grandissimo demerito. La signora Merkel ama l'Italia solo quando ci viene in vacanza( fossi uno dei nostri governanti, glielo impedirei). Ma essendo stati per diversi anni gli unici a fare concorrenza alla Germania da un punto di vista industriale e commerciale, ci considera pericolosi. Potremmo farlo ancora, se solo si riuscisse a cacciare fuori Conte dal Governo. Ma , probabilmente, si dovrebbe anche mettere Mattarella in condizioni di non potere nuocere all'Italia, cosa non semplice, ma fattibile se solo tutte le opposizioni fossero d'accordo e bene determinate a farlo.

DIAPASON

Lun, 13/07/2020 - 13:43

da alcune indiscrezioni pare che la crucca gli abbia ordinato due aranciate e un chinotto

Klotz1960

Lun, 13/07/2020 - 14:26

Frasette complimenti e convenevoli diplomatici lasciano il tempo che trovano, inclusi quelli presunti della Merkel su Di Maio. Piuttosto, vorrei capire come si fa a parlare ancora di "leadership" della Merkel, quando da ormai 4 anni nell'UE non si decide piu' NULLA ( frontiere, immigrazione, Covid, bilancio, etc). Se non si riesce piu' a decidere piu' NULLA, e perfino le colonie economiche della Germania quali Olanda Danimarca e Austria si ribellano alla Merkel, e' evidente che non c'e' proprio NESSUNA LEADERSHIP. Quando ve ne accorgerete?

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 13/07/2020 - 17:34

Gigino ride? Ci mancavano lui e le sue chiacchiere. La testimonianza vivente del fallimento delle idee di Grillo e compagnia. Hanno conquistato il potere con la promessa del reddito di cittadinanza, ma ora hanno paura delle nuove elezioni, dato che è ormai evidente che torneranno indietro, probabilmente scendendo sotto al 10%. Infatti sono terrorizzati, perché è certo che gli Italiani torneranno a votare per il centro destra, per Silvio, Salvini e Meloni. Viva l’Italia vera!