Elezioni politiche 2022

"Meloni? Fantastica". Sandra Milo plaude alla leader di FdI

Sandra Milo non vota da quando c'era Bettino Craxi ma ora si dice soddisfatta del risultato elettorale che ha premiato Giorgia Meloni

"Meloni? Fantastica". Sandra Milo plaude alla leader di FdI

Sandra Milo esulta per la vittoria di Giorgia Meloni alle ultime elezioni e non nasconde la sua soddisfazione. Ospite di "Un giorno da pecora" su Rai Radio 1, infatti, l'attrice si è espressa positivamente in merito alla possibilità che la leader di Fratelli d'Italia possa essere il prossimo presidente del Consiglio, la prima premier donna della storia della Repubblica italiana. "Sono contenta della vittoria della Meloni, lei è brava e bella, è un piacere ascoltarla. Sono preoccupata perché lei si trova a governare in un momento difficilissimo, dovrebbe essere un genio per risolverlo", ha detto Sandra Milo.

Guardando il suo percorso politico e dove l'ha portata il suo essere coerente e sempre lineare nelle sue affermazioni, Sandra Milo non ha alcun dubbio a definire Giorgia Meloni "un genio" a livello professionale: "Lei è fantastica". Sandra Milo non si è sottratta a nessuna domanda durante l'intervista di Geppi Cucciari e Giorgio Lauro e si è espressa anche sul (quasi) ex premier Mario Draghi, che dal suo punto di vista avrebbe sbagliato le sue scelte sulla guerra in Ucraina: "Lui mi piaceva molto. Poi hanno iniziato a fare la guerra, inviando le armi. Io la penso come il Papa: la pace non si fa con le armi. E poi vorrei che togliessero le sanzioni, che riaprissero le vie commerciali, detesto l'idea di passare l'inverno al freddo".

Sandra Milo ha le idee molto chiare da questo punto di vista ma alle scorse elezioni ha preferito astenersi dal voto e non andare alle urne: "Non ho votato, non ero convinta e quindi è stato meglio così. L'ultima volta che l'ho fatto è stato per Bettino Craxi, sono socialista da quando avevo 12 anni". Se quanto detto da Sandra Milo corrisponde a realtà, sono decenni che l'attrice non si reca alle urne, quindi la sua non può definirsi un'indecisione dettata dalla confusione dell'attuale quadro politico. Al di là di questo, però, nella sua intervista è emersa una netta preferenza verso Giorgia Meloni, che si incastra perfettamente con quella della maggior parte degli italiani che sono andati al voto lo scorso 25 settembre.

Commenti