Mentana: "I Cinquestelle sono a un bivio"

Enrico Mentana analizza la crisi dei Cinquestelle a Roma e indica due strade: "O si arrestano da soli come l'Ispettore Clouseau oppure fanno un'inversione a U verso il garantismo"

Mentana: "I Cinquestelle sono a un bivio"

I Cinquestelle sono a un bivio ed è colpa loro. A pensarlo è Enrico Mentana che, con un post su Facebook, spiega che per un garantista la nomina di Raffaele De Dominicis ad assessore al Bilancio e il ‘caso Muraro’ non sarebbero un problema. Ma i Cinquestelle, come è noto, non sono garantisti.

Cosa farebbe un garantista

Per un garantista “non ci sarebbe nessun problema nel fatto che un magistrato sia stato consigliato come assessore al bilancio dallo stesso avvocato nel cui studio legale lavorava la Raggi prima di diventare sindaco”, scrive Mentana riferendosi all’avvocato Sammarco, fratello del penalista che difese Previti. "Per un garantista – continua il direttore del tg La7 - anche il fratello di Jack lo Squartatore è persona perbene fino a prova del contrario, figuriamoci in questo caso, in cui la macchia del fratello penalista è avere avuto un cliente ingombrante: ci sono giudici costituzionali che hanno difeso clienti finiti all'ergastolo”.
Lo stesso discorso vale per Paola Muraro, l'assessore all'ambiente al Comune di Roma che risulta iscritta nel registro degli indagati. “Non è neppure l'anticamera di un avviso di garanzia, - spiega ancora Mentana - che a sua volta sarebbe solo uno strumento a tutela del cittadino sotto indagine, ancora lontano mille miglia giudiziarie da una sentenza. Le questioni di opportunità per un amministratore cominciano a affacciarsi solo con un eventuale rinvio a giudizio, pensa ogni garantista”.

I Cinquestelle a un bivio

“Ma il problema è proprio qui: che il Movimento 5 stelle non è mai stato garantista, - scrive - anzi: in passato ha sempre denunciato politicamente ogni vicinanza chiacchierata, ogni commistione, ogni atto giudiziario subito da suoi avversari. I suoi esponenti di punta hanno sistematicamente chiesto le dimissioni di politici e amministratori raggiunti da avvisi di garanzia, o perfino solo parenti di indagati”. Per questo motivo ora il Movimento Cinquestelle è a un bivio:“essere coerente con quanto predicato fin qui, col rischio concreto di rottamare da solo la sua prima grande esperienza di governo a Roma, come un ispettore Clouseau che dichiara in arresto se stesso; oppure riflettere in modo molto serio - e fatalmente autocritico - sui guasti del giustizialismo cieco”. “L'onestà non si impone con le manette o le dimissioni forzate, ma – conclude Mentana - col rispetto della legge, che contempla anche i diritti e, appunto, le garanzie. Una inversione a U? Magari una maturazione: in cui potrebbe rivelarsi preziosa proprio la Raggi, con la sua esperienza legale. Fatta dove, non importa”.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti