Migranti, Di Maio teme i porti aperti del Pd: "Così Salvini crescerà ancora"

Luigi Di Maio ha paura di perdere terreno e ha il terrore dei sondaggi: Salvini, infatti, cresce ancora

Migranti, Di Maio teme i porti aperti del Pd: "Così Salvini crescerà ancora"

Il Conte bis è partito non senza tentennamenti. A quasi una settimana dal giuramento, i gialli e i rossi stanno già litigando perché non la vedono proprio nello stesso modo su diverse questioni. Ma comunque cercano di tenere duro: meglio litigare e tenersi stretti la poltrona piuttosto che andare a casa. Ma soprattutto, meglio stare insieme da "litiganti" piuttosto che lasciare il posto a Matteo Salvini. Ma proprio il "tema Salvini" va approfondito.

Come svela un retroscena de La Stampa, infatti, l'ex titolare del Viminale sta ricrescendo nei sondaggi. Da quando? Da quando il governo dell'inciucio ha (ri)spalancato le porte delle nostre coste. Con lo sbarco degli 82 migranti della Ocean Viking gli italiani hanno cominciato a ricredersi su questo accordo nato fra Pd e M5S. Rimpiangono Salvini e questo Luigi Di Maio non può tollerarlo. Ecco perché parla di un nuovo governo, di una nuova stagione, ma sul tema immigrazione "non vuole andare più indietro di Minniti". Non può accettare a cuor leggero il cambio di passo tanto voluto del Pd. I migranti delle ong, quindi, sbarcheranno in Italia, ma poi dovranno essere redistruibiti fra i vari Paesi europei. E la parola deve essere mantenuta dall'Ue, pensa Di Maio. Altimenti sarà un disastro. (Già lo è)

Giggino ha il terrore di perdere altri consensi con questa mossa tanto voluta dai dem, ma soprattutto ha il terrore che l'acerrimo nemico Salvini si prenda tutto. I sondaggi stanno indicando proprio questa strada. Come scrive La Stampa, Di Maio ha paura che l'alleanza con il Pd possa finire "per fare più male che bene al suo MoVimento tanto da affrettarsi a dire che non c'è 'nessuna discontinuità' (per quanto riguarda il tema immigrazione, ndr) rispetto al passato col governo della Lega". Ma la discontinuità c'è eccome. Pure le ong se ne sono accorte e festeggiano alla grande. Ma Gigino non può permettere che tutto questo accada, sa benissimo anche lui che la linea di Salvini sulla gestione dei flussi migratori ha portato i suoi risultati. Risultati che agli italiani piacevano anche tanto.

Dal canto suo, il Pd ha capito che Di Maio non sta passando giornate facili e gli dà tempo. Il Pd si esalta per il cambio di linea (anche se il M5S non la vede così) e crede che questa "discontinuità" - tanto rivendicata da Zingaretti - possa bloccare la crescita di Salvini. Un ragionamento contorto il loro visti gli ultimi sondaggi. Ma preferiscono crederci.

E intanto nel governo regna il caos più totale. M5S terrorizzato da sondaggi, dall'arrivo di altri migranti e da Salvini, Pd entusiasta di tutto.

Immagine strip mobile Immagine strip desktop e tablet

Commenti