Politica

Mogherini spende 3 milioni per un servizio da tavola

Il Telegraph contro Lady Pesc: "Ordina stoviglie e argenteria degne di un imperatore, mentre i migranti muoiono in mare"

Mogherini spende 3 milioni per un servizio  da tavola

Bicchieri di cristallo, candelabri e secchielli d'argento per il ghiaccio, porcellana finissima con lo stemma dipinto in oro. La scena non è tratta da un'istantanea scattata a Buckingham Palace o nel palazzo del Sultano del Brunei.

Perché lo stemma è quello dell'Unione Europea e quel servizio da cena da mille e una notte è stato commissionato dalle istituzioni di Bruxelles. Per la precisione dal Servizio Europeo per l'azione esterna, di fatto il ministero degli Esteri dell'Unione. L'organo che raccoglie tutti i diplomatici Ue, evidentemente ansiosi di sedersi a cena in uno sfarzo che ben si sarebbe intonato alla Versailles del XVIII secolo. Con Federica Mogherini, naturalmente, a capotavola.

Secondo fonti del britannico "The Telegraph", le istituzioni europee avrebbero ordinato un servizio da tavola che verrà usato dai 3360 impiegati e ospiti delle sedi di Bruxelles e dalle 140 ambasciate in tutto il mondo. Il tutto per la folle cifra di quasi tre milioni di euro, pari a dieci volte la spesa di un analogo servizio recentemente acquistato dalla Casa Bianca. Per ciascun delle persone per cui il servizio è stato acquistato si spende in media quasi mille euro.

Un incredibile paradosso per un'istituzione che ogni giorno si batte il petto (ma senza agire) per la sorte dei diseredati che bussano alle sue porte. Intanto dallo staff della Mogherini fanno sapere che "il Servizio europeo di azione esterna ha lanciato una gara d'appalto che copre un periodo di 4 anni per acquistare non un singolo servizio, ma i pezzi che si dovessero rendere necessari, senza dove lanciare ogni volta una gara nuova e massimizzando i risparmi. Non si tratta dunque dell'acquisto singolo di un servizio, ma della sostituzione in caso di necessità dei pezzi rotti nelle 140 delegazioni in tutto il mondo e nella sede, e dell'acquisto di pezzi nuovi solo nelle nuove delegazioni. I 3 milioni di euro sono un tetto massimo di spesa per il periodo dell'appalto; si spenderà realmente solo quanto necessario e il Seae assicurerà che sia il minimo possibile".

Commenti