Governo

A Natale 80 euro in più. Sui premi di produzione aliquota di favore al 10%

Nelle more dell'introduzione strutturale di un regime fiscale sostitutivo, nel 2024 la tredicesima mensilità per i lavoratori dipendenti viene incrementata di un importo non superiore a 80 euro

A Natale 80 euro in più. Sui premi di produzione aliquota di favore al 10%

Ascolta ora: "A Natale 80 euro in più. Sui premi di produzione aliquota di favore al 10%"

A Natale 80 euro in più. Sui premi di produzione aliquota di favore al 10%

00:00 / 00:00
100 %

Nelle more dell'introduzione strutturale di un regime fiscale sostitutivo, nel 2024 la tredicesima mensilità per i lavoratori dipendenti viene incrementata di un importo non superiore a 80 euro. Il provvedimento riguarda i contribuenti con reddito complessivo non superiore a 15mila euro. Allo stesso modo, a meno di un'esplicita rinuncia, sono soggetti a una imposta sostitutiva del 10%, entro il limite di 3mila euro lordi annui, i premi di risultato di ammontare variabile «la cui corresponsione sia legata al miglioramento, anche tenendo conto del contesto economico e sociale di riferimento, di indicatori di produttività, redditività, qualità, efficienza, innovazione, reputazione e responsabilità sociale». In sostanza, il decreto oggi in Consiglio dei ministri riporta al regime antecedente il 2023 la tassazione dei premi di risultato, abbassata al 5% sia l'anno scorso che in quello corrente, per le retribuzioni fino a 80mila euro fino a una soglia di 3mila euro lordi. La legge di Bilancio 2024 prevede che i premi di risultati possano essere utilizzati anche per riscattare i «buchi» previdenziali (per i lavoratori che hanno iniziato l'attività dal 1996 e quindi sono interamente nel contributivo) per un massimo di 5 anni anche non continuativi. Il dipendente può chiedere al datore di sostenere l'onere del riscatto.

In questo caso l'importo è portato in deduzione dal reddito d'impresa del datore o dal proprio reddito di lavoro autonomo. Per quanto concerne, invece, la determinazione del reddito di lavoro dipendente del lavoratore, i contributi versati per suo conto non concorrono a formare reddito da lavoro.

Commenti