"Come un punto interrogativo". Chi è il ministro delle gaffe

Vorrebbe mandare gli studenti a scuola nel week-end, mentre al posto del Ponte sullo Stretto aveva proposto una pista ciclabile. Ecco tutte le gaffes del ministro Paola De Micheli

La didattica a distanza non può durare ancora per molto, il governo lo ha capito e il ministro Paola De Micheli ha avuto uno dei suoi colpi di genio: mandare i ragazzi a scuola anche nel week-end.

La titolare del dicastero dei Trasporti, entrata alla Camera nel 2008 come esponente dei think tank lettiano Trecentosessanta e Vedrò per poi diventare filo-renziana nel corso della scorsa legislatura, ora potrebbe diventare il classico 'agnello sacrificale' nell’ambito di un rimpasto di governo. La De Micheli, che aveva ricoperto ruoli di governo già con Renzi e Gentiloni e che è stata persino commissario per la ricostruzione delle aree colpite dal sisma del 2016, si è resa protagonista di innumerevoli e imbarazzanti gaffes ed errori. Eppure, il ministro viene dipinto “una persona molto competente e preparata”. “Ovviamente una donna che ha una responsabilità così enorme viene criticata perché vuole affrontare i problemi e vuole risolverli. Molte critiche sono eccessive ed ingenerose”, dice a ilgiornale.it chi conosce bene e da tempo la De Micheli. Sta di fatto che, finito il lockdown, più di qualcosa non ha funzionato nel trasporto pubblico e questo ha inciso soprattutto sul mondo della scuola.

“Purtroppo ci tocca constatare che il nostro Paese è costretto a nuove restrizioni anche per via di alcuni settori dove si è lavorato poco. La ministra De Micheli da giorni minimizza, ma quello del trasporto pubblico rimane un problema da affrontare”, scrissero i senatori grillini della commissione Lavori Pubblici e Trasporti a fine ottobre addossando a lei la colpa della chiusura delle scuole e salvando, indirettamente, la grillina Lucia Azzolina dalle sue inadempienze. E ancora: “Parla di studi legati alla sicurezza del Trasporto pubblico locale in modo poco chiaro, ma la verità è che su pensiline strapiene o carrozze di treni con centinaia di persone senza finestrini la sicurezza non può essere garantita”. In effetti, la De Micheli per ovviare all’impossibilità di risolvere il problema del sovraffollamento di metro e bus, propose persino di considerare gli studenti come dei “congiunti”. La sua soluzione fu quella di dare una “definizione più ampia del concetto dei congiunti, estesa anche a compagni di classe e di lavoro per derogare al distanziamento di un metro”.

Ancora più strampalata è da considerarsi la sua proposta alternativa al Ponte sullo Stretto. “Abbiamo istituito una commissione per capire qual è lo strumento migliore per collegare la Sicilia alla Calabria. Per collegarle su ferro, su strada e con una pista ciclabile", scrisse su Twitter la De Micheli che, in Parlamento, è conosciuta per essere una donna dall’indole molto sportivo, con un passato da runner e da giocatrice di pallavolo. Lei, che nel biennio 2016-2018 è stata anche la prima presidente donna della Lega Volley di Serie A maschile, è stata subito presa di mira sui social. Il comico Luca Bizzarri che, su Twitter, commentò: "Io mi chiedo come facciano a non sapere che prenderli per il culo sta diventando troppo semplice. (Comunque io suggerisco la catapulta)". Ben più grave fu l’atteggiamento tenuto dal ministro questa estate quando, riferendosi ai disagi relativi alla viabilità in Liguria, parlò di“narrazione praticamente inventata”, salvo poi ritrattare rapidamente le sue parole.

Una serie infinita di gaffes che mettono in cattiva luce l’operato del ministro, anche se il suo gradimento personale non è così disastroso. “È una ministra defilata, non di primo piano. Le sue parole non sono oggetto della stessa attenzione riservata alla ministra dell'istruzione, a quello della salute o a quello dell'economia”, spiega il sondaggista Alessandro Amadori, raggiunto telefonicamente da ilGiornale.it, che conclude: “Non è né amata né odiata, è una figura poco investita emotivamente, in un certo senso è come se l'immaginario collettivo non si fosse ancora fatto un'idea precisa di questa ministra. Quasi un punto interrogativo...”.

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 03/12/2020 - 10:37

Almeno fosse ingegnere. Ma che ci sta a fare in quel posto?

Rugantino49

Gio, 03/12/2020 - 11:20

Poverina, dopo aver sentito il proclama di Di Maio il quale si vantava di aver cancellato per decreto la povertà degli italiani, pensava che anche il contagio potesse essere combattuto mediante arzigogoli in perfetto burocratese, qausi che scrivendo del limite massimo di capienza dei mezzi pubblici gli stessi si sarebbero magicamente raddoppiati di numero!

MALENNIO

Gio, 03/12/2020 - 11:31

Che domande Leonida! Oggi si premia l inefficienza...

anfo

Gio, 03/12/2020 - 11:50

Be da una che già in giovane età è riuscita a far fallire un'azienda cosa ti puoi aspettare! Meritocrazia trinariciuta.

ulio1974

Gio, 03/12/2020 - 12:18

"“Non è né amata né odiata,": diciamo, piuttosto, che non la caga nessuno, come si dice a milano.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Gio, 03/12/2020 - 12:52

la vedrei bene come portinaia in un condominio a Quarto Oggiaro.

Ritratto di navigatore

navigatore

Gio, 03/12/2020 - 13:19

la poltrona fissa è cosa primaria, poi si vedrà sxxle capacità e competenze di chi la occupa, ma essendo grillo - comunista è tutto nella norma in cxxo al popolo italiota che continua a dargli credito...io NO !

Ritratto di bracco

bracco

Gio, 03/12/2020 - 13:39

Questa non è neppure capace a bollire i tortelli alle feste dell'unità , immaginarsi fare il ministro. ma poco importa non è neppure colpa sua, è un prodotto offerto da quello che è la sinistra

Triatec

Gio, 03/12/2020 - 15:41

Dopo i successi riportarti da commissario alla ricostruzione post-sisma Centro Italia, si è pensato bene di premiarla affidandole il ministero delle infrastrutture e dei trasporti. Così va l'Italia, più sei incompetente più sei premiato.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 03/12/2020 - 16:02

@MALENNIO - E' proprio vero.

Sualfa

Gio, 03/12/2020 - 17:16

Leonida55,Devono per forza nei ministeri importanti mettere gente che non ci azzecca,perchè se no salterebbero fuori certe magagne da far paura.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 03/12/2020 - 19:10

@Sualfa - vero, ma altro che magagne escono con questi. Molta inefficenza.

Yossi0

Ven, 04/12/2020 - 18:46

beati coloro che assistono agli incontri fra lei e il ministro degli esteri esperto in geografia e grammatica e lei con le sue gaffes ... ci sarebbe da ridere a crepapelle ... manca solo il più grande di tutti i tempi tony nelly ... stamo freschi

Duka

Sab, 05/12/2020 - 10:02

Ministro? Ma per piacere !! è l’ennesima miracolata di livello boldriniano che tuttavia intasca 20.000 Euro al mese dei nostri soldi sudati.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 07/12/2020 - 11:09

Ci sarebbe pure la questione Suarez pure.

Sabino GALLO

Lun, 07/12/2020 - 12:36

Non ha più senso criticare questo o quel ministro ! Il "popolo sovrano" li ha votati, direttamente o indirettamente ! Il "popolo sovrano" è diviso in "parti", alcune delle quali sono ridicole anche per il nome che si danno! Ma anche il "popolo sovrano" ha qualche giustificazione ! Conclusione : nel nostro disastrato PAESE è difficile,ora, trovare dei colpevoli particolari ! Gli italiani più saggi e più seri "si sono isolati", perché disgustati da quanto accade in Italia e nel Mondo! E la "situazione generale" (Italia e Mondo) è analizzata da "quelli che possono farlo" ! Pochi i "buoni e coraggiosi"! La maggioranza del tutto priva di cultura e di idee! Nel dopo-Covid,....forse..!