Renzi fa un sito anti pm. "Ci sono troppi imputati a cui va chiesto scusa"

Offensiva dell'ex premier contro la gogna giudiziaria. "Indagini difensive su Open"

Guerra a Renzi punto it: il nome che l'ex premier ha scelto per il sito che sta per lanciare dice tutto. E che ci sia una sorta di caccia all'uomo mediatico-giudiziaria contro Matteo Renzi lo rilevano in molti, anche tra i non simpatizzanti del leader di Italia viva.

L'inchiesta contro la Fondazione Open (che prosegue, nonostante la clamorosa bocciatura di gran parte degli atti e degli assunti accusatori da parte della Cassazione) e lo stillicidio di cartuccelle, senza alcuna rilevanza penale ma zeppe di gossip e allusioni, da parte di alcuni organi di informazione specializzati nel fiancheggiamento delle procure tengono sotto pressione l'ex premier, indagato per «finanziamento illecito», e il suo partito. E lui reagisce col consueto piglio polemico, sfidando lo strapotere delle procure e denunciando il troppo frequente condizionamento della vita politica per mano giudiziaria. Così, alla vigilia della convocazione in Procura a Firenze per essere ascoltato, domani, dai titolari dell'inchiesta, Renzi annuncia l'apertura di un sito ad hoc (www.GuerraARenzi.it) attraverso il quale «seguiremo i processi, le indagini, le accuse e daremo conto in modo trasparente della situazione». Ospite ieri in Rai di Lucia Annunziata, ha anche spiegato che il suo team legale farà «indagini difensive», ascoltando testimoni e alla fine «vedremo chi ha ragione».

Quale sia la dirompente portata di azioni giudiziarie come quella sulla Fondazione Open, rischiosissime «invasioni di campo» per condizionare la politica, Renzi lo aveva più volte denunciato, anche diversi mesi fa nell'aula del Senato: «Così la magistratura non decide solo cosa è finanziamento illecito, ma pretende di decidere cosa è partito e cosa no. E se al Pm affidiamo non già la titolarità dell'azione penale ma dell'azione politica, questa Aula fa un passo indietro per pavidità e paura e lascia alla magistratura la scelta di cosa è politica e cosa non lo è».

Ora l'ex primo ministro torna alla carica, denunciando quante volte protagonisti politici siano stati abbattuti da inchieste giudiziarie finite poi nel nulla e in clamorose assoluzioni. Ricorda due nomi di recente tornati alla ribalta: «Roberto Maroni e Antonio Bassolino: due politici per i quali in questi giorni sono cadute le accuse penali. Chissà se qualcuno, prima o poi, chiederà scusa, chissà», si chiede retoricamente, ben sapendo la risposta. «Nel frattempo, il mio messaggio è sempre uno solo: non perdete fiducia nella giustizia. Perché la verità, prima o poi, arriva», conclude.

Intanto però il suo partito sta pagando caro il turbine giudiziario che si è abbattuto su di lui: la raffica di perquisizioni e sequestri di carte e computer he ha investito chi aveva dato un contributo alla renziana fondazione Open è stata stigmatizzata dalla Cassazione, che ha annullato molti degli atti dei pm dichiarandoli immotivati. Ma hanno raggiunto ugualmente un obiettivo, racconta Renzi, quello di «bloccare i grandi finanziatori, che ora hanno paura delle conseguenze mediatiche di un sostegno nei miei confronti». Di qui un appello ai suoi elettori, affinchè facciano sottoscrizioni economiche a Italia viva: «Servono piccoli versamenti da 2, 5, 10 euro - dice Renzi - per fare la differenza: abbiamo bisogno dell'aiuto di tutti». Nell'intervista tv il leader di Italia viva smentisce di essere candidato al vertice Nato («Non credo proprio»), e esulta per la vittoria valanga di Joe Biden negli Usa: «Un capolavoro di Obama, che ha fatto ritirare gli altri candidati. E una vittoria storica per tanti motivi, che ci dice che si vince al centro: la sinistra o è riformista, o è destinata a perdere».

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

lorenzovan

Lun, 23/11/2020 - 17:22

lo vedo gia' a guidare FI

epc

Lun, 23/11/2020 - 17:25

Sì è vero, ci sono troppi imputati a cui andrebbe chiesto scusa! Il primo fra tutti è Matteo Salvini. Il secondo è Silvio Berlusconi.

Popi46

Lun, 23/11/2020 - 17:29

Peccato che sia di sn! (quasi)

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 23/11/2020 - 17:38

stai pure a casa, senza la qualifica di onorevole , deputato, senatore, ecc, perchè tu per primo dovresti chiedere scusa a berlusconi , ma non lo facesti, anzi, dicesti testuali parole: "game over" ..... :-) ora che ti preoccupano le indagini dei PM sulla tua famiglia e su di te, tiri fuori questo giochetto.... questo si chiama ipocrisia e paraculismo!!

caren

Lun, 23/11/2020 - 17:53

Coerenza: altra componente fondamentale che non è di casa in Italia.

Enricolatalpa

Lun, 23/11/2020 - 18:01

@mortimermouse: ahimè, è proprio così! Tuttavia, la cosa più grave è che in questo paese l'opinione dilagante è che se sei indagato sei colpevole a prescindere! Inoltre, è praticamente impossibile fare politica senza trovarsi nella necessità di dover foraggiare truppe di avvocati per difendersi dalla nostra cosiddetta magistratura indipendente (solo il termine mi fa ridere!). Risultato: solo la peggior feccia si dedica alla politica. Gli altri, gli onesti, se ne stanno ben lontano. Povera Italia!

Tommaso.Rossi

Lun, 23/11/2020 - 18:26

@mortimermouse Renzi è stato l'unico a tendere una mano a Berlusconi nel peggior momento della sua carriera politica, dopo la condanna ai lavori socialmente utili. L'ha fatto per i proprio interessi? Può darsi, in politica non ci sono Babbi Natale. Ma, di fatto, se Berlusconi si è ripreso dall'abisso in cui era politicamente precipitato, lo deve anche a lui. Poi le cose sono andate come sono andate, Berlusconi si è fatto fuorviare da personaggi interessati al momento dell'elezione di Mattarella, ed il patto del Nazareno, che avrebbe potuto essere la prima pietra di un movimento fondamentale per l'Italia, è miseramente crollato. Non è mai troppo tardi, però per riparare gli errori fatti, da una parte e dall'altra: non ci sono, al momento, due personaggi politici con gli interessi più convergenti di Berlusconi e Renzi, se si facessero ancora la guerra sarebbe insensato.

Ritratto di 02121940

02121940

Lun, 23/11/2020 - 18:28

Non so a che titolo parli Renzi ed a chi egli si riferisca, stante la storia della sua famiglia. Di certo, a destra, abbiamo i casi di Silvio Berlusconi e Matteo Salvini, attaccati da iniziative penali basate sulle chiacchiere. Storie che non si devono ripetere in una repubblica, se vi regna l’onestà.

evuggio

Lun, 23/11/2020 - 18:33

Renzi da quando è nato politicamente ha sempre fatto dei gran bei discorsi - ed a suo tempo si era infatti guadagnato la fiducia di tanti italiani che l'hanno mandato a Palazzo Chigi. Peccato che tutte le sue AZIONI CONCRETE vadano sempre nella direzione opposta delle sue parole - e infatti nessuno ormai gli crede più e non riesce a scollarsi dal 3%. Io credo che se facesse UNA VERA BUONA AZIONE (muoversi concretamente per mandare a casa questo governo di incapaci, per essere buoni) recupererebbe parecchi consensi; peccato che sia CONTRO LA SUA NATURA!

lorenzovan

Lun, 23/11/2020 - 19:06

epc..a matteo salvini devi solo chiedere se la porchetta la vuole al sangue o ben abbrustolita..di quello se ne intende--

leopard73

Lun, 23/11/2020 - 19:15

Forse sei l'unico che non devi essere scusato ricordo le banche caro Renzi !!!!!!

necken

Lun, 23/11/2020 - 19:20

checchè se ne dica l'Italia avrebbe bisogno di un forte partito di centro per trovare un suo equilibrio

killkoms

Lun, 23/11/2020 - 19:31

Ma intanto ci andava d'accordo!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 23/11/2020 - 19:39

@lorenzovan - a te invece possiamo chiedere solo un calcolo semplice col pallottoliere. Di più non ce la fai. Ma cosa scrivi a fare qui che sei molto scarso?

ex d.c.

Mar, 24/11/2020 - 11:32

Più che altro ci sono troppi magistrati che con crudeltà e l'arroganza tipica dell' assurda ideologia hanno rovinato tante persone e provocato danni irreparabili al Paese