La Russa assolto dall'accusa di diffamazione a Tulliani

In televisione La Russa aveva detto di Tulliani: "Non è proprio uno stinco di stanto"

Arriva dal tribunale monocratico di Roma la decisione di assolvere Ignazio La Russa, che doveva rispondere dell'accusa di diffamazione nei confronti di Gianfranco Tulliani, che in televisione aveva definito come "non proprio uno stinco di stanco", in riferimento alla questione dell'appartamento di Montecarlo.

Il giudice ha accolto la richiesta del pm sulla questione, che risaliva al 2010, quando La Russa era stato invitato a parlare durante una trasmissione sul secondo canale della televisione pubblica, per la vicenda dell'appartamento che fu ceduto ad An dalla contessa Colleoni.

Al processo La Russi si è dichiarato "stupito della necessità di comparire come imputato" e ha poi detto che nelle sue parole verso Tulliani è stato "anche morigerato". "Ero a conoscenza dei suoi atteggiamenti presuntuosi che facevano leva esclusivamente sul rapporto di parentela con Fini che lui rivendicava. All’epoca dell’intervista era su tutti giornali la storia dell’appartamento di Montecarlo: una vicenda che mi addolorava molto così come addolorava le tante persone vicine al partito che avevano visto quell’appartamento finire in modo poco trasparente a Tulliani".

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 26/01/2018 - 14:49

Beh...in effetti....

Ritratto di 02121940

02121940

Ven, 26/01/2018 - 15:05

L'assoluzione di La Russa era inevitabile. Ciò che colpisce è che per chiudere la vicenda sia stato necessario arrivare ad una sentenza. Ora rimane da vedere come finirà il processo a carico di Fini e dei Tulliani in ordine alla vicenda della "casetta" di Montecarlo. Il timore è che si chiuda con un nulla di fatto, cioè con una sentenza di non luogo a procedere per sopravvenuta prescrizione, in ossequio ad una norma tipicamente italiana, che opera a favore dei furbetti. Siamo pur sempre nel bel paese.

claudioarmc

Ven, 26/01/2018 - 16:09

Ci mancherebbe pure!

Libertà75

Ven, 26/01/2018 - 16:10

Oggi non puoi appellare un indagato neanche come un "presunto non innocente" che subito ti arriva una querela... Va beh... Comunque possiamo dire che Tulliani è più permaloso della Boldrini senza dubbio.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 26/01/2018 - 16:27

Attendiamo il processo.

ulanbator10

Ven, 26/01/2018 - 16:43

Per querele del genere una magistratura normale e sana neppure procederebbe, ma inizierebbe subito un processo per intralcio alla giustizia contro il querelante. Invece il sig. La Russa puo' ritenersi fortunato di essere stato assolto, perché se Fini avesse mantenuto il suo potere ed il suo giro di amicizie tra i magistrati, avrebbe rischiato anche una condanna col relativo risarcimento.

Ritratto di JSBSW67

JSBSW67

Ven, 26/01/2018 - 17:40

Non so chi dei due sia più permaloso, potremmo comunque dire che è più permaloso che onesto...

Ritratto di elio2

elio2

Ven, 26/01/2018 - 17:43

Qualche cosa sta cambiando, non tanto tempo fa l'avrebbero condannato. Mi sa che dopo essere stati abbandonati dagli elettori, i compagni stanno per essere abbandonati anche dai magistrati. Un classico, quando la nave affonda i topi scappano.

Ritratto di zanzaratigre

Anonimo (non verificato)

Happy1937

Ven, 26/01/2018 - 18:12

E' vero , nei confronti del Tulliani La Russa è stato morigerato. Ora dovrebbe chiedere al Tulliani i danni per avergli rotto le scatole con questa causa insensata.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 26/01/2018 - 19:07

---larussa ormai vale quanto il 2 di coppe---finito in un partito che a stento si arrampica al 5---politicamente poi--è già finito da un pezzo--

Ritratto di Arduino2009

Arduino2009

Ven, 26/01/2018 - 19:12

I fatti correnti lo hanno dimostrato che propio santo non lo è affatto, ma fino a prova contraria non si può neanche definirlo delinquente.

demetrio_tirinnante

Ven, 26/01/2018 - 19:22

Fu molto tenero Larussa nel definire il tulliani "non proprio uno stinco di stanco". Pare che il Tempo, che è galantuomo, gli stia dando ragione. Diggiàmolo!

un_infiltrato

Ven, 26/01/2018 - 19:35

Tulliani Gianfrancarlo: condannato, latitante, arrestato, adesso liberato su cauzione. Ma come si permise l'avvocato Larussa di apostrofare "non proprio stinco di santo" un gentiluomo di cotanta statura?

MOSTARDELLIS

Ven, 26/01/2018 - 20:58

E ci hanno fatto anche un processo? Cose da pazzi....

apostata

Ven, 26/01/2018 - 22:37

parafrasando brecht si potrebbe dire c'è un giudice a dubai

Popi46

Sab, 27/01/2018 - 06:06

Poi si dice lo spreco di denaro pubblico.... ci voleva un processo per appurare che il Tulliani si era diffamato da solo?

Vairone

Sab, 27/01/2018 - 10:45

che faccia tosta questo tulliani

cicerino

Sab, 27/01/2018 - 11:37

elkid——che mi….. c’entra il tuo discorso contro Larussa e il suo Partito—— tieni la mente al fresco——la tua frustrazione contro tutto ciò ——che è di destra —— ti fa delirare——stammi bene e——accetta le righe, Punto e Virgola