La salvezza dei tacchini

Se dici che vincerai sei a zero e poi pareggi tre a tre è ovvio che il risultato sa di sconfitta

Se dici che vincerai sei a zero e poi pareggi tre a tre è ovvio che il risultato sa di sconfitta. Dalle urne delle Regionali non è infatti arrivata la spallata alla sinistra che Salvini aveva annunciato: il Pd si tiene Toscana, Puglia e Campania e cede le Marche al centrodestra, che si conferma trionfalmente in Veneto e agevolmente in Liguria. Siamo quindi al paradosso che una ulteriore crescita nel Paese dei governi regionali di centrodestra (solo due anni fa erano 13 a 7 per la sinistra, oggi sono 15 a 5 per il centrodestra) passa oggi per essere un mezzo fallimento.

E lo stesso si dica per l'annunciata vittoria del «Sì» al referendum sul taglio dei parlamentari. Solo poche settimane fa nessuno avrebbe scommesso che il «No» avrebbe potuto superare, come accaduto, la ragguardevole quota del 30 per cento (e, col senno di poi, se Salvini e Meloni avessero avuto un po' più di coraggio invece di consegnare la vittoria a Di Maio, l'esito sarebbe stato probabilmente opposto).

Le elezioni di ieri dicono altre due cose. La prima è che i Cinque Stelle ormai sono un partito elettoralmente debole e ben lontani dai fasti di due anni fa. La seconda è l'assoluta marginalità del partito di Renzi, che si è dimostrato sia in Puglia sia in Toscana irrilevante per le sorti del centrosinistra.

Ma quel che per noi più conta sono i segnali che arrivano dal centrodestra. Le ambizioni di Salvini non trovano conferme nella realtà: la Lega non è pronta a sfondare nelle roccaforti rosse né a consolidare il suo consenso al Sud. E la corsa della Meloni (sua la vittoria nelle Marche) per la prima volta segna un passo falso, quello del suo candidato Raffaele Fitto in Puglia.

Il combinato disposto di tutto quanto sopra porta a una sola conclusione: per i prossimi due anni cioè fino alla scadenza naturale della legislatura - nulla cambierà nel governo del Paese, o almeno non accadrà nulla di significativo, il che non è propriamente una bella notizia. Trovo infatti assai improbabile che il Parlamento, preso atto del risultato del referendum, si auto-sciolga come sarebbe logico e corretto. Avete mai sentito tacchini chiedere di anticipare il Natale?

I commenti saranno accettati:
  • dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 20:00
  • sabato, domenica e festivi dalle ore 10:00 alle ore 18:00.
Non sono consentiti commenti che contengano termini violenti, discriminatori o che contravvengano alle elementari regole di netiquette.
Qui le norme di comportamento per esteso.
Commenti

Eii

Mar, 22/09/2020 - 17:15

Direttore ma se potrebbe licenziare tutti completamente "tutti" senza distinzione sti politici (visto i risultati) che non prevedono miglioramenti anche se vengono dimezzati??

lavitaebreve

Mar, 22/09/2020 - 17:30

IL CENTRO-DESTRA È PER LO SCIOGLIMENTO DEL PARLAMENTO , LA SINISTRA E I GRILLINI SONO CONTRARI. IL PERCHÉ QUEST'ULTIMI SONO CONTRARI NON È DIFFICILE DA CAPIRE.

lorenzovan

Mar, 22/09/2020 - 17:42

e io che credevo che la battuta sui tacchini fosse riferita al trio della fotografia,,opppure si..son proprio loro..e sallusti lo dice sottotracccia per non inorridire i fidi salvioti

Ritratto di 02121940

02121940

Mar, 22/09/2020 - 18:00

Si sapeva benissimo che vincere in Toscana, la regione rossa per antonomasia, era molto difficile e lo sapeva anche Salvini, il quale ha lavorato per vincere ed infatti il centro-destra ha vinto, rovesciando il passato. Salvini, con lui la Meloni ed un Silvio Berlusconi in recupero, lavorerà per il prossimo futuro, non lontano

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 22/09/2020 - 18:00

Penso di comprendere lo stato d'animo del povero Sallusti il quale vorrebbe inveire contro Salvini ma non può farlo per "ragion di stato". In effetti "l'uomo che sussurrava ai citofoni" nonostante il suo costante girovagare per l'Italia, il suo trangugiare mozzarelle di bufala e orecchiette con le cime di rapa, nonostante le aggressioni da parte di aspiranti santone del voodoo, probabilmente non ha raccolto un solo voto in più ma casomai ne ha fatti perdere alla coalizione. Di certo lui ed il suo partito da questa tornata elettorale escono fortemente ridimensionati sia in termini di voti che di fallite aspirazioni offrendo così al CSX un salvagente dove aggrapparsi per lo scampato pericolo.

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 22/09/2020 - 18:17

Non sarei del tutto certo che Conte sopravviva. La sconfitta alle regionali (quando si perde una Regione è un sconfitta!) non resterà senza conseguenze. Al Governo non ci sono degli statisti o dei politici e neppure dei politicanti, ma una banda di incapaci, ignoranti, scappati di casa, buoni a nulla. E' questo che alimenta le speranze: le risse da cortile, le coltellate nella schiena, gli assalti furibondi alle poltrone aumentano se gli introiti della banda scendono, e ieri sono scesi: c'è un Regione in meno da depredare. Potrebbe essere la miccia che fa esplodere il Conte II.

acquario13

Mar, 22/09/2020 - 18:17

Dire che si fa cappotto o dire che si vince 7 a 0, è una stupidità enorme. Cose che non si dicono nemmeno sotto tortura. Significa mobilitare anche quelli che non sarebbero andati a votare per lo schifo da 5S o PD, ma ci vanno per non far vincere Salvini. Bisogna essere più equilibrati nel parlare. Io sto con il CDX, ma veramente si scivola spesso su bucce di banana facilmente evitabili.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mar, 22/09/2020 - 18:26

Non è affatto tenuto a sciogliersi dal momento che la riforma prevede espressamente che entrerà i vigore alla scadenza di questa legislatura e che anzi, avendo trovato questo parlamento un sostanziale consenso popolare alla sua riforma è legittimato ad andare avanti per completare l'opera.Quanto al resto concordo.

curioso50

Mar, 22/09/2020 - 18:46

Dreamer_66 Se Salvini ti sembra ridimensionato al 26% ..come si sentiranno i 5stelle al 6.5%.

Paolo17

Mar, 22/09/2020 - 18:47

Tutto sommato questa tornata non è andata male: il CDX conquista una Regione rossa e per qualche istante fa tremare l'imperturbabile Toscana. In altri momenti si sarebbe festeggiato per la vittoria e probabilmente si sarebbe cominciato a tallonare Mattarella. Invece, ancora una volta, per l'ennesima volta, le idiozie di un asino che fa il bulletto da stadio e annuncia il cappotto del 7-0 (ben sapendo che era matematicamente impossibie) e invita a votare SI al Referendum, assieme all'altra fenomena borgatara, ha fatto passare questa tornata come una vittoria di Zingaretti e di Di Maio. La Lega affretti i tempi per cacciare l'asino e il CDX unito si cerchi un candidato di livello, istruito, lungimirante, presentabile, non estremista e che ragioni con il buon senso e non con i facili slogan.

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 22/09/2020 - 18:51

Quousque tandem abutere, lorenzovaf, patientia nostra?

Morion

Mar, 22/09/2020 - 18:56

Su alcuni punti perfettamente d'accordo!

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 22/09/2020 - 18:57

Chi fu quello sportivo che disse avvedutamente ... non dire gatto se non l'hai nel sacco?

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 22/09/2020 - 19:00

Per una volta sono daccordo col Direttore. Purtroppo (per lui e i suoi accoliti) il risultato delle urne è poco sindacabile. Ovviamente le convergenze finiscono qui trovando invece decisamente una bella notizia che "non accadrà nulla di significativo"; non perché questi siano belli e buoni ma solo perché quegli altri sono decisamente peggio e purtroppo, stavolta davvero, non vivendo in un paese in cui si abbia l'imbarazzo nello scegliere i migliori ma vivendo in uno in cui tocca scegliere il meno peggio (a seconda del proprio sentire ovviamente) bisogna fare buon viso a cattivo gioco ...

Masci gina

Mar, 22/09/2020 - 19:09

E' giunta l'ora che Salvini cambi mestiere e vada per la prima volta a lavorare visto che continua a vivere sulle spalle dei contribuenti. L'Italia ha bisogno di gente pragmatica che risolva i problemi (molti) che attanagliano soprattutto i meno abbienti. Zaia lo vedo molto capace al riguardo. Salvini con il mantra dell'immigrazione non va piu' da nessuna parte. Non ha piu' argomenti per essere credibile.

Ritratto di nestore55

nestore55

Mar, 22/09/2020 - 19:18

Dreamer_66 Mar, 22/09/2020 - 18:00...Talmente ridimensionati che il centro destra governa in 15 regioni su venti...Del resto, aspettarsi onestá intellettuale da voi, é come pretendere che una pietra galleggi. Si consoli con le salamelle rancide che le offrono gratis alla bocciofila dei kpmpagnuzzi suoi.E.A.

Ritratto di michageo

michageo

Mar, 22/09/2020 - 19:23

….come al solito , hanno vinto tutti, non si sa contro chi o per chi………. e "quelli la"" rimangono inchiavardati alla poltrona , con una mensa in arrivo ricchissima…. e chi li schioda più???

necken

Mar, 22/09/2020 - 19:25

é importante che abbia vinto il Si cosi sono costretti a riformare altrimenti non l'avrebbero mai fatto(conta il Paese e non gli interessi di partito, comunque in tanti nel CDX hanno seguito i consigli del Direttore visto il divario fra Si ed elettorato CDX in particolare in Veneto). Salvini e Meloni possono comunque migliorarsi alla prossima tornata elettorale tanto si vota tutti gli anni

Santippe

Mar, 22/09/2020 - 19:33

Salvini e Meloni - con questa stupidaggine della presunta coerenza e (ancora più grave) con il lasciarsi trascinare dal demagogico vento dell'antipolitica - non hanno fatto altro che mettere aria nel trombone di Di Maio, consentendogli di strombazzare la vittoria del SI e coprire la disfatta delle regionali e comunali, a prescindere dalla coltellata alla cieca alla Costituzione.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Mar, 22/09/2020 - 19:37

@nestore55 Domenica il centrodestra governava 14 regioni su 20 e oggi una in più, peraltro piccola. E sarebbe questo il grande stravolgimento che tanto la ringalluzzisce? Le faccio presente che il governo lo forma chi prende più voti a prescindere da dove li prende e a queste elezioni l'attuale compagine governativa ha portato a casa poco meno di 1 milione di voti in più del centrodestra unito. E che la Lega abbia subito una consistente emorragia di consensi rispetto al suo passato recente è un fatto incontestabile che si legge dai numeri (che per loro natura non sono né di destra né di sinistra) o meglio, il Veneto dimostra che per la Lega il problema ha un nome ed un cognome

Sabino GALLO

Mar, 22/09/2020 - 19:46

Certo "....non è propriamente una bella notizia." Ma è una notizia che deve trasformarsi nella volontà di realizzare una "UNITA' DI IDEE E DI PROGRAMMI ", con confronti razionali! Chi ha fatto "RICERCA" professionale sa che ci sono differenze anche profonde tra i ricercatori aventi un certo obiettivo! Ma questo DEVE ESSERE l'IMPEGNO DI TUTTI ! La "ricerca senza soluzione condivisa" (cioè senza confronti razionali!) è priva di senso per i cittadini in attesa e per il denaro speso! I confronti possono essere duri fra i protagonisti! Ma senza farne pubblicità inutile! La "ricerca" deve concludersi con un risultato ottenuto da "tutti insieme"! Metodo non molto noto in "politica"! Ma potrebbe essere utile anche per "essa" !

IlCazzaroNero

Mar, 22/09/2020 - 19:50

Dreamer 66 (a.c.)? L autosuggestione a volte aiuta ma poi la cruda realtà ti rende tutto amaro. Ti piaccia o no la Lega è sempre prima e 15 regioni su 20 (in attesa di fare il pieno prossimamente) sono amministrate dal centrodestra. E l uomo che sussurrava alla Merkel, grande Statista universalmente conosciuto, anche se per ora è scampato al pericolo non dorme comunque sonni tranquilli

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 22/09/2020 - 19:50

El Presidente Mar, 22/09/2020 - 19:37 UN VECCHIO PROVERBIO DEL MIO PAESE : "ACINA AD ACINA SI RIEMPE LA MACINA"...MEDITA,MEDITA!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mar, 22/09/2020 - 19:57

Ver odirettore un 3-3 non significa aver perso il cmpionato. Ma il 15 a 5 sa di coppa campioni. Per i comunisti che parlano di regionali. Se le ultime elezioni fossero state Piemonte, Lombardia Veneto, Liguria, Calabria, Sicilia, Sardegna sarebbe stato 7-0 cappotto. Coincidenza vuole che 3 su 5 rosse sono state tutte contemporanee. Una riflessione...no, i comunisti non capiscono o fanno orecchio da mercante.